Rugby: Prima vittoria esterna per il PharmaNutra, l’under 20 del CUS vince a Pistoia

PISA – Ecco il punto settimanale sulle squadre di rugby del CUS Pisa. Ottima prova del PharmaNutra, alla prima vittoria esterna, mentre la squadra under 20 schianta 43-7 il Pistoia.

Etruria Rugby Piombino – PharmaNutra CUS Pisa Rugby 13-16

Il PharmaNutra CUS Pisa Rugby conquista la prima vittoria esterna di questo campionato sconfiggendo l’Etruria Rugby Piombino. I gialloblu si presentano al campo dei livornesi dopo l’ennesima domenica di sosta forzata a causa dell’impraticabilità del loro terreno di gioco e sanno di dover affrontare un avversario di tutto rispetto che naviga in posizioni di alta classifica e vuole ben figurare davanti al suo caloroso pubblico.

PRIMO TEMPO – Moroni e compagni si riversano immediatamente nella metà campo dei padroni di casa ed in pochi istanti riescono a muovere il tabellino grazie ad un calcio piazzato dell’estremo Ostuni. Per i seguenti 20 minuti i gialloblu decidono di consegnare la partita nelle mani degli avversari, subendo un passivo di 13 punti conditi da un cartellino giallo. Notte fonda, notte da incubo. Eppure, nonostante tutto, questa squadra pisana un po’ inesperta e schizofrenica riesce faticosamente ad uscire dal tunnel dell’orrore: prima con poche idee confuse e voglia di riscatto; poi con maggiore continuità ed autorevolezza. Negli ultimi 10 minuti del primo tempo il CUS fallisce un calcio piazzato, si divora un paio di mete ma finalmente al 38’ Ostuni centra i pali su punizione.

SECONDO TEMPO – Nella ripresa i cussini provano a cambiare marcia e in parte ci riescono, grazie soprattutto all’inserimento di forze fresche provenienti dalla panchina, mentre l’Etruria subisce un progressivo calo fisico. Al 20’ D’Amico si incunea velocemente nella difesa livornese e realizza una bella meta; Ferri trasforma. Passano altri dieci minuti ed il CUS conquista un calcio di punizione piuttosto centrale, a 30 metri di distanza dai pali; Ostuni decide di piazzare e realizza i tre punti che valgono la vittoria. Il finale di gara è tutto di marca gialloblu: il quindici pisano costruisce una bella azione multifase, ma non riesce a schiacciare per la seconda volta l’ovale oltre la fatidica linea.

CAMMINO – Il cammino del PharmaNutra CUS Pisa Rugby in campionato è ancora lungo. Domenica prossima il quindici universitario renderà visita al Grosseto Rugby Club. Sembra che la squadra si stia pian piano risvegliando da un lungo torpore. Se così fosse, ben venga la primavera.

Rugby Pistoia U20 – CUS Pisa Rugby U 20 7-43

Così in campo: Pisano, Trebbi, Piccinno, Guarracino, Boccolini, Ponziani, Kochaengklang, Chisari, Pacini, Mirabella, Mason, Giannitrapani, Dellomonaco, Malena, Consorti.
Entrati nel secondo tempo: Cappai, Sassetti, Ceravolo, Scattolin, Merola. All.Sediani-Natale.

Ottima gara dell’under 20 del CUS che ha demolito letteralmente il Pistoia con un largo vantaggio di quasi 40 punti. Le condizioni del campo e del meteo erano le migliori che si potevano sperare e finalmente la selezione U20 del CUS Pisa Rugby ha potuto esprimere al meglio le proprie capacità. I ragazzi capitanati da Guarracino hanno dato fondo a tutte le loro energie, andando in meta fin dai primi minuti, sino al fischio finale.

LA GARA – La sfida inizia con i cinque minuti dove le squadre si fronteggiano nella fascia centrale del campo, ma alla prima occasione utile i cussini vanno in meta. A seguire una punizione porta il CUS sul punteggio di 10 a 0. Qui la squadra del Pistoia si disunisce, anche per merito di una buona pressione portata dai gialloblu che sfrutta tutte le occasioni che gli si presentano. Nella ripresa dopo la quarta meta del cherubino, la squadra pisana rallenta il ritmo e il Pistoia ne approfitta siglando la meta della bandiera.
Sostenuti dalle forze fresche che si avvicendano nella ripresa, i pisani ridanno ritmo alla gara e mettono al sicuro il risultato. Ora gli U20, si concentreranno sulla prossima gara, questa volta sul campo di casa, contro gli emergenti del Cecina, in una gara delicata da affrontare senza timori reverenziali e con la massima concentrazione possibile.

 

By