Riqualificazione delle Antiche Mura di Pisa. A luglio la fine dei collaudi

PISA – “Le antiche mura riqualificate grazie ai progetti Piuss sono un patrimonio per la città e per i pisani, una bellezza monumentale da conoscere e da visitare per i tanti turisti che tutti i giorni vengono a Pisa – commenta il sindaco Marco Filippeschi alla presentazione del bando per la gestione della cinta muraria restaurata – si tratta del più consistente dei progetti Piuss che arriva a compimento. Prima dell’affidamento della gestione definitiva organizzeremo, dopo la fine della stagione calda, un’apertura straordinaria gratuita per permettere a tutti di godere per intero del monumento ritrovato”. Il recupero ha riguardato il camminamento in quota da piazza dei Miracoli (accesso alla Torre Santa Maria) fino a piazzetta del Rosso sul lungarno Buozzi: 3,1 km con punti di salita intermedi alla torre piezometrica all’ex Marzotto (facoltà di matematica) e in piazza delle Gondole. Importante anche la riqualificazione dell’area a verde intorno alle Mura, chiamata pomerio, con nuova illuminazione, videosorveglianza e pista ciclopedonale.

«Dal punto di vista turistico sarà un’offerta importante che contribuirà ad attrarre visitatori che da piazza dei Miracoli potranno salire e passeggiare lungo il camminamento in quota recuperato godendo della splendida vista di Pisa dall’alto» continua il vicesindaco Ghezzi con delega al turismo. Per quanto riguarda le gestione il biglietto sarà al massimo di 3 euro (possibili ribassi in fase di gara), con sconti e abbonamenti speciali per i residenti dei comuni dell’area pisana, studenti, under 14 e over 65 e ingresso gratuito per disabili (salita alla torre piezometrica all’ex Marzotto) e per chi ha meno di 8 anni. Orari di apertura: minimo 8 ore e 25 giorno al mese.

«Chi vincerà il bando per la gestione dovrà occuparsi di gestione, cura e pulizia dei camminamenti in quota, sicurezza, manutenzione ordinaria sia per le Mura che per il Giardino Scotto – spiega l’assessore ai lavori pubblici Andrea Serfogli – inoltre per il Giardino Scotto: gestione del punto ristoro adiacente all’arena grande e organizzazione e gestione di eventi socio culturali come cerimonie, cinema all’aperto, teatro, concerti, mostre. E poi gestione del punto ristoro di via San Francesco (se offerto in sede di gara) e cura e gestione dello spazio verde di via delle Concette (se offerto in sede di gara) ampio circa 10mila metri quadri. Tra le offerte migliorative: punti di informazione, visite guidate e percorsi illustrativi, laboratori didattici, realizzazione e noleggio di audioguide»

Pubblicato sulla gazzetta ufficiale europea il Bando di gara per l’individuazione del soggetto che gestirà il percorso in quota delle mura medievali, il Giardino Scotto e il Bastione Sangallo. E’ il primo di tre bandi di gestione che riguardano beni riqualificati con i fondi PIUSS. Nelle prossime settimane seguiranno quello per gli Arsenali Repubblicani e la Torre Guelfa e quello per la Cittadella Galileiana (Vecchi Macelli e ex Stallette).

Elementi principali del bando, ecco il link agli atti di gara per tutti i documenti: http://www.comune.pisa.it/it/dettaglio-bando/19396/Gestione-della-Mura-e-del-Giardino-Scotto.html

Scadenza: le domande dovranno pervenire entro il 5 settembre 2016, seguirà la valutazione e quindi l’aggiudicazione provvisoria e poi definitiva; salvo imprevisti è prevedibile la conclusione dell’iter entro il mese di ottobre 2016. Durata della concessione: 10 anni.

Stima del valore complessivo della gestione: circa 10 milioni nei 10 anni.

I criteri di valutazione:
– 86 punti complessivamente per progetto culturale, progetto gestionale, offerta migliorativa e investimenti, offerta tariffaria e qualità del piano di gestione
– 14 punti per incremento delle royalties a base di gara sulla gestione delle mura (2% sul fatturato annuo) e del canone concessorio a base di gara del Giardino Scotto e del Bastione Sangallo (stimato in 6.000 €/anno).

Posti di lavoro: previsti circa 14 nuovi posti di lavoro, nella fase iniziale, per tutte le attività e i servizi.

Chi può partecipare alla gara:
– Requisiti di ordine generale: avere sede legale in uno stato membro dell’Unione Europea; non trovarsi nelle condizioni che determinano l’esclusione dalla partecipazione alla gara previste dall’art. 80 del D.Lgs. n. 50/2016;
– Requisiti di idoneità professionale: essere iscritti per attività corrispondente all’oggetto del contratto nel registro delle imprese o in uno dei registri professionali o commerciali dello Stato membro nel quale è stabilito;
– Requisiti di capacità economica finanziaria: fatturato annuo medio specifico negli ultimi tre esercizi finanziari nel settore di attività oggetto del contratto non inferiore a € 1.000.000,00. Nel caso di raggruppamento temporaneo la capogruppo deve possedere il suddetto requisito nella misura minima del 60% dell’importo, e ciascuna delle mandanti per almeno il 20%. In caso di consorzi il requisito deve essere riferito ai consorzi e non alle singole imprese consorziate;
– Requisiti di capacità tecnica e professionale: svolgimento con esito positivo nel quinquennio precedente la pubblicazione del bando di almeno due servizi di gestione di beni culturali. Nel caso di raggruppamento temporaneo la capogruppo deve avere svolto almeno un servizio. In caso di consorzi il requisito deve essere riferito ai consorzi e non alle singole imprese consorziate.

Aspetti principali della gestione delle mura medievali. Lo stato del cantiere delle mura: entro il mese di luglio saranno conclusi e collaudati tutti gli impianti, gli ascensori della torre piezometrica, di piazza Gondole e del punto di salita di piazza Del Rosso, la videosorveglianza e l’illuminazione dei percorsi a terra. Questi ultimi saranno aperti e accessibili da fine luglio.

Inaugurazione delle mura: l’evento di apertura è fissato per settembre. Seguiranno altre occasioni per visitare il monumento, fino all’avvio della gestione definitiva.

Dimensioni: il camminamento in quota è lungo 3.100 metri, con quattro punti iniziali di salita/discesa (Torre di Santa Maria, Torre piezometrica, Piazza Gondole, Piazza Del Rosso). Nel corso della concessione, una volta realizzato e collaudato a cura del Comune il primo lotto dei lavori di restauro del Bastione del Parlascio, al concessionario saranno consegnati detti locali, che dovranno essere adibiti a sua cura a punto di accesso alle mura.

Funzioni: la funzione prioritaria individuata per le mura, la più coerente, legittima e fattibile quale obiettivo di valorizzazione del bene in funzione dello sviluppo del turismo culturale è quella della visita.

Compiti principali del soggetto vincitore del bando:
– gestione degli accessi in quota sulle mura
– gestione della bigliettazione (anche online)
– cura e pulizia dei camminamenti in quota
– gestione degli aspetti relativi alla sicurezza
– manutenzione ordinaria
– gestione del punto ristoro di via San Francesco (se offerto in sede di gara)
– cura e gestione dello spazio verde di via delle Concette (se offerto in sede di gara) ampio circa 10mila metri quadri

Tariffe: almeno nel primo anno di apertura, quale incentivo alla visita nel tratto più distante dall’area monumentale di Piazza del Duomo, il percorso in quota sarà accessibile gratuitamente dalla Torre Piezometrica fino a Piazza Federico del Rosso, mentre nel tratto che va dalla Torre Piezometrica alla Piazza del Duomo sarà a pagamento. Il prezzo a base di gara del biglietto intero per il percorso in quota delle Mura è di € 3,00 (soggetto a ribasso). Il prezzo offerto sarà quello che il concessionario dovrà applicare durante la gestione, fatto salvo l’adeguamento del prezzo all’inflazione a partire dal secondo anno di gestione. Dovranno essere previste riduzioni per: minori tra 8 e 14 anni di età; adulti oltre 65 anni di età; gruppi di almeno 15 persone; studenti; gruppi di alunni di scuole pubbliche in visita didattica (accompagnatori con ingresso gratuito); residenti. Saranno previste forme di abbonamento annuale per: residenti nel comune di Pisa, residenti negli altri 5 comuni dell’area Pisana (Cascina, San Giuliano Terme, Vecchiano, Calci, Vicopisano), studenti universitari e non. Avranno diritto all’ingresso gratuito: minori fino a 8 anni di età non compiuti, accompagnati da almeno un adulto; guide turistiche; eventuali aventi diritto ai sensi delle normative vigenti; persone diversamente abili e un loro accompagnatore. Il Comune potrà disporre l’ingresso gratuito al percorso in quota per tutti i visitatori in alcuni giorni dell’anno (in numero massimo di 5/anno), in occasione di iniziative di particolare rilievo (eventi di carattere nazionale o internazionale, ricorrenze cittadine, festività), concordando preventivamente le relative date con il concessionario.

Giorni e orari di apertura: per la visita al percorso in quota delle Mura, il concessionario dovrà garantire l’apertura al pubblico per almeno 8 ore giornaliere, da diversificare secondo la stagione, per almeno 25 giorni al mese. Aspetti principali della gestione del Giardino Scotto e del Bastione Sangallo.

Funzioni: la funzione prioritaria individuata per il Giardino Scotto e il Bastione Sangallo, oltre a quella naturale e centrale di area a verde attrezzata, è quella composta dalla combinazione delle seguenti linee di attività:
– organizzazione di iniziative socio-culturali quali l’utilizzo dell’Arena per il cinema estivo, teatro, concerti all’aperto ed eventi culturali in genere;
– convegnistica quali affitto sale per convegni o per attività di formazione;
– promozione eccellenze territoriali quali affitto sale per esposizione e vendita di prodotti tipici;
– organizzazione di eventi;
– servizio di caffetteria, aperitivi e pasti freddi.

Compiti principali del soggetto vincitore del bando:
– gestione degli accessi al Giardino Scotto
– pulizia e manutenzione ordinaria del Giardino Scotto e del Bastione Sangallo
– gestione del punto ristoro adiacente all’arena grande
– organizzazione e gestione di eventi socio culturali (cerimonie, cinema, teatro, concerti, mostre)
– gestione della bigliettazione (anche online) degli eventi a pagamento
– gestione delle cerimonie dei matrimoni civili
– cura e gestione dello spazio verde del Vallo del Sangallo (se offerto in sede di gara)

Accessibilità: l’ingresso al Giardino (con orari almeno ampi quanto adesso) deve ispirarsi al principio del libero accesso a favore dei cittadini e deve essere gratuito, salvo l’area oggetto di concessione esclusiva per eventi specifici.

Cinema estivo: il servizio consiste nella proiezione cinematografica estiva presso l’Arena Grande. Tale servizio deve essere garantito almeno nel periodo luglio – agosto e dovrà vedere la programmazione di almeno 40 film diversi
Teatro all’aperto e all’interno del Bastione: il servizio consiste nella realizzazione di attività di spettacolo e di teatro rivolti sia ai cittadini che all’utenza turistica e volta a veicolare l’immagine turistica di Pisa attraverso il suo Giardino, tramite una programmazione di alta qualità in grado di valorizzare gli spazi e con la individuazione di tipologie di spettacoli improntate alla varietà dei generi ed alla congenialità del luogo.

Concerti all’aperto: il servizio consiste nella realizzazione di concerti all’aperto, tenendo conto del contesto storico e ambientale del luogo in cui si svolgono; tali eventi devono essere congrui con la valorizzazione del Giardino quale bene culturale e con la programmazione culturale esistenti.

Matrimoni civili: ogni primo e terzo sabato e domenica del mese la “Terrazza per la celebrazione dei matrimoni civili”, o in caso di pioggia il Bastione Sangallo, è destinata alla celebrazione dei matrimoni con rito civile.

Offerta migliorativa del concessionario

Il Concessionario, se offerti in sede di gara, dovrà curare le seguenti attività e servizi di accoglienza, informazione e guida e assistenza didattica:
– punti di informazione presso le biglietterie o altri locali individuati dal gestore nell’offerta;
– visite guidate e percorsi illustrativi del percorso in quota delle Mura, che ricomprendano anche il Giardino Scotto e il Bastione Sangallo, volti ad una migliore comprensione e valorizzazione del bene e del patrimonio storico culturale della città di Pisa;
– laboratori didattici, percorsi di visita specifici ed altre attività di carattere educativo e formativo finalizzate alla divulgazione e valorizzazione del bene e del patrimonio storico culturale della città rivolte alle scuole, nonché ad ogni categoria di pubblico (famiglie, adulti, anziani, ecc.), diversificate per fasce di utenza, anche in collaborazione col Comune per le analoghe attività da questi intraprese;
– realizzazione e noleggio di audioguide (almeno in italiano e inglese) o altri supporti quali app, realtà aumentata ecc;
– le attività di informazione, guida e assistenza didattica devono essere svolte da personale in possesso delle qualificazioni professionali indicate dal concessionario nell’offerta di gara, nonché di adeguate e comprovate esperienze professionali.

By