San Miniato, furto nelle case a Ponsacco e Crespina

SAN MINIATO – Specializzati in furti nelle case, colpivano in tutta la provincia di Pisa rubando anche auto che utilizzavano per muoversi cambiandole anche più di una volta al giorno per non lasciare traccia o rendere più difficile rintracciarli.

Ma i carabinieri della Compagnia di San Miniato stavano addosso a loro da qualche tempo dopo aver visto il gruppetto su un’auto sospetta. Da lì è iniziato una lunga opera di appostamenti e di indagine che ha portato al loro arresto dopo furti messi a segno a Ponsacco e poi a San Giuliano Terme, ma la banda è ritenuta responsabile anche di un furto in casa a Crespina, sempre nel pisano.

Arrestati e ora in carcere al Don Bosco di Pisa tre albanesi, tutti molto giovani, di età compresa tra i 24 e i 27 anni.

L’attività dei carabinieri ha preso il via da un controllo occasionale avvenuto nelle scorse settimane verso un’auto sospetta, con a bordo due dei ragazzi albanesi che, malgrado non avessero nulla al seguito, aveva insospettito i militari.

I due sono stati seguiti anche nei giorni successivi e da qui è emerso che entrambi, insieme a un terzo connazionale avevano preso alloggio in una struttura ricettiva di San Miniato Basso. Da qui si muovevano in giro per la provincia, sempre con auto rubate, in particolare durante i giorni del fine settimana. Le vetture, per eludere gli eventuali controlli, venivano cambiate con frequenza, più volte anche nella stessa sera.

Nell’ultimo fine settimana i tre extracomunitari, a bordo di un’utilitaria rubata il giorno precedente ad Empoli si sono diretti a Ponsacco, dove hanno commesso un furto in un’abitazione isolata, quindi hanno abbandonavano l’auto ‘empolese’ per ripartire a bordo di una nuova macchina presa nella casa appena visitata da dove erano usciti con preziosi e altri oggetti.

Da Ponsacco a San Giuliano Terme, ma qui, dopo aver probabilmente cambiato il piano e aver rinunciato a compiere un altro furto, hanno rubato un’altra auto con cui sono rientrati nella zona di San Miniato.

Qui, prima di raggiungere la struttura ricettiva, i tre cambiavano nuovamente auto (la quarta vettura in una sola serata), rubata anche questa nei giorni precedenti e parcheggiata a qualche chilometri di distanza dal loro alloggio.

Con questa macchina hanno raggiunto la camera. Proprio qui, all’interno, poco dopo, sono stati sorpresi dai carabinieri mentre erano intenti a catalogare il bottino della serata. Nella loro disponibilità, insieme agli attrezzi da lavoro (guanti e arnesi per scasso), i militari hanno trovato molti oggetti preziosi, orologi, articoli d’elettronica, profumi e anche capi d’abbigliamento firmati.

I tre albanesi, tutti in possesso di passaporto albanese con regolare visto turistico di ingresso sul territorio italiano in corso di validità, sono stati arrestati con l’accusa di furto in abitazione e ricettazione, e attualmente sono detenuti in carcere a Pisa.

Le autovetture insieme ad una parte dei preziosi recuperati sono stati già restituiti ai proprietari. Ulteriori accertamenti sono in corso sul resto della refurtiva per risalire alle vittime dei furti. Secondo i militari la banda avrebbe agito anche in una casa a Crespina.

“L’operazione positivamente conclusa – si legge in una nota del comando provincia dei Carabinieri di Pisa – testimonia il grande impegno che viene quotidianamente profuso per contrastare un fenomeno, quello dei reati predatori in genere e dei furti in abitazione in particolare, che costituisce per tipologia e diffusione una delle fattispecie criminali indubbiamente più inquietanti del comprensorio locale e che seguiterà ad essere anche in futuro una priorità investigativa verso la quale continuare a infondere il massimo sforzo nella ricerca di una sicurezza reale e percepita sempre più confacente alla necessità e aspettative dei cittadini”.

Fonte: articolo tratto da gonews.it

20131217-124047.jpg

You may also like

By