Rocco Sabato e Gigi Riva, quando il destino ti riserva (piacevoli) scherzi

PISA – Nel 2005 l’attuale terzino del Pisa Rocco Sabato consegnò a Gigi Riva a fine stagione, la maglia numero undici, che fu tolta dai numeri della squadra rossoblù sarda. A scovare la notizia un collega e tifoso rossoblù che prontamente l’ha girata alla nostra redazione.

Riva, 163 gol con la maglia del Cagliari, 35 con la casacca azzurra. Campione d’Europa con la Nazionale nel 1968 e campione d’Italia col suo Cagliari nel 1970. Un mancino al fulmicotone, uno scatto prorompente, una forza fisica devastante. Maestoso come un marmoreo dio greco, spietato come un killer ed esplosivo come un tuono. Un rombo di tuono, Tre volte capocannoniere della serie A e altrettante della coppa Italia. Gigi Riva ha scritto la storia del Cagliari e della nazionale italiana. A Cagliari ha portato uno scudetto che ha segnato il riscatto di un popolo troppo spesso marginalizzato e screditato a livello nazionale e ha permesso a una squadra del ‘Sud’ di vincere per la prima volta il tricolore. Con la maglia azzurra vanta il record assoluto di realizzazioni. Con l’Italia segnò 35 gol in 42 partite, con la straordinaria media realizzativa di 0.83 marcature per match. Gigi ha il Cagliari nel cuore. Nel capoluogo sardo Riva è stimato e amato. Ogni Cagliaritano e ogni sardo sa chi è Gigi Riva e non lo scorderà mai.

Il 5 Gennaio 2005 allo Stadio Sant’Elia, un giovane e semisconosciuto terzino, Rocco Sabato, attraversa con un lungo giaccone un Sant’Elia stracolmo e trepidante di gioia. Il momento è emozionante: il 23enne di Potenza consegna al campione del passato la maglia numero 11. Rocco Sabato è stato l’ultimo giocatore ad indossare quella storica casacca di Rombo di Tuono. Una maglia sacra ed eterna che nessun rossoblù del Cagliari potrà mai indossare. Il buon Gigi ringrazia il giovane terzino – allora alla sua prima stagione in serie A – augurandogli un buon proseguimento di carriera, tentenna, il viso si tende dall’emozione ed esplode in un pianto di gioia. Le sue sono lacrime di emozione e fierezza, abbraccia i compagni di quello che fu un vero e proprio miracolo. Nel pre-partita di Italia-Russa al Sant’Elia aleggiano caterve di emozioni, di pensieri di ricordi e di sogni. Il buon Rocco ha avuto l’onore di indossare per l’ultima volta la maglia di un campione indiscusso, una maglia che nessuno indosserà più.

IGNAZIO PISANU

SOTTO UN GIOVANISSIMO ROCCO SABATO CONSEGNA LA MAGLIA NUMERO UNDICI A GIGI RIVA

20140603-123859.jpg

You may also like

By