Rotonda intitolata al fascista Niccolai, il PCI: “Costituzione calpestata”

La giunta comunale guidata dal sindaco Michele Conti ha approvato la mozione di Fratelli d’Italia per intitolare una rotonda di Marina di Pisa a “tre politici che hanno fatto la storia della città”,  tra cui compare anche Giuseppe Niccolai. Una scelta mal digerita dal Pci di Pisa.

PISA – “Niccolai era uno di quelli che si dichiaravano fieramente fascisti: esponente pisano del Movimento Sociale Italiano, ancora giovanissimo combatté come volontario in Libia durante la seconda guerra mondiale per poi essere eletto nel consiglio provinciale di Pisa e per due volte alla Camera dei Deputati nelle file del suo partito, dove si distinse per delle proposte dal carattere spiccatamente reazionario – dichiarano dal Pci -. È l’ennesima mistificazione della storia compiuta ad arte dai partiti di governo, tanto a destra quanto a sinistra – senza citare l’equiparazione tra comunismo e nazifascismo votata qualche settimana a Bruxelles anche dagli europarlamentari del PD, si ricordi che la stessa mozione era già stata proposta in consiglio comunale sei anni fa e aveva ricevuto il voto di alcuni membri dell’allora giunta PD Filippeschi. Si tratta di una mozione infame che calpesta la costituzione, i valori della nostra città e la memoria di Franco Serantini, morto appena ventitreenne proprio per impedire al fascista Niccolai di tenere un comizio nella nostra città. Il Fronte della Gioventù Comunista non ci sta! Esprimiamo tutta la nostra rabbia per una simile provocazione e rinnoviamo il nostro impegno nel dare battaglia a questa giunta tanto reazionaria”.

By