“RiscopriAMO Pisa” fa tappa in Piazza dei Miracoli

PISA – L’associazione/lista civica Pisa Nel Cuore ha organizzato, nell’ambito del ciclo di incontri “RiscopriAMO Pisa”, una visita ai monumenti di Piazza dei Miracoli, nel corso del quale si è svolto un percorso guidato al battistero, al camposanto vecchio e alla cattedrale.

L’obiettivo è quello di stimolare i nostri concittadini alla consapevolezza e alla divulgazione dei nostri tesori. All’interno dei luoghi simbolo di Pisa nel mondo, la storica guida turistica pisana con oltre trent’anni di professione Silvia Piccini ha illustrato le ricchezze artistiche e storiche della piazza. La serata si è conclusa nella cornice del Grand Hotel Duomo, per un conviviale apericena nel quale i presenti hanno discusso insieme delle idee per rilanciare la nostra città. In questo contesto il candidato Sindaco di Pisa Nel Cuore, Raffaele Latrofa, ha illustrato il progetto Pisa Card, parte integrante del capitolo del programma elettorale dedicato al turismo.

PISA CARD. Raffaele Latrofa ha individuato quello che è un grosso problema per Pisa, il turismo mordi e fuggi e come risolverlo: “Noi vogliamo studiare un accesso diverso alla città da parte dei turisti che adesso sono specializzati nel mordi e fuggi e poi vanno via. Abbiamo l’occasione di far funzionare quell’opera inutile che è il People Mover. Utilizziamo quei parcheggi vuoti, ci facciamo arrivare i turisti che potranno poi, da lì, visitare la città e utilizzare un nuovo strumento, la Pisa Card. Basata su un modello diffuso in Europa, ma anche in grandi città italiane, è una carta a tempo digitale, nella quale sono compresi servizi pubblici e sconti sulle varia attrazioni, con sconti differenziati a seconda dell’utenza. Ciascuno troverà dei circuiti proposti, ma potrà girare come preferisce per la città, così anche da darci dei feedback in tempo reale per tarare il modello in corso d’opera. Non dobbiamo valorizzare solo i luoghi più conosciuti della nostra città, ma anche e soprattutto posti poco visitati, ma egualmente importanti.

By