Ruba il numero e manomette la carta di identità emessa a Pisa

PISA – Un 42enne originario di Luino (Varese), R.M., é stato denunciato dai carabinieri perché avrebbe modificato il numero seriale di una carta d’identità risultata rubata a Torino per accendere diversi prestiti e leasing per acquistare a Laveno Mombello, nel Varesotto, una barca a vela di 350.000 euro ed alcune auto di grossa cilindrata che non erano poi stati pagati. L’uomo, deve rispondere di sostituzione di persona e utilizzo di documento d’identità falso.

Le indagini che hanno portato alla denuncia dell’uomo, coinvolto in un vasto giro di truffe tra la Svizzera e la provincia di Varese scoperto dalla Guardia di Finanza, sono scattate dopo la denuncia presentata ai carabinieri della compagnia di Ragusa da un infermiere di Marina di Ragusa originario di Chiaramonte Gulfi che si era visto rifiutare in banca un piccolo prestito perche’, nonostante non avesse avuto debiti con nessuno, a suo nome nella “Centrale Rischi Finanziari” risultavano svariati e ingenti debiti non onorati.

Il denunciato é risultato coinvolto nell’inchiesta denominata “truffa del dottor Colombo” condotta dai militari della Guardia di Finanza della Compagnia di Luino nei confronti di una organizzazione criminale che avrebbe acquistato con finanziamenti intestati a ignari cittadini beni di lusso come veicoli e barche che sarebbero poi stati esportati e rivenduti in Svizzera.

L’indagine nell’aprile scorso era sfociata in provincia di Varese nell’arresto di 7 persone, nella denuncia di altre 60, all’accertamento di un giro d’affari per oltre 2.500.000 euro e nel sequestro di 28 autovetture di lusso e dello yacht.

Fonte: ANSA

20131207-223608.jpg

You may also like

By