San Giuliano Terme in prima linea per i diritti umani

SAN GIULIANO TERME – L’associazione Medici per i diritti umani o MEDU è una organizzazione di solidarietà internazionale, senza fini di lucro e indipendente da affiliazioni politiche, sindacali, religiose et etniche.

Fondata a Roma nel 2004, MEDU si propone di portare assistenza sanitaria alle popolazioni più vulnerabili nelle situazioni di crisi nel mondo e in Italia. In particolare MEDU sta realizzando in Egitto un progetto per garantire le cure ai rifugiati nelle strutture di detenzione del Cairo e di Assuan.

“Questi migranti forzati, in maggior parte di nazionalità Eritrea, subiscono torture e trattamenti inumani – spiega il vicesindaco di San Giuliano Terme Franco Marchetti – Il progetto dei MEDU, attivo dal 2003, prevede l’assistenza socio-sanitaria, il trasferimento dei pazienti con patologie complesse nelle strutture sanitarie di secondo livello, la sorveglianza epidemiologica e il monitoraggio delle condizioni abitative e igenico-sanitarie nelle strutture di detenzione. Inoltre MEDU raccoglie e diffonde testimonianze sui casi di tortura. La presenza di MEDU in queste strutture è fondamentale, soprattutto dopo il divieto di accesso agli stessi centri imposti dal governo egiziano ad altre associazioni e addirittura all’Alto Commissariato della Nazioni Unite per i Rifugiati. La Giunta ha approvato l’adesione a questo importantissimo progetto come soggetto capofila. Per il nostro comunità la partecipazione a questa iniziativa umanitaria deve essere motivo di grande soddisfazione e orgoglio”.

Il progetto, dal titolo “Salute e diritti umani: accesso alle cure per i rifugiati nelle strutture di detenzione egiziane”, è realizzato con la collaborazione dell’ASL 6 di Livorno, del Nadeem Center e dell’International Prison Ministry in Cairo ; la copertura finanziaria è garantita tramite il bando regionale per il sistema toscano della cooperazione internazionale e il contributo della Tavola Valdese.

By