Warning: fopen(/var/www/new.pisanews.net/wp-content/uploads/wp-file-manager-pro/fm_backup/index.php): failed to open stream: Permission denied in /var/www/new.pisanews.net/wp-content/plugins/wp-file-manager/file_folder_manager.php on line 60

Warning: fclose() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /var/www/new.pisanews.net/wp-content/plugins/wp-file-manager/file_folder_manager.php on line 61
San Giuliano Terme, per il cimitero di Agnano finanziamenti statali per gli ultimi due lotti

San Giuliano Terme, per il cimitero di Agnano finanziamenti statali per gli ultimi due lotti

SAN GIULIANO TERME – Passi in avanti verso la completa riqualificazione del cimitero di Agnano nel Comune di San Giuliano Terme.

Il lotto 1 dei lavori è stato portato a termine e ha riguardato la riqualificazione della cappella e la realizzazione al suo interno di 130 ossari, compresa la riquadratura di due campi comuni con sepolture a terra (lato cappella), e ha visto un impegno di risorse pari a 65 mila euro a carico dell’amministrazione comunale. 
I rimanenti due lotti – ed è qui la notizia – possono beneficiare di un contributo del Ministero dell’Interno di 71.600 euro. Gli interventi ai lotti 2 e 3 riguardano rispettivamente la sistemazione della copertura del corpo centrale e il rifacimento di due campi comuni e dei percorsi pedonali. Questi contributi ministeriali saranno utili per la progettazione di questi lavori, già approvati dalla Soprintendenza nella loro interezza.

Abbiamo dedicato molta attenzione al cimitero di Agnano e alla sua completa riqualificazione – commentano l’assessore ai lavori pubblici Francesco Corucci e il sindaco Sergio Di Maio –. Dopo aver portato a termine i lavori del lotto 1, siamo stati in grado di intercettare queste risorse statali, per l’utilizzo delle quali abbiamo effettuato una variazione di bilancio: ringraziamo a tal proposito gli uffici per il lavoro svolto. Con queste risorse potremo effettuare la progettazione per gli interventi ai lotti 2 e 3. Si va, quindi, avanti. Per quanto riguarda gli altri cimiteri comunali, il punto della situazione è il seguente: i lavori al cimitero di Asciano sono completati, vale a dire il gruppo 3 e 4 della sezione dedicata alle sepolture privilegiate (i loculi) e sono stati portati a compimento anche i lavori per l’eliminazione delle infiltrazioni del blocco attiguo; per quanto riguarda il cimitero di Molina di Quosa, è stata affidata la progettazione per il risanamento del blocco e siamo in attesa della consegna del progetto esecutivo; cimitero di Ghezzano: dopo aver approvato lo studio di fattibilità, è in corso l’affidamento della progettazione con il professionista che ha vinto la gara per la riqualificazione del blocco; cimitero di Metato: siamo in attesa del parere della Soprintendenza sulla base del progetto esecutivo già realizzato; per quanto riguarda Pontasserchio, i lavori di realizzazione del nuovo gruppo loculi per sepoltura privilegiata si sono conclusi a marzo scorso e sono state poste apposite protezioni antivolatili nei loggiati che ospitano le sepolture a terra e le sepolture in loculo del gruppo 3. Nel cimitero della frazione di Ripafratta è stata pavimentata l’area centrale di accesso andando a ricostruire in toto i muretti adiacenti. Sono state inoltre riqualificate queste porzioni di muro con laterizi facciavista; a seguire sono stati realizzati nuovi scalini per l’accesso ai campi del cimitero con analogo materiale a facciavista e ancora una rampa che consentirà anche la fruizione degli spazi da parte di soggetti disabili. Infine, sul taglio dell’erba, tema molto sensibile: stiamo provvedendo a realizzare un piano straordinario di taglio dell’erba nei cimiteri comunali. Siamo in un periodo particolare da questo punto di vista, l’erba cresce ovunque velocemente e i nostri operai di Geste stanno già effettuando il percorso tradizionale a ritmo serrato (cigli, parchi, giardini, aree a verde, scuole), rispondendo anche alle segnalazioni dei cittadini. Arriverà anche il turno dei cimiteri. E vale anche per gli interventi di riqualificazione a seconda delle risorse a nostra disposizione, che vanno bilanciate tra tante esigenze non meno importanti, come le strade, le scuole, i servizi e così via“.

By