S.P. 56 Del Monte Serra chiusa al traffico veicolare

PISA – In questi giorni, nonostante i controlli effettuati dalla Polizia Municipale, stazione locale e comando provinciale dei Carabinieri e la sinergia tra il Sindaco di Calci e la Prefettura, si sono verificate situazioni di ingombro veicolare sul Monte per accessi che hanno causato difficoltà di circolazione e disagi.

I controlli e il monitoraggio di questi comportamenti, hanno portato il Comune di Calci (analoga richiesta del comune di Buti) a chiedere alla Provincia di Pisa di emettere un’ordinanza di chiusura della strada provinciale del Monte Serra anche in considerazione delle previsioni meteo previste per la giornata di domenica 10 gennaio con possibile emissione di bollettino di criticità allerta meteo per neve e ghiaccio nella nostra zona.
La Provincia di Pisa ha accolto la richiesta e ha così disposto la chiusura immediata al traffico veicolare dal fine centro abitato di Calci a inizio centro abitato Buti dalle ore 18 di oggi, venerdì 8 gennaio, alle ore 24:00 del 10 gennaio 2021.

L’accesso è pertanto interdetto a TUTTI I VEICOLI A MOTORE ad eccezione dei seguenti utenti: mezzi delle forze di polizia, di protezione civile, di emergenza, di AIB, per la gestione del PAFR, mezzi dei residenti lungo la Via Provinciale del Monte Serra e dei proprietari e conduttori di terreni ivi ricadenti, mezzi dei proprietari e gestori di strutture che debbano recarvisi per la verifica o manutenzione della funzionalità delle medesime, mezzi di proprietari, gestori e clienti delle attività legate alle lavorazioni consentite ivi comprese le attività enogastronomiche nel rispetto delle normative vigenti, mezzi per l’attività venatoria così come consentita dai dispositivi vigenti contenuti nei DPCM e nelle ordinanze regionali, e comunque i mezzi di coloro che abbiano una motivazione consentita da DPCM ed ordinanze regionali vigenti. 

Ringrazio la Prefettura che ci ha supportato in questi giorni garantendo controlli – commenta il sindaco di Calci, Massimiliano Ghimenti – e la Provincia di Pisa che ha subito accolto la nostra richiesta emettendo questa ordinanza. Mi chiedo come mai si debba sempre ricorrere a divieti quando basterebbe il buon senso delle persone e il rispetto delle regole”.

By