Rino Gattuso: “Abbiamo giocato con il sangue agli occhi”

PISA – Mister Rino Gattuso analizza la vittoria dei suoi ragazzi con l’Arezzo.

di Antonio Tognoli

(Foto Francesco BatoniVietata la riproduzione)

“Questa settimana non siano stati bene, anche dopo la partitina del giovedì mi ero accorto che la squadra non stava bene e così oggi ho pensato di partecipare al riscaldamento dei ragazzi per vivere da vicino il pre partita con loro. Provenzano in questi ultimi mesi è cresciuto molto, meritava di giocare di più, anche io ho avuto il braccino corto a non farlo giocare. Con Capuano a fine gara ci siamo salutati. È un allenatore da cui accetto volentieri i complimenti perché è uno che capisce di calcio. Tabanelli avrà la risonanza domani a San Rossore, Varela ha una piccola contrattura, lo rivedremo in campo nei prossimi giorni, Crescenzi ha fatto una chiusura alla fine del primo tempo e sentiva male al pube ed è uscito. Oggi non abbiamo fatto una grande partita, ma a differenza di domenica abbiamo giocato con il sangue agli occhi. Cani ed Eusepi? Possono fare quello che vogliono. Cani ho sempre detto che è un giocatore importante, ha avuto problemi alla schiena, siamo stati bravi a non farlo operare e ora lo stiamo ritrovando. Con l’impegno e la caparbietà credo sia arrivato il suo momento. Ora spero che faccia gol anche Eusepi, oggi ha attaccato gli spazi, l’ho visto molto bene. Mi ha fatto molto piacere che la Curva mi ha dedicato un coro, io sto bene qua, sento grande responsabilità verso tutti, abbiamo lavorato giorno e notte. Tante volte se mi vedete teso è perché sento molto questa piazza”.

By