Sanità, scontro Gelli-Rossi. Porcaro (Pd): “L’emendamento del nostro deputato premia le regioni virtuose come la Toscana”

PISA – Alberto Porcaro, responsabile provinciale sanità Pd sulle critiche di Enrico Rossi al governo in àmbito sanitario.

“Da responsabile sanità provinciale del Partito Democratico non posso che sottoscrivere le parole del mio omologo a livello nazionale, Federico Gelli, che ha sottolineato la profonda inesattezza delle dichiarazioni di Enrico Rossi sulla sanità.

Oltre all’errore sulla norma che regola il tetto di spesa per il personale sanitario, introdotta dal governo Monti e non da quello Gentiloni, il governatore della Toscana non tiene conto dell’importante emendamento a firma, tra gli altri, proprio di Gelli: grazie a questo intervento sull’ultima legge di bilancio, infatti, le regioni virtuose avranno meno vincoli in materia di assunzione del personale. E la Toscana è tra queste”.

“L’attacco al governo da parte del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi è totalmente pretestuoso oltre che sconcertante per le inesattezze riportate, aveva detto ieri Federico Gelli deputato Pd, Rossi, infatti, afferma che la manovra finanziaria del governo Gentiloni ha imposto per il personale sanitario un tetto di spesa inferiore a quella del 2004 almeno dell’1,4%. Peccato il governatore dimentichi che questa norma fu imposta nel 2012 dall’esecutivo guidato allora da Mario Monti. E, ancora più sconcertante, Rossi evidentemente ignora che proprio con la legge di Bilancio 2018, grazie a un emendamento anche a mia firma, le regioni virtuose come la Toscana avranno meno vincoli per l’assunzione di personale sanitario. Evidentemente Rossi è troppo occupato a far campagna elettorale contro il Pd per interessarsi a quelle norme grazie alle quali la sanità locale potrà ulteriormente migliorare”.

By