I Sapori delle Terre di Pisa a Cibus 2018

PISA – E’ in corso a Parma, fino al 10 maggio, l’appuntamento con il salone internazionale dell’alimentazione CIBUS che per il 2018, proclamato dal Governo italiano “Anno del Cibo”, si preannuncia come un’edizione di grandi numeri con più di 3.000 espositori, la realizzazione di un nuovo padiglione temporaneo e un numero crescente di operatori e Buyer.
Ricco e articolato il programma con convegni, workshop, incoming e tavole rotonde per approfondire tutte le novità sull’Industria Agroalimentare Made in Italy, il mondo del Retail e del Fuori Casa, con uno sguardo particolare a temi quali innovazione e sostenibilità, prevenzione degli sprechi alimentari e fake news.

Sono otto le aziende, presenti nello stand collettivo organizzato dalla Camera di Commercio di Pisa, espressione di tipicità agroalimentari del territorio pisano in continua ricerca di visibilità e affermazione. L’attesa è alta, proprio per la consapevolezza della grande opportunità che la manifestazione riserva di incontrare delegazioni commerciali e poter approcciare nuove aree di mercato, in un momento in cui, stando agli ultimi dati Istat riferiti al 2017, il comparto dell’agroalimentare pisano, senza includere le bevande, è in crescita del 9,7% rispetto all’anno precedente. Dati incoraggianti che, in valori assoluti, hanno visto in un anno il fatturato estero passare da 26 a 28milioni di euro soprattutto verso gli Stati Uniti (+6,8%) ma anche, sebbene su valori assoluti più contenuti, verso nuove destinazioni quali Emirati Arabi (export quadruplicato), Cina (+24,7%), Hong Kong (+19%) e Giappone (+1%).

Alcune imprese, cogliendo la sfida della continua ricerca di innovazione, hanno scelto proprio la prestigiosa vetrina di Cibus per lanciare nuovi prodotti. E’ il caso del Liquorificio Il Re dei Re che presenta due novità “Vodka & Zafferano” la prima Vodka italiana con zafferano e “Vermouth Chinato riserva”, di Menichetti Cioccolato con una prelibatezza: la Torta morbida fondente senza glutine, del Pastificio Caponi con i maltagliati e lasagne all’uovo e infine di Torre a Cenaia che per l’occasione presenta la Birra Agricola J63 realizzata con orzo autoprodotto e con mosto di uve Vermentino della tenuta.

Il punto di vista di Valter Tamburini, Presidente della Camera di Commercio di Pisa: “Considerati i numeri della scorsa edizione, Pisa non poteva lasciarsi sfuggire l’appuntamento con una vetrina così interessante per sostenere chi ha voglia di confrontarsi sui mercati internazionali come Cibus. Anche i dati riferiti all’export, premiano la fatica dei nostri produttori e ci convincono di quanto sia importante seguitare il nostro lavoro di supporto all’internazionalizzazione delle PMI che la recente riforma delle Camera di Commercio ci ha affidato. Stiamo infatti mettendo a disposizione delle nostre imprese una serie di seminari ed iniziative formative sui mercati esteri, le supportiamo nella partecipazione collettiva a manifestazioni internazionali in Italia fino ad arrivare allo stanziamento di risorse per voucher per chi vuole andare autonomamente all’estero.”

By