Sconfitta per il Cus contro Versilia. Successi per under 13 e under 14.

PISA – Sconfitta per il Cus Pisa basket contro la prima in classifica Versilia, che a dire la verità non è sembrata così irresistibile.

CUS PISA – Versilia 59 – 64 (9 – 9; 32- 28; 43 – 42; 59 – 64)
Cus Pisa: Malventi 0; Rossi 14; Raimo 6; Dini 7; Caprioli 8; Manetti 18; Balestrieri 5 ; Nelli 0; La Pusata 1; Benedetti 0. All. Giaconi

ASSENZE – C’è tanto rammarico per le numerose assenze tra le file cussine. Mancavano infatti Turchi, con il malleolo fratturato, Romano con problemi ai tendini della mano e il giovane Pecchia per un’influenza. Con gli uomini contati Giaconi è costretto a convocare La Pusata, che sarebbe dovuto restare fermo per un’infiammazione al tendine d’Achille.

LA GARA – Questi i quintetti iniziali delle due società Cus Pisa: Malventi, Rossi, Caprioli, Raimo,Dini, La Pusata, Manetti, Balestrieri,Benedetti e Nelli. Versilia: Simonetti, Tonacci, Barsanti, Stefani e Binelli. Tra le file versiliesi era presente Genovali, convocato dal Cus Pisa per le qualificazioni ai Cnu del 2014. Il primo quarto, viene utilizzato come fase di studio. Infatti sia Giaconi che Lazzeri non chiedono di forzare il gioco o di svelare le proprie carte.
Nel secondo parziale, il Cus Pisa inizia a forzare il gioco e chiude il quarto vincendolo di 4 punti. Le percentuali di realizzazione sono basse, 6 su 17 da 3 punti; 3 su 10 da 2 punti e 8 su 11 dalla lunetta.

SECONDO TEMPO – Il 3° quarto si vede un Versilia più aggressivo e disturbatore concesso dagli arbitri che sono poco fiscali, il quarto finisce con il Cus che perde di 3 punti ma rimane avanti di un punto. L’ultimo quarto riparte con la stessa politica per il Versilia e dopo appena 1 minuto e mezzo, i pisani esauriscono il bonus. Coach Giaconi, schiera i suoi ragazzi a zona e con il fallo sistematico tenta di risalire lo svantaggio riuscendoci in parte. Le basse percentuali di realizzazione dei cussini permettono ai versiliesi di portare a casa 2 punti molto importanti. Il dirigente Magnozzi, è parzialmente soddisfatto: “ se consideriamo di aver giocato con la prima in classifica e di aver perso di 5 punti, questo ci fa ben sperare. Torneremo nel girone di ritorno con altri punti che ci porteranno verso la salvezza in questo campionato, come obiettivo per il 2014”. Il Cus Pisa domenica prossima affronterà il Castelnuovo Garfagnana , fanalino di coda di questa prima parte del campionato.

UNDER 13 – Cus Pisa – Pall Massa 62-38 (14-8; 14-9; 18-15; 16-6)
CUS PISA: Mundo 5, Lazzeri 6, Bacci 2, Puglielli, Badessa, Mariotti 13, Redini M 14, Di Sacco 14, Gianni, Luperini 2, Di Leo 4, De Paolis 2. all. Puschi
Partita vera quella disputata sabato dai cussini, gli avversari si presentano in campo con una sola sconfitta ricevuta (a Viareggio contro la forte squadra locale) e due scalpi eccellenti fuoricasa (a Livorno Liburnia e a Lucca Pall.). Fin dall’inizio la partita mantiene l’equilibrio soprattutto per la presenza di Fialdini e Riccardi (16 e 18 punti alla fine) tra gli ospiti. I locali rispondono più di squadra con il trio Redini M, Di Sacco e Mariotti sugli scudi. A fine tempo il maggior gioco di squadra premia il Cus che riesce leggermente a staccarsi. Il secondo tempo segue l’andamento del primo, con il Cus che alla fine riesce a portare il vantaggio oltre i 16 prima del ritorno finale degli ospiti. Nel quarto tempo il Cus controlla con ampie rotazioni il punteggio intorno ai 20 di vantaggio tutti i ragazzi si fanno valere contro gli stanchi avversari e all’ultimo secondo di gioco Mundo con una tripla porta la differenza canestri a un valore reale.

UNDER 14 – Cus Pisa – Pall. Massa 136-34 (37-9; 37-13; 23-8; 39-4)
CUS PISA: Panchetti 4, Buttitta 10, Mensuali 10, De Stefano 18, Chini 3, Dela Cruz 13, Buoncristiani 16, Redini A 26, Del Genovese 15, Marcon 11, Piatti 10. all. Puschi Lorenzo.
Il divario tecnico fisico tra i cussini e i pari età massesi era evidente, al termine del primo quarto il divario era già incolmabile, alla fine ben 9 degli 11 giocatori di casa sono andati in doppia cifra.
Uniche cose degne di nota sono uno stratosferico Alessandro Redini, autore di ben 26 punti (top scorer di giornata) con una miriade di rimbalzi conquistati e un buon 12 su 18 al tiro e 2 su 4 ai liberi, e un efficace Delacruz 13 punti e 6 su 7 dal campo anche se con un 1 su 6 dalla lunetta.
Entrambi e con loro tutta la squadra dovranno dimostrare con altri avversari di aver raggiunto quella intesa e maturità di squadra che hanno mostrato.

By