Scheda della Nocerina, avversario del Pisa nel prossimo turno di campionato

PISA – Il ventumesimo turno di campionato vede il Pisa di Ciccio Cozza fare visita al San Francesco alla Nocerina, che occupa il penultimo posto in graduatoria con 12 punti, frutto di 3 vittorie, 5 pareggi e 11 sconfitte.

di Enrico Esposito

Ai 14 punti conquistati sul campo ne sono stati sottratti due in virtù della penalizzazione inflitta ad inizio stagione a causa del ritardo nell’iscrizione per una società, che dopo i fatti apocalittici del derby del 10 novembre con la Salernitana, l’arresto del presidente Citarella e l’apertura del processo da parte della Giustizia sportiva rischia addirittura di essere esclusa dal torneo. Tuttavia il confronto in tribunale è appena iniziato e i tempi della giustizia si sa sono terribilmente lunghi e strani, ragion per cui il match di domenica al San Francesco contro il Pisa è confermato per ora al 100 per cento. Pisanews vi propone allora, come accaduto già settimana scorsa con l’Aquila, una breve scheda dell’avversario di turno dei nostri neroazzurri.

Sebbene da un punto di vista morale e umano i fatti di Salerno abbiano lasciato e lasceranno degli strascichi pesantissimi, ai quali si aggiunge la grave crisi societaria, d’altra parte la gara subito successiva alla tragica trasferta all'”Arechi” è coincisa con la prima vittoria in campionato (Paganese – Nocerina 1-2 disputata sul neutro di Pontedera il 30 novembre scorso) e l’inversione di un trend fino ad allora poverissimo. Da allora, sempre sotto la guida di Mr. Gaetano Fontana, la squadra è ripartita da zero e ha dato avvio ad una serie positiva, dimostrando di potersela giocare con tutti.

Analizzando i risultati di dicembre e gennaio, la compagine campana ha ottenuto in casa due vittorie con L’Aquila (1-0) e il Viareggio (ancora 1-0), un pareggio con l’Ascoli (2-2), e una sconfitta con il lanciatissimo Lecce (0-3). La squadra sembra dunque aver trovato in casa (ma anche in trasferta dove non ha fatto malissimo) un certo equilibrio e soprattutto una solidità di squadra, un equilibrio tra reparti e giocatori, schierati con un classico 4-4-2.

La rosa a disposizione di Fontana si mostra ampissima, con quasi una trentina di giocatori, numerosi dei quali sono giovani di prospettiva giunti in prestito da club di serie A. Dopo aver ruotato quasi tutti gli elementi a propria disposzione, Fontana ha ristretto la cerchia dei suoi “preferiti” a 18-19 giocatori, che si alterano in modo differente all’interno del suo modulo, che spesso fuori casa cambia a favore di un più protetto 4-5-1.

Procedendo per reparto, in virtù del grave infortunio che ha colpito alla 4 giornata di campionato il portiere titolare e d’esperienza ex Napoli e Avellino Raffaele Gragnaniello (32 anni), tra i pali il giovanissimo Raffaele Esposito, appena diciannovenne. Davanti a lui sono in quattro a comporre il pacchetto arretrato. Il punto di riferimento in difesa Alessio Sabbione, classe 1991, mediano arrivato dal Sestri Levante in estate, che si è imposto all’attenzione del coach, ricevendo alla fine la promozione ad un ruolo non suo, ma nel quale ha dimostrato di saper comportarsi bene, con il Pisa non ci sara’ per squalifica. A fargli compagnia in mezzo si alternano vari nomi, dagli esperti Tommaso Romito (31 anni) e Ciro De Franco (25 ) ad Aurimas Vikaitis, gigante lituano di proprietà della Lazio di appena 20 anni, alto 1.93. Nelle recenti uscite tuttavia Fontana ha preferito ancora adattare al centro un giocatore di ruolo differente, ossia il terzino destro Petar Kostadinovic, croato alla sua seconda stagione con i Molossi.

Sulle fasce invece i titolari sono Carlo Crialese e Carlo Cremaschi, due classe 92 di grande talento e in prestito rispettivamente da Parma e Atalanta, autori di prestazioni in crescita. Sempre dal settore giovanile bergamasco, uno dei vivai più affidabili d’Italia, proviene Antonio Palma, brevilineo regista appena ventenne, dotato di colpi importanti che aprono la sua carriera a traguardi altissimi. Il giocatore ha salutato i suoi compagni. Tornerà all’Atalanta che lo girerà al Como, cambiando quindi girone. Con il Pisa non ci sarà. In mediana con lui agisce solitamente Edmund Hottor, coetaneo ghanese in prestito dal Milan, sul quale circolano tra l’altro voci di mercato insistenti, ma anche lui con il Pisa non ci sara’ per squalifica. Sugli esterni agisce l’esperienza di Daniel Ficarrotta (23) e Franco Lepore (28), con quest’ultimo dotato di un tiro pericolosissimo che è andato a segno cinque volte in questa stagione, fruttandogli il titolo di bomber della squadra.

In attacco il perno centrale è il ventiseienne Davide Evacuo, fratello minore del più celebre Felice, autore di quatto reti, intorno al quale girano a rotazione due seconde punte come il classe 1988, Domenico Danti, e il ventenne Giammarco Malcore, che vantano rispettivamente tre e due segnature. Occhio infine a Jara Martinez, classe 1993, talento paraguayano che ha già esordito in Serie A le passate stagioni con la maglia del Palermo.

20140123-192723.jpg

By