Riprendere le missioni all’estero: l’eccellenza della chirurgia d’emergenza all’esame degli Ispettori Internazionali

PISA – Sono sempre pronti a partire e a intervenire nel giro di 24 ore per portare assistenza alle popolazioni colpite da terremoti e catastrofi naturali nei più disparati teatri del mondo.

Sono il Gruppo di Chirurgia di Urgenza Onlus Pisa, 120 tra medici e infermieri, una eccellenza assoluta del volontariato toscano. Hanno rischiato di dover rinunciare per sempre alle missioni in giro per il mondo, perché privi delle necessarie risorse economiche per adeguare il pronto soccorso chirurgico e ortopedico (tecnicamente Posto Medico Avanzato) efficiente quanto leggero, strutturato con tende pneumatiche e facilmente trasportabile anche nei territori più ostici da Haiti alla Cina, dallo Sri Lanka alla Romania.

Ad impedire che questa onlus pisana gettasse per sempre la spugna e rinunciasse alla propria missione, è intervenuta la Regione Toscana, che con due delibere ha stanziato i necessari finanziamenti, provvedendo inoltre alla firma di uno specifico Protocollo firmato a Palazzo Strozzi lo scorso 28 gennaio tra l’assessore alla Salute Stefania Saccardi e la presidente dell’Associazione Augusta Nepi.

Obiettivo: adeguare il pronto soccorso mobile ai criteri di protezione civile europea, a partire da nuovi standard introdotti dall’Onu, così da ottenere la certificazione entro il 2019. “Sono richiesti 20 nuovi posti letto in più per almeno 14 giorni, e questo richiede uno sforzo notevole, sia dal punto di vista logistico, che di personale sanitario impegnato” – spiega la presidente del G.C. U. Nepi che aggiunge: “Come onlus,viviamo solo dei proventi del 5 per mille. Senza l’intervento della Regione Toscana, del presidente Rossi e dell’assessore regionale Saccardi per noi sarebbe stata la fine. Un sincero ringraziamento anche al Dipartimento della Protezione Civile che ci è stato vicino durante le missioni e ci ha supportato, sia economicamente che moralmente, stimolandoci ad entrare nel progetto di certificazione EMT2”.

Un sostegno concreto alle attività del G.C.U. di Pisa è quello che proviene da Confcommercio Provincia di Pisa, impegnata a diffondere presso il mondo imprenditoriale e a sostenere l’eccellenza del G.C.U.

Lunedì 24 giugno gli ispettori dell’Organizzazione Mondiale della Sanità saranno al Parco della Pace di San Giuliano Terme, impegnati nella prima serie di ispezioni finalizzate al rilascio della certificazione EMT2 ovvero Emergenza Medica di Secondo Livello, certificazione necessaria affinché la onlus toscana possa continuare a portare soccorso nel mondo.

Il giorno dopo, mercoledì 25 giugno, a partire dalle ore 10,30, è in programma un momento istituzionale aperto al pubblico, al quale sono state invitate le massime autorità. Non potrà essere presente il Governatore della Regione Enrico Rossi, l’invito è stato inoltrato tra gli altri, al capo dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli,agli assessori regionali Saccardi e Fratoni, alla responsabile della Cooperazione Sanitaria Internazionale Maria Osè Pinilla, ai rappresentanti delle principali istituzioni locali, dal presidente della provincia di PisaMassimiliano Angori, al sindaco di San Giuliano Sergio di Maio, ai vertici dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana, alla Scuola Sant’Anna, alla Confcommercio Provincia di Pisa, alla Croce Rossa Italiana. Per sostenere le attività del Gruppo di Chirurgia di Urgenza Onlus Pisa, basta inserire il codice fiscale del G.C.U.0130809053 nel modulo della dichiarazione dei redditi, oppure contattare il numero 050/992532.

By