Scoperto un deposito di borse contraffatte a Pisa

PISA – Gli agenti del Nucleo antidegrado della Polizia Municipale di Pisa hanno portato a segno un altro importante colpo al mercato del commercio abusivo e del falso in zona monumentale.

Nel pomeriggio di lunedì 7 gennaio, dopo un’attenta attività investigativa svolta dal personale in borghese nell’area intorno a via Vecchia Barbaricina, avviata dopo aver notato un continuo passaggio di venditori abusivi che uscivano a mani vuote dal parcheggio, hanno ispezionato nuovamente l’interno dell’area di sosta (la stessa in cui, lo scorso settembre, furono ritrovate le borse nascoste in fondo ai cassonetti dei rifiuti) senza trovare traccia di merce nascosta, arrivando anche ad arrampicarsi sui tetti degli edifici che circondano il parcheggio. Proprio sopra i tetti hanno trovato il nascondiglio dove i venditori abusivi della zona tenevano la merce: sono state sequestrate in tutto circa 70 borse contraffatte, di varie marche e diversi modelli, avvolte in involucri di nylon.

“Un ringraziamento – ha espresso l’assessore alla sicurezza Giovanna Bonanno – alla Polizia Municipale per l’ennesima azione di contrasto al commercio abusivo e alla contraffazione, frutto di attività un’attività investigativa portata avanti per diversi giorni. L’operazione è stata eseguita nella zona monumentale, oggetto di presidio fisso delle Forze dell’ordine fin dal nostro insediamento e di interventi immediati come la riapertura di via Vecchia Barbaricina al traffico. I controlli e i sequestri proseguono quotidianamente nella zona e in tutto l’asse commerciale della città. La lotta al commercio abusivo e al degrado non conosce sosta, fino a quando i fenomeni dell’abusivismo e dell’illegalità diffusa non saranno debellati.”

Loading Facebook Comments ...
By