Ritorno Playoff. Pisa – Carrarese 2-1. Moscagol e Gucher, il sogno serie B continua

PISA – Con due conclusioni da antologia di Moscardelli e Gucher il Pisa batte la Carrarese per 2-1 e continua la sua avventura nei play-off 2019 del campionato di serie C. Vittoria meritata da parte della squadra di mister D’Angelo sospinta da un grande pubblico. Il momentaneo pareggio di Cardoselli ha illuso gli apuani. Il Pisa avrebbe potuto vincere con un risultato più largo.

di Antonio Tognoli

PRE GARA. Mister Luca D’Angelo torna a schierare dal primo minuto Lisi. Moscardelli torna dal primo minuto a guidare l’attacco insieme a Gaetano Masucci. Non c’è Verna che alla vigilia a risentito di un piccolo fastidio, mentre torna a disposizione Marconi che però parte dalla panchina. Davanti a Gori ci sono De Vitis e Benedetti con Birindelli e Lisi che fungono da esterni difensivi. Rispetto a Carrara confermato il centrocampo formato da Gucher, Marin e Di Quinzio con il solito Minesso con il compito di innescare le due punte Masucci e Moscardelli. Carrarese tutta nuova che deve rinunciare a Giacomo Ricci e Scaglia squalificati. Baldini rivoluzione l’assetto in fatto di uomini, ma non di modulo. Davanti a Mazzini ci sono Murolo, Luca Ricci e Karkalis. Centrocampo a quattro con Valente e Latte Lath esterni e Rosaia e Varone in mezzo al campo. In attacco la coppia formata da Piscopo e Maccarone. Sono oltre 9.000 i presenti all’Arena Garibaldi. Il grande pubblico non si vedeva da tempo nell’impianto pisano. All’ingresso in campo delle due formazioni le due tifoserie sfoggiano due coreografie degne di un gran derby play-off. Quella nerazzurra merita altro palcoscenici, quella carrarina applausi, visto gli oltre mille supporters giallo azzurri che hanno seguito la propria squadra a Pisa.

IL PRIMO TEMPO. Pisa in completo nerazzurro, Carrarese che scende all’Arena in bianco con bordi giallo e azzurri. Il match si accende subito per una punizione non concessa al limite dell’area per un fallo evidente ai danni di Gucher, che aveva saltato almeno tre giocatori carrarini. Protesta subito il pubblico. I primi minuti mostrano un Pisa propositivo e una Carrarese molto fallosa. Tuttavia il direttore di gara non estrae alcun giallo all’indirizzo degli uomini di mister Silvio Baldini. Il Pisa di fronte ad un gran tifo dimostra di essere in palla. I nerazzurri fanno la partita e di tanto in tanto accellerano per le incursioni di Birindelli a destra e Lisi a sinistra del fronte offensiva. La Carrarese però fa buona guardia. Occasioni nello specchio della porta dopo 15′ neanche l’ombra. Al 19′ i nerazzurri si fanno pericolosi. Angolo di Di Quinzio, colpo di testa di Benedetti alto sopra la traversa. Al 20′ al primo tiro verso la porta il Pisa passa in vantaggio. Veronica di Moscardelli che salta in dribbling un avversario, si sposta la palla sul destro e lascia partire un rasoterra che non lascia scampo a Mazzini: 1-0 e grande esultanza del Mosca sotto la tribuna abbracciato dai compagni. L’Arena esplode di tifo. Il Pisa continua ad attaccare. Si accende la partita. Minirissa a centrocampo. Ne fa le spese Varone e subito dopo Minesso. Ma la Carrarese pareggia subito. Bella azione scaturita però da un fallo laterale invertito. Battono velocemente gli apuani sull’asse Rosaia – Barone – Cardoselli che insacca di sinistro liberato davanti a Gori che nulla può: 1-1 e parità ristabilita. Il Pisa continua a macinare gioco e a subire tanti falli non sanzionati dall’arbitro. Moscardelli alza sopra la traversa un colpo di testa su traversone di Benedetti susseguente ad azione di calcio d’angolo. Masucci in mezza rovesciata tenta di indirizzare il pallone nella porta di Mazzini ma la formazione di mister Baldini si salva ancora. Gara però molto spezzettata a centrocampo, con molti falli. La gara si chiude al 45′ senza recupero dopo che l’arbitro annulla un gol al Pisa per fuorigioco di Masucci che ribadiva in gol con il sinistro una corta respinta di Mazzoni sul destro di Di Quinzio. La prima frazione si chiude sul risultato di 1-1.

IL SECONDO TEMPO. Subito un cambio nella Carrarese ad inizio ripresa. Dentro il pisano Biasci fischiatissimo, fuori un impalpabile Piscopo. Nessun cambio invece nella formazione nerazzurra. Il Pisa parte subito in attacco. Dopo neanche due minuti ci prova Gucher dalla distanza con un sinistro che però si perde sul fondo. Al 5′ però i nerazzurri hanno un altra grande occasione con Lisi che però a tu per tu con Mazzini calcia con il sinistro addosso all’estremo difensore che blocca facilmente e ringrazia. Peccato perché era l’occasione per la squadra di mister D’Angelo di riportarsi in vantaggio. E’ ancora Pisa però al 10′. Moscardelli controlla un pallone al limite dell’area apuana, il suo stop a seguire è intercettato ma la sfera arriva sui piedi di Masucci che al volo con il destro lambisce il palo con Mazzini proteso in tuffo, ma che avrebbe potuto far poco sulla conclusione del 26 pisano. Il Pisa alla ricerca del gol del vantaggio. Al 14′ cross da sinistra di Lisi per la testa di  Moscardelli che però mette alto da buona posizione. Intanto nella Carrarese entrano Tavano e Caccavallo in luogo di Varone e Maccarone. Forze fresche dunque per guidare l’attacco della Carrarese in questa ultima parte di secondo tempo. Nel Pisa mister D’Angelo toglie dal campo Moscagol ed entra in campo Pesenti. Intanto su traversone da destra di Birindelli Masucci di testa mette a lato. Poteva fare meglio il 26 nerazzurro. Il Pisa però attacca. Mazzini smanaccia un cross da destra di Pesenti. Intanto nella Carrarese Bentivegna prende il posto di Valente. Ma il Pisa ha un altra colossale palla gol al 27′. Palla filtrante di Gucher per Marin che se ne va da solo sulla destra. Rasoterra in mezzo che attraversa tutta l’area piccola senza che Pesenti riesca a sospingere per un soffio la palla dentro. Ma il gol è nell’aria e finalmente arriva al minuto 31. Gucher prima uncina una palla anticipando Bentivegna poi lascia partire un destro che si insacca nell’angolo alla sinistra di Mazzini: 2-1. Esplode di gioia l’Arena. Pisa Pisa,si alza l’urlo dei novemila dell’Arena. Nonostante il vantaggio il Pisa continua ad attaccare. Minesso imbecca Pesenti che con il destro impegna Mazzini con un diagonale potente. La squadra di mister D’Angelo a questo punto gioca sul velluto. La Carrarese prova ad attaccare con un sinistro di Tavano che viene ribattuto, che fa arrabbiare anche mister Baldini. Intanto Robert Gucher ci riprova con un destro al volo al limite dell’area, che chiama alla grande risposta Mazzini che con un volo all’incrocio mette la palla in angolo. L’estremo difensore della Carrarese è chiamato ad un altro grande intervento al 41′ questa volta su conclusione dal limite di Di Quinzio. Intanto D’Angelo richiama in panchina Masucci a cui l’Arena tributa una meritata standing ovation. Stessa sorte tocca a Di Quinzio richiamato per far fare il suo ingresso a Izzillo. I tifosi nerazzurri cantano e ballano, l’Arena è in festa. Marhetti fischia. Il sogno serie B del Pisa continua.

PISA – CARRARESE 2-1

PISA (4-3-1-2): Gori; Birindelli, Benedetti, De Vitis, Lisi; Gucher, Marin, Di Quinzio (89′ Izzillo)Minesso; Masucci (85′ Marconi), Moscardelli (65′ Pesenti). A disp. D’Egidio, Kucich, Brignani, Buschiazzo, Masi, Meroni, Liotti, Gamarra, Fischer. All. Luca D’Angelo

CARRARESE (3-4-1-2) Mazzini; Murolo, Ricci, Karkalis; Valente (69′ Bentivegna), Rosaia, Varone (61′ Tavano), Latte Lath (73′ Carissoni); Cardoselli; Piscopo (46′ Biasci), Maccarone (61′ Caccavallo). A disp. Borra, Alari, Foresta, Bentivegna, Fortunati. All. Silvio Baldini

ARBITRO: Natteo Marchetti della sezione di Ostia Lido (Ass. Dell’Università-Rabotti). Quarto uomo: Rutella

RETI: 20′ Moscardelli (P), 27′ Cardoselli (C), 76′ Gucher (P)

NOTE: serata fresca, terreno in perfette condizioni. Ammoniti Latte Lath, Varone, Minesso. Angoli 8-0.Spettatori 9.169 per un incasso di 134.495. Rec pt 0′, st 5′

By