Rino Gattuso: “Non sarà facile, ma a Macerata la mia squadra farà una grande prestazione”. Sul futuro: “Niente contro Terravision, ma ho un idea diversa del calcio”

PISA – Alla vigilia del big-match contro la Maceratese parla davanti a telecamere e taccuini il mister nerazzurro Rino Gattuso

SULLA PARTITA DI DOMANI. “Sarà una partita molto difficile, molto dura, la Maceratese è una squadra che riparte bene e sono molto bravi sui calci piazzati. Durante la partita sono molto bravi a cambiare moduli. Hanno fatto un gran campionato quando nessuno se l’aspettava”.

SULLA SQUADRA. “Sono convinto che la mia squadra farà una grande prestazione. È chiaro che anche se abbiamo due risultati su tre non andremo a fare le barricate, voglio una squadra propositiva che si giochi la partita”.

SULLA SQUALIFICA. “Dove vedrò la partita? “Non ti nego che è possibile che guardi la partita anche dal pullman sul cellulare con 40 secondi di differita”. Poi dice: “Credo che Riccio ne sappia più di me”. “La squalifica non l’ho presa bene, ma il passaggio che ho fatto è stato sbagliato, ma lo rifarei. Ho pagato la multa, l’ho data ai ragazzi ed è giusto così”.

SUI PLAY-OFF. “Domani se vinciamo facciamo un bel passo in avanti, se pareggiamo è tanta roba, ma abbiamo Lupa Roma e Pistoiese che sulla carta sono abbordabili, ma quando vai in campo le partite non sai mai come vanno a finire”

SULLA SITUAZIONE. “Avrò tutta la rosa a disposizione, rimarranno a Pisa Crescenzi squalificato e Polverini che continuerà le cure a San Rossore. Fautario e Avogadri saranno a disposizione”

SUL FUTURO. “Per me motivo di orgoglio essere arrivato qui con un po’ di scetticismo. Ad oggi sono contento dell’effetto della gente e continuerò nelle difficoltà a portare avanti la brava fino alla fine. Sicuramente adesso c’è più veleno di prima in me. A fine stagione potremo parlare meglio”.

QUALCOSA E’ CAMBIATO. “Dall’inizio dell’anno si è passati da una condizione familiare ad idee diverse. Non ho niente contro la Terravison, ma ho sicuramente idee del calcio diverse rispetto ai College”.

By