Come rispondere ad un RDO attraverso il MePA: il processo step per step

PISA – Il MePA (Mercato elettronico della Pubblica Amministrazione) è la piattaforma online attiva dal 2002 grazie alla quale le aziende, gli enti e le istituzioni pubbliche hanno la possibilità di completare l’acquisto di beni e servizi in modo pratico e veloce, attingendo ad un catalogo in costante crescita.

L’obiettivo principale del MePA era e rimane quello di abbattere i costi per le forniture dei materiali o dei servizi indispensabili per il lavoro delle pubbliche amministrazioni, favorendo la libera concorrenza tra le piccole, medie e grandi imprese coinvolte.

Le operazioni di compravendita, così come l’iscrizione al sistema, avvengono attraverso il portale ufficiale Acquistinretepa.it, gestito dalla Consip (società sotto il diretto controllo del Ministero dell’Economia e delle Finanze).

Le PA possono utilizzare il canale del MePA per effettuare i propri acquisiti attraverso due diverse modalità: 

ODA, ovvero Ordine Di Acquisto

RDO, cioè Richiesta Di Offerta

 

  • Qual è la differenza tra ODA e RDO?

 

L’Ordine Di Acquisto (ODA) è il meccanismo attraverso il quale una PA può inviare direttamente la richiesta di acquisto di un determinato bene o servizio presente all’interno dei cataloghi del MePA.

 

Viceversa, nel caso della Richiesta di Offerta (RDO), la PA si rivolge ad un fornitore richiedendo prodotti o servizi su misura oppure un preventivo con la migliore offerta formulabile dall’azienda in questione.

In sostanza, attraverso l’invio di un RDO, le pubbliche amministrazioni hanno la possibilità di confrontare più preventivi, al fine di scegliere il fornitore capace di garantire i costi più bassi, con gli ovvi vantaggi che ne derivano a livello di spesa pubblica.

 

  • Come funziona l’abilitazione al MePA

 

L’iscrizione al portale Acquistinretepa.it e al MePA è aperta (e gratuita) per tutte le aziende che intendono abilitarsi come fornitore e che si occupano della produzione e/o vendita di prodotti inclusi all’interno dei bandi pubblicati sul sito.

La procedura di registrazione e di abilitazione può essere completata in pochi minuti accedendo direttamente al portale, in maniera del tutto gratuita. Tuttavia, occorre sottolineare che l’iscrizione al MePA deve necessariamente essere effettuata dal rappresentante legale dell’azienda in questione o da un soggetto delegato. In entrambi casi, è necessario premunirsi dello strumento della firma digitale, pena l’impossibilità di completare il processo di registrazione.

Compito del rappresentante legale dell’impresa non è solo quello di occuparsi in prima persona dell’iscrizione, ma anche di fornire risposta alle richieste ricevute dalle PA che utilizzano il MePA.

 

  • Come gestire gli RDO

 

La gestione delle richieste ricevute attraverso il portale Acquistinretepa.it risulta particolarmente semplice ed intuitiva.

Per rispondere alle RDO ricevute, ad esempio, è sufficiente effettuare il login inserendo le proprie credenziali (Nome utente e Password). Quindi, dal pannello di controllo personale, si seleziona la voce relativa alle “RDO ricevute”.

Nella schermata successiva, sarà visualizzato l’elenco completo dei bandi e delle gare alle quali l’azienda risulta essere iscritta/abilitata. Selezionando l’opzione “Dettagli”, è quindi possibile approfondire le caratteristiche dell’offerta e procedere con l’invio della risposta alle richieste ricevute.

La procedura comprende vari step: in primis occorre scegliere tra le due modalità di partecipazione suggerite (singolo fornitore o consorzio economico); quindi, si potrà procedere selezionando i lotti relativamente ai quali sarà formulata l’offerta economica (e le eventuali percentuali in caso di fornitura in subappalto).

I passaggi finali comprendono l’indicazione del responsabile dell’offerta in questione e l’inserimento dei vari documenti richiesti dall’amministrazione. In particolare, sarà necessario redigere le schede tecniche compilando l’apposita modulo (inserendo con particolare attenzione le informazioni relative all’offerta economica e alle voci di spesa relative alla sicurezza).

Una volta completato anche questo step, in caso di esito positivo della procedura il portale restituirà un messaggio di conferma.

 

  • Perché è utile promuovere la propria abilitazione al MePA

 

L’inserimento dei prodotti e/o dei servizi offerti dalla propria azienda all’interno dei cataloghi del MePA di per sé non offre garanzie circa l’incremento delle richieste di preventivo o degli ordinativi. Questo perché, in buona parte, a garantire la migliore visibilità all’interno del MePA è la concorrenzialità dei prezzi proposti.

D’altro canto, occorre sottolineare che tutte le aziende ufficialmente abilitate al MePA possono fregiarsi di questo titolo, promuovendolo attraverso qualunque canale, tra cui naturalmente il sito web aziendale.

Ne è un esempio questo e-commerce che si occupa della fornitura di recinzioni e transenne da cantiere, che nei suoi testi di presentazione non manca di specificare la possibilità di acquistare i suoi prodotti anche sul portale dedicato alle pubbliche amministrazioni. 

By