Ritrovati i resti di San Giovanni in Pelliceria

PISA – Nel proseguimento delle istallazioni dei cassonetti interrati, le operazioni di scavo, effettuate da Pisamo hanno raggiunto via Roma, angolo Via Volta dove era stata previsto, in accordo Comune , Pisamo e Soprintendenza, il posizionamento dell’isola ecologica n. 2.

Mentre Pisamo effettuava lo scavo, alla presenza di tre archeologi con la super visione della dottoressa C.Rizzitelli della Soprintendenza, sono venuti alla luce la facciata di un edificio religioso costruito in blocchi di pietra calcarea con un ampio portale con stipiti monolitici. Le fonti documentarie hanno consentito di riconoscere la chiesa di San Lorenzo in Pelluicceria fondata nel 1193 e di cui si era persa ogni traccia. Infatti, la chiesa, sconsacrata nella seconda metà del 1500 fu distrutta e la sua facciata inglobata nel muro di cinta dell’Orto Botanico. Nei secoli, quel muro, da sempre intonacato, aveva nascosto la presenza della chiesa di cui si era persa ogni memoria, e che ora torna alla luce scavando sotto il livello dell’attuale marciapiedi.

Lo spazio antistante la facciata della chiesa denota la presenza di un sagrato in laterizio, che si affaccia su una strada in ciottoli e pietre di piccole e medie dimensioni. Mentre continuano le analisi della Soprintendenza, il Comune ha indetto per domani (giovedì) una riunione con Pisamo, Università e Soprintendenza per individuare una nuova posizione per i cassonetti interrati. Intanto si sta valutando come rendere fruibili i resti della chiesa.

By