Rino Gattuso, il più Guerriero dei Guerrieri. Il tecnico nerazzurro premiato a Marina di Pisa

MARINA DI PISA – Qualora ve ne fosse stato bisogno, un’altra grande manifestazione d’affetto tra il “Popolo Nerazzurro” ed il suo “amato” Mister Rino Gattuso è andata in scena venerdi sera, 29 luglio, in occasione della consegna, in Piazza delle Baleari a Marina di Pisa, del “Premio Le BaleariIl Guerriero Pisano”, costituito da una splendida “Targa Ricordo”.

di Giovanni Manenti

https://www.facebook.com/pisanews.net/?ref=bookmarks (Guarda le foto di Roberto Cappello sul profilo Facebook di Pisanews)

Dopo una breve presentazione ed i saluti di rito da parte del Presidente dell’Associazione “Il Guerriero Pisano”, Alessandro Cesarotti, è toccato al conduttore della serata, l’ottimo Aldo Paradossi, introdurre quale primo Personaggio cui è stato assegnato il riconoscimento – giunto quest’anno, ricordiamo, alla sua 15.ma Edizione – proprio Rino Gattuso, la cui motivazione, ha ricordato Paradossi, è già nel soprannome “Ringhio” affibbiatogli nel corso della sua luminosa carriera da calciatore, con la speranza che possa proseguire su questa strada anche nelle vesti di Tecnico, meglio ancora se alla guida del Pisa.

Visibilmente emozionato, anche per i consueti “slogan” lanciati dai numerosi tifosi che gremivano la piazza, Gattuso, che ha ricevuto il Premio direttamente dalle mani del Sindaco Marco Filippeschi, ha commentato, con poche ma sentite parole, “nella motivazione avete detto di un ragazzo “fuggito” dalla Calabria. Ebbene, è vero, avevo appena 12 anni quando ho lasciato la mia terra per inseguire un sogno che, fortunatamente, si è avverato. Questa sera vedo qui in Piazza tanti bambini (“marmocchi”, li ha definiti, per la precisione …), ecco anche io ho un figlio di 8 anni che gioca al Calcio e da padre, non da ex giocatore o da allenatore quale ora sono, rivolgo un appello a tutti i genitori di far divertire i vostri figli, non mettete loro una pressione con la speranza che diventino famosi, quando vado a vedere una partita di mio figlio mi nascondo, perché non si può ascoltare quello che viene detto in Tribuna, è una cosa diseducativa.” Non poteva certo mancare un riferimento alla situazione societaria tutt’altro che limpida in casa nerazzurra, in merito alla quale il Tecnico ha chiosato: “Io ho commesso un grave errore: ho bruciato lo striscione “Mai una gioia” ed invece andava mantenuto, perché qui le sorprese sono all’ordine del giorno. Non è facile lavorare quando non vi sono certezze sul futuro, l’organizzazione societaria è la prima pietra su cui si costruiscono i risultati, ma ciò non vuol dire che si lasci qualcosa di intentato per continuare a dare a questa Piazza, con cui sin dai primi giorni dal mio arrivo è immediatamente scattato il “giusto feeling”, le soddisfazioni che la stessa merita”.

Lasciato il palcoscenico agli altri Protagonisti della serata, gli stessi non sono certo stati da meno di Gattuso nel meritare tale riconoscimento, a partire da Francesco Martinelli, premiato dal Consigliere Regionale Antonio Mazzeo, per l’impegno profuso nel sociale attraverso la Fondazione di “SECOND FAMILY”, un’associazione senza scopo di lucro che si pone l’obiettivo di sostenere iniziative per ragazzi con disabilità, storie difficili alle spalle sul territorio pisano, il quale ha voluto dedicare il Premio all’oramai famoso, ma ne farebbe volentieri a meno, “Piccolo Christian”, il bambino di quattro anni affetto da una grave malattia neurodegenerativa e che sta lottando assieme alla sua Famiglia per cercare di uscire da questa grave situazione.

E’ stata quindi la volta di Umberto Macchi, quale esponente di spicco nell’ambito della Tecnologia Digitale ed uno dei più titolati a livello nazionale per quanto attiene ai “Social Network”, un genio dell’informatica in parole povere, a ricevere il giusto riconoscimento dalle mani dell’Assessore al Personale del Comune di Pisa, Federico Eligi, per poi poter confermare “come il Mondo sia in continua evoluzione, occorre stare al passo con i tempi per non restare al di fuori delle sfide che quotidianamente ci vengono proposte e, di sicuro, il mio è un settore dove “chi si ferma è perduto”.

Con tutto il rispetto per gli altri premiati, ci sembra doverosa una particolare menzione per l’opera portata avanti da Don Armando Zappolini, il quale riveste l’importante ruolo di Presidente Nazionale del CNCA (Coordinamento Nazionale delle Comunità di Accoglienza), una funzione che mai come in questi tempi richiede doti di sacrificio, dedizione, forza e grinta come quelle di cui solo un “vero Guerriero” può disporre e delle quali nessuna fa difetto al Sacerdote, ordinato all’età di 24 anni e che dell’impegno nel sociale ha fatto la sua ragione di vita perché, come da lui stesso sottolineato, ricevendo il premio dall’Assessore al Bilancio Andrea Serfogli, “per me essere prete non vuol dire recitare la Messa, confessare i fedeli, dire due preghiere alla sera e rinchiudersi in Canonica …!!”, più chiaro di così…

In ultimo, una ulteriore nomina è a discrezione non della Giuria, ma dipende direttamente dal Sindaco di Pisa, e per quest’Edizione del Premio il nostro Primo Cittadino ha inteso evidenziare con tale riconoscimento il prezioso lavoro fatto nel sociale, nella propria veste di Presidente della Sezione di Pisa della Croce Rossa Italiana, da Antonio Cerrai, del quale ha riconosciuto l’importante opera svolta anche nell’accoglienza e successivo smistamento dei migranti che transitano per la nostra città, eseguita con tale cura e perfezione che quasi non ce ne accorgiamo, e questo non può che essere l’apprezzamento migliore per quanto posto in atto da lui e dalla sua fantastica equipe, si badi bene, formata tutta da Volontari.

Con Cerrai, si sono concluse le Premiazioni, ma non la serata, che ha riservato la sua seconda parte ad una splendida Rievocazione Storica della Conquista delle Isole Baleari da parte della potente Flotta Pisana, per poi concludersi con spettacoli pirotecnici che non hanno mancato di affascinare il pubblico presente e che non potrà certo dolersi di aver presenziato ad una così perfettamente riuscita Edizione del “Premio Le Baleari – Il Guerriero Pisano”.

By