Seconda categoria: il Ponsacco in dieci passa (2-0) a Staffoli

STAFFOLI – Secondo successo consecutivo nel campionato di Seconda categoria per il Ponsacco 1920 sul difficile campo dello Staffoli. I ragazzi di mister Volpi sono venuti fuori al momento che sono rimasti in dieci.
STAFFOLI – PONSACCO 0-2
STAFFOLI: Fregonas, Mazzanti, Donati, Cantini, Ciampa, Armani, Acrostelli, Carli, De Lucia, Eliani, Morelli. A disp. Spadoni, Del Confetto, Bagnoli, Molinaro, Volterrani, Cilindro, Monti. All. Balduccelli
PONSACCO 1920: Di Lupo, Biasci, Degl’Innocenti, Frassi, Tolomei, Ferrucci A., Venturella, Ferrucci M., Verola, Andreotti, Carli. A disp. Granchi, Guerrini, Bertini, Gneri, Camino, Pratelli, Boni. All. Volpi.
ARBITRO:  Girolami di Lucca

RETI: 55′ venturella, 75′ Andreotti

Il Ponsacco 2012-13 (Foto Meoni)

Il commento del match. Campo piccolo e pubblico caldo a Staffoli dove il Ponsacco di Mister Volpi va a cercare la seconda vittoria. Pronti via e subito un imprendibile Venturella che prima con una bomba da 30 metri e con  la palla che va a sbattere sulla traversa. Passano pochi minuti e sempre il centravanti rossoblu davanti al portiere si fa’ ipnotizzare. Ma al 33′ l’episodio chiave. Frassi viene espulso per una reazione davanti all’arbitro e il Ponsacco rimane in 10. La partita si innervosisce e nel caos totale l’arbitro manda anzitempo le formazioni nello spogliatoio senza far battere una punizione dal limite ad Andreotti. Il pubblico per la maggior parte rossoblu con circa un centinaio di persone al seguito prende di mira il direttore di gara. Nella ripresa esce dagli spogliatoi un Ponsacco diverso sotto le indicazioni preziose di mister Volpi e il trio Venturella-Verola-Andreotti risulta imprendibile pur in inferiorita’ numerica. Al 54′ su spizzicata di Verola, davanti al portiere Venturella non perdona e al 75′ Andreotti chiude la partita con una punizione capolavoro. Un Ponsacco che continua la sua corsa vincente dimostrando forza fisica, tecnica e sopratutto un carattere forte senza farsi intimorire dalle difficili situazioni agonistiche della categoria.

By