Rino Gattuso: “La Spal ha il dente avvelenato. Semplici? Deve vincere con il Pisa non con me”

PISA – Alla vigilia della gara contro la Spal ha parlato davanti a telecamere e taccuini il mister nerazzurro Rino Gattuso

di Antonio Tognoli

GATTUSO FA IL PUNTO SULLA SQUADRA. “Gli infortunati non stanno bene e questa settimana è mancata la continuità di allenamenti. Non sono infortuni gravi, ma sono fastidiosi, quindi dovremo essere bravi a valutarli. Avere Lisuzzo, Longhi e Mannini sarà molto difficile. Non mi piace perderli poi eventualmente per due-tre mesi”

IL MISTER PARLA DEI SINGOLI. “Cani? Non sono contento della convocazione con la Nazionale, perché non sta bene, preferivo stesse qua con noi e continuasse le cure”. Gatto? “Pian piano si sta riprenderò, spero di averlo a tempo pieno dalla prossima settimana. È un giocatore che ci potrà dare una grossa mano”. Lazzari? Un giocatore che ci mancava, può fare la mezza punta, però deve trovare la posizione giusta. A Carpi ha giocato nella sua situazione migliore quando avevamo bisogno di spingere e recuperare il risultato”. Montella? In rapporto qualità-prezzo è un giocatore importante, che gioca poco, ma crea tantissimo. Ci potrà dare una grossa mano”.

GLI INFORTUNATI. “Tabanelli mi ha chiesto di rimanere a Cesena, sta recuperando e la prossima settimana inizierà a corrichiare con noi. Polverini invece si allena a Roma a Villa Stuart. I due ragazzi non sono con noi nel quotidiano, ma stanno lavorando duro per recuperare. Domani avremo in panchina 2-3 giocatori della Primavera: Favale, Birindelli e D’Angina”.

FUORI ROSA. “In Makris non vedo il veleno che serve per essere reintegrato nella rosa, in questo momento lovedo in Caponi benché lo scorso anno ho avuto dei problemi con lui. Siccome nella mia vita nessuno mi ha regalato nulla e io di conseguenza non regalo niente a nessuno. La maglia del Pisa fa sudata. Quello che conta è solo il campo. Quando si va là dentro bisogna lottare”.

SUI TIFOSI. “Devono continuare ad essere coerenti come hanno fatto fino ad ora è non fare casino con le forze dell’ordine. Domani chi vorrà entrare lo potrà fare chi vorrà stare fuori sarà l’obero di farlo e i tifosi hanno fatto bene a precisarlo. L’Italia si dice, sia, un paese democratico, quindi…”

SULLA SPAL. “Semplici ha detto che con me non ha mai vinto? Deve vincere con il Pisa non con me. Detto questo loro hanno il dente avvelenato dallo scorso anno perché li abbiamo battuti due volte su altrettante sfide. In attacco hanno guadagnato centimetri, noi non stiamo bene, non lo dico per mettere le mani avanti, ma perché è così. Sarà una partita dove dovremo stare molto attenti”.

SULLA CONDIZIONE. “A metà novembre miglioreremo la nostra condizione fisica, adesso in questa situazione devo andare avanti con il mio programma di allenamento anche se a me non piace fare un ora di campo e poi richiamare dentro i ragazzi, ma al momento purtroppo non posso fare diversamente”.

SUL CAMPIONATO. “Avere una buona organizzazione in questo campionato sicuramente aiuta, mi piacerebbe vedere la mia squadra muoversi meglio in fase offensiva, tante volte le letture che andiamo a fare in campo sono letture sbagliate e con poca velocità”.

SUL SETTORE GIOVANILE. “La dignità dei bambini non si tocca e questo silenzio assordante a me dà fastidio. Vedere un bambino con la borsa in mano davanti ad un cancello chiuso, o spogliarsi in un supermarket non va bene. Sto parlando come padre e non come allenatore e spero che questa situazione si risolva perché non è certo bella”.

By