Rsu e comunali occupano il piano del Sindaco

PISA – Al termine di una assemblea partecipata, delegati e lavoratori\trici si è recata nella stanza del sindaco di Pisa per essere ascoltata.

image

Assente il sindaco e assenti gli altri assessori della Giunta abbiamo chiesto al capo di gabinetto di ascoltarci ricevendo in risposta un atteggiamento arrogante e violento inaccettabile l’Amministrazione ha dichiarato e individuato i servizi che possono essere esternalizzati, (cimiteri, biblioteca, trasporto pubblico e servizi educativi). La esternalizzazione dei servizi educativi è stata annunciata direttamente sui giornali saltando ogni confronto con la parte sindacale. Un settore che per gli ultimi accadimenti avrebbe dovuto avere necessariamente un confronto con chi tutti i giorni vi lavora. L’Amministrazione ha optato per un Comune leggero, giustificando come al solito questo atto come “scelta obbligata” ovvero conseguente a politiche nazionali. Ma al Comune di Pisa le esternalizzazioni sono iniziate prima ancora delle “cattive “ leggi di stabilità e è bene ricordare che questa Amministrazione fa parte di quella stessa forza politica che procede a tagli lineari su tutti i servizi pubblici. Successivamente l’Amministrazione ha presentato un’ipotesi di contratto decentrato funzionale al “Comune leggero” che prevede il mantenimento del fondo a livello del 2015 (bene!! Era una richiesta sindacale) ma alle condizioni sotto indicate e senza possibilità di trattativa (male!! la ripartizione delle risorse è una delle poche materie sulle quali la contrattazione è ancora dovuta):

– aumento di posizioni organizzative nonostante il personale sia in diminuzione ed il consistente pensionamento massiccio della dirigenza ancora non sia arrivato….
– un piccolo aumento economico destinato alle specifiche responsabilità (finalizzato soprattutto ai servizi educativi ma a quale prezzo!!!!).

Esiste un malessere disorganizzativo diffuso che colpisce i servizi, i cittadini e il personale tutto. Ma come se questo non bastasse non abbiamo neppure certezza sui tempi di erogazione della produttività 2015 perché alcuni dirigenti non hanno ancora presentato i report (giustificativi) che dovranno presentare entro il 23/6……… Anche in questo caso la responsabilità è di chi gestisce male la macchina organizzativa, a farne le spese i lavoratori e la cittadinanza., Tutto cio’ per noi è inaccettabile

Rsu Comune di Pisa

By