“Ringhio”, squadra compatta e gioco frizzante. Ecco come Gattuso vuole il suo Pisa

FILETTOLE – Secondo allenamento agli ordini di mister Gattuso ieri pomeriggio per i ragazzi nerazzurri dopo la presentazione dell’ex bandiera di Milan e Nazionale, avvenuta ieri mattina nella sala dell’Accademia Palace, presso Ospedaletto.

di Matteo Badalamenti

image

LAVORO TATTICO. Seduta di allenamento incentrata quasi totalmente sull’aspetto tattico e sulla trasmissione dei principi cardine del 4-3-3 che l’allenatore vuole vedere in campo, probabilmente già dalla gara amichevole in programma oggi (ore 17) contro il Forte dei Marmi, squadra dilettantistica che milita nel campionato di Eccellenza, sparring partner designato per questa seconda uscita dei nerazzurri in Versilia.

IL LAVORO DI RICCIO. Per quanto riguarda l’aspetto tecnico, Gattuso ed i suoi collaboratori (tra cui segnaliamo il vice Riccio, molto attivo per tutto il tempo) hanno curato particolarmente la disposizione in campo e l’atteggiamento da adottare quando gli impegni si faranno più seri e importanti, il tutto tramite diverse esercitazioni situazionali collettive con e senza palla, ad intensità variabile.

SQUADRA COMPATTA. Da ciò che si può intuire, Gattuso vuole una squadra tosta, compatta ed aggressiva, che esprima un gioco corale, pronta a “sporcarsi le mani” in difesa ed abile nel ripartire velocemente, verticalizzando e prediligendo l’utilizzo delle corsie laterali, al fine di fornire più variabili possibili al tridente offensivo molto mobile e senza punti di riferimento.

image

GIOCO FRIZZANTE. Un gioco frizzante ed una sfida ambiziosa, in cui si vuole unire il bel gioco alla concretezza, senza naturalmente dimenticare un elemento fondamentale: il gruppo. E sono proprio gli aspetti motivazionali e caratteriali quelli in cui il nuovo mister sembra attualmente più a suo agio. Si perché Gattuso tiene alta la concertazione dei suoi ragazzi quasi con la stessa “delicatezza” con cui, immaginiamo, comunicava in campo con avversari e compagni. Voce sempre riconoscibile e tono deciso quando c’è da lavorare, paterno e prodigo di consigli per alcuni singoli alla fine dell’allenamento.

PISA AD ALTA VISIBILITÀ. Sicuramente un piccola vittoria Gattuso l’ha già ottenuta, quella di aver riportato, con il suo arrivo e le sue parole, entusiasmo tra i tifosi e visibilità pressoché mondiale ad una piazza nobile e storica per il calcio e non solo, che da troppo tempo aspetta una grande soddisfazione e un po’ di stabilità, scottata oltremodo dalle montagne russe a cui il Pisa ci ha purtroppo abituato negli ultimi tempi. Speriamo possa essere davvero la volta buona, per tutti, società ed allenatore.

By