San Giuliano: turismo ok, da traino per l’intera provincia

SAN GIULIANO – I numeri relativi al  turismo sangiulianese sono uno dei pochi dati positivi che fanno da traino all’economia in provincia di Pisa. E’ quello che emerge dalla relazione sull’andamento dell’economia pisana nel 2012 che a fine del mese di giugno è stata presentata dalla Camera di Commercio di Pisa.  In uno scenario economico nazionale ed internazionale che ancora risente pesantemente della crisi che colpisce anche la nostra provincia spicca senza dubbio il segnale positivo che vede aumentare del 1,5% le presenza turistiche su tutto il territorio comunale sangiulianese. Un segnale in controtendenza rispetto all’intera provincia che viene giustamente sottolineato nella relazione del presidente Pierfrancesco Pacini. “ Un segnale importante che certifica il buon lavoro fatto nel corso del 2012 dall’amministrazione, dalle strutture tutistiche e ricettive del territorio e dalle organizzazioni di categoria. Tutti insieme stiamo cercando di dare risposte concrete alla crisi del settore” commenta l’assessora al turismo ed alle attività produttive del comune termale Fortunata Dini  “ Questi sono dati importanti e  non significano che siamo arrivati alla fine di un percorso. Ma che la strada fatta finora deve essere consolidata e migliorata con l’aiuto delle idee ed il contributo di tutti coloro che sono portatori di interessi sul territorio”.
Questi dati hanno una particolare importanza se si tiene conto  che, dopo sei anni, si arresta la crescita di un comparto, quello del turismo,  che forse più di altri aveva sostenuto l’economia provinciale con un calo del 2,4% rispetto alle presenze turistiche 2012. “ Sono dati importanti e segnali positivi quelli che ci arrivano dalla Camera di Commercio  riguardo il nostro comune“ commenta il sindaco Paolo Panattoni “ Certamente non possiamo ancora parlare di segnali di inversione di tendenza generale ma sicuramente di una reazione vivace di un territorio e degli imprenditori che qui hanno investito.  Per continuare  il buon lavoro finora svolto stiamo strutturando negli ultimi mesi  il confronto con gli operatori del settore  tramite una serie di riunioni ed un laboratorio di proposte su cui lavorare congiuntamente”. E seppure lo scenario di riferimento non preveda segnali di forte ripresa nel 2013 come stimato anche da  Prometeia  nello scorso mese di maggio, con un trend generale che prevede una contrazione del valore aggiunto pari all’1,3%, le prospettive per l’anno in corso contenute sempre nella relazione del presidente Pacini colgono una ulteriore scommessa che coinvolge  il territorio sangiulianese per una rinnovata competitività e per la crescita dell’economia pisana. Dalla relazione spunta la valutazione dell’opportunità  che può giocare  nello sviluppo dell’economia pisana il  sistema termale. In modo particolare viene evidenziato il fatto che solo a San Giuliano Terme  sono stati ben 1.025 gli arrivi dall’estero per prestazioni legate al benessere nel corso del 2012 con un incremento del 11,5% in più rispetto al 2011.

By