Rom arrestati per aver bruciato rame rischiano la revoca delle case minime

PISA – Nella notte tra lunedì e martedì i Carabinieri hanno arrestato due rom macedoni intenti a bruciare matasse di rame. Immediato il controllo della Società della Salute: uno dei due è risultato un abitante regolare della case minime di Coltano gestite dall’ente di via Saragat.

carabinieri

“Avviamo subito l’istruttoria prevista in questi casi – spiega Sandra Capuzzi, presidente della Società della Salute e assessore al sociale del Comune di Pisa – verrà presa una decisione che può arrivare fino alla revoca dell’assegnazione dell’alloggio come è già avvenuto per situazioni analoghe. Gli alloggi di Coltano sono assegnati secondo un preciso patto con la cittadinanza che prevede il rispetto delle regole di convivenza e dei diritti di tutti. Senza regole non ci può essere integrazione. Gli assegnatari al momento della stipula hanno sottoscritto l’impegno a rispettare le regole di cittadinanza e a non commettere reati – continua Giuseppe Cecchi, direttore SdS – in caso contrario le condizioni per la concessione decadono”.

You may also like

By