San Giuliano Terme, approvato il piano triennale delle opere pubbliche 2019-2021

PISA – “Basi solide per la San Giuliano Terme del futuro”. È il commento del sindaco Sergio Di Maio in seguito all’approvazione, durante il Consiglio comunale dello scorso 21 febbraio, del piano triennale delle opere pubbliche 2019-2021, “altra manovra possibile solo grazie alla salute del nostro bilancio, che ci consente di investire sul territorio e sempre più sarà così in futuro”.

Quasi ben 7 milioni di euro la capacità di investimento del comune termale.

Ecco, nel dettaglio, il programma degli investimenti.

Manutenzione delle strade (200 mila euro);

Lavori in via di Palazzetto (600 mila);

Manutenzione dei cimiteri (600 mila);

Manutenzione delle scuole (115 mila);

Manutenzione del reticolo idraulico (170 mila);

Gestione della illuminazione pubblica e impianti termici ed elettrici comunali (con euro 4 milioni e 125 mila euro);

Lavori per la vasca di laminazione a Metato (360 mila), nel progetto Pit, finanziati interamente dal Ministero, al fine di ridurre i fenomeni degli allagamenti in occasione di forti piogge;

Lavori per il sistema di fitodepurazione a Pugnano (115 mila euro), nel progetto Pit, interamente finanziato dal Ministero, al fine di fornire ai residenti un sistema idoneo e moderno per la depurazione degli scarichi privati;

Lavori per la sistemazione dei muretti a secco del Monte Pisano (con 100 mila euro), interamente finanziati dal Ministero;

Completamento della fognatura nera nella frazione di Metato (con 400 mila euro), nel rispetto della convenzione in essere con Acque.

“Su via di Palazzetto – commenta l’assessore ai lavori pubblici, Mauro Becuzzi –, come abbiamo comunicato nei giorni scorsi, siamo riusciti a mediare tra i vari enti e a creare unità d’intenti per completare l’iter burocratico e coofinanziare questi lavori. Ma se così non dovesse accadere, saremmo pronti a intervenire direttamente con un investimento a carico nostro. Ci auguriamo ovviamente di approvare il progetto di fattibilità già presentato e di aprire presto i cantieri”.

By