Semifinale PlayOff. Arezzo – Pisa 2-3. E’ un Pisa da sballo. Doppio Marconi e Di Quinzio super, Gori conserva. I nerazzurri espugnano Arezzo

AREZZO – Il Pisa espugna (3-2) il Città di Arezzo e si aggiudica il primo round della semifinale play-off. Altalena di emozioni. Vantaggio di Marconi, pari a fine primo tempo di Cutolo. Ad inizio ripresa subito Arezzo in vantaggio con Brunori, ma poi Marconi trasforma il rigore e Di Quinzio ribalta tutto. Gori conserva respingendo un calcio di rigore a Cutolo. L’Arezzo perde l’imbattibilità casalinga che durava da 23 gare, il Pisa torna a vincere dopo molti anni in terra aretina.

di Antonio Tognoli

 

PRE GARA. Mister D’Angelo deve fare a meno di Marius Marin (che comunque ha seguito la squadra dalla tribuna) e riporta inizialmente De Vitis a centrocampo. Davanti a Gori ci sono quindi Birindelli e Meroni con Birindelli e Lisi impiegati a presidio delle fasce laterali. A centrocampo De Vitis va a dare manforte al duo composto da Gucher e Di Quinzio. Minesso opera alle spalle del duo Masucci-Marconi. Partono inizialmente dalla panchina Verna, Izzillo e Moscardelli. L’Arezzo scende in campo con lo stesso modulo dei nerazzurri. Non c’è Basit dal primo minuto, mister Dal Canto sceglie l’impiego di Belloni che agisce dietro le due punte Cutolo e Brunori. Oltre mille i tifosi sistemati nel settore ospite per un totale di oltre 8.200 tagliandi venduti al “Città di Arezzo”.

IL PRIMO TEMPO. La gara inizia a gran ritmo, le due squadre si affrontano sin dall’avvio a viso aperto. Al 5′ grande occasione per il Pisa con Lisi (dopo che la palla carambola sull’arbitro) che entra in area dalla sinistra ma il suo destro a giro termina sul fondo. L’Arezzo risponde con con un destro al limite di Serrotti respinto corto da Gori, che Cutolo non riesce a ribadire in rete. Il Pisa però insiste. Di Quinzio mette in mezzo una palla dove nessuno arriva al centro dell’area. Il Pisa passa al minuto 11 sugli sviluppi del secondo corner della partita. Angolo di Gucher palla a Di Quinzio che la controlla la mette in mezzo per il colpo di testa di  Michele Marconi che non lascia scampo a Pelagotti: 1-0 per il Pisa. Fanno festa i tifosi nerazzurri sistemati in curva sud, che poco prima avevano sfoggiato come coreografia la classica sbandierata rossonerazzurra. L’Arezzo però non si disunisce. Al minuto 13 ci prova Cutolo con il sinistro, Gori è attento e blocca la sfera. Il Pisa però continua a spingere. Di Quinzio calcia alto dopo una bella azione corale sulla destra portata avanti da Birindelli e Gucher. Pochi istanti dopo Minesso calcia di poco alto una punizione dai sedici metri assegnata dal Sig. Camplone per un fallo subito da Marconi. Alla mezzora si rivede in avanti l’Arezzo con una conclusione di sinistro di Belloni dopo una bella azione corale: palla di poco sul fondo. Al 34′ i padroni di casa pervengono al pareggio con Cutolo, che raccoglie la corta respinta di Gori e deposita sul palo opposto: 1-1. Esplode il “Città di Arezzo”. L’ambiente carica la squadra di casa che va vicina addirittura al vantaggio al minuto 39 ancora con un sinistro di Cutolo, che sfiora la traversa. In tribuna nel frattempo c’è qualche scaramuccia di troppo. Nel finale di primo tempo la prima ammonizione del match a carico di Sala. La prima frazione si chiude sull’1-1 al Città di Arezzo.

IL SECONDO TEMPO. La ripresa inizia senza nessun cambio da parte dei due allenatori. L’Arezzo però trova (2′) subito la via del gol. Cross di Serrotti da sinistra e Brunori da due passi fa esplodere il Città di Arezzo: 2-1. Doccia fredda per la formazione di mister Luca D’Angelo che però trova subito il pareggio. Infatti Pinto interviene fallosamente all’interno dell’area su Masucci. Il Sig. Camplone assegna il penalty. Sul dischetto va Marconi che indovina l’angolo giusto: 2-2 e si va a prendere gli applausi dei sostenitori nerazzurri. L’Arezzo vuole però tornare subito in vantaggio. Gli amaranto conquistano due angoli consecutivi. Sala fallisce il bersaglio da pochi passi prima e Serrotti da due passi non riesce a piazzare il sinistro. E’ il Pisa a portarsi di nuovo in vantaggio per una gara vietata ai deboli di cuore. Marconi imbecca Di Quinzio a centro area, Pelagatti sbaglia la diagonale e il numero dieci con un diagonale fa secco l’ex Pelagotti: 3-2. Pubblico nerazzurro in delirio. Pisa in vantaggio. La furia Arezzo però non si placa. Mister D’Angelo richiama in panchina Minesso ed inserisce Izzillo nel primo cambio del match. Al 23′ il Sig. Camplone assegna un penalty all’Arezzo per un dubbio fallo di Lisi su Brunori. I nerazzurri protestano molto. Cutolo va sul dischetto, ma Gori mette d’accordo tutti respingendo il rigore del numero dieci amaranto. Poi Lisi pulisce l’area di rigore. Pericolo scampato. Mister D’Angelo ricorre ancora alla panchina “rinfrescando” l’attacco. Fuori Masucci e Marconi, dentro Pesenti e Moscardelli. La gara è vibrante, l’Arezzo non ci sta, il Pisa lotta su ogni pallone. La gara rispetta le attese. E’ un gran derby. Mister Dal Canto opera il primo cambio del match inserendo Rolando al posto di Cutolo al minuto 31, mentre D’Angelo richiama Birindelli e fa fare il suo ingresso in campo a Liotti. Al minuto 35 per l’Arezzo ci prova Belloni con il sinistro: Gori blocca a terra in presa sicura. Nel finale di gara c’è molta imprecisione nei passaggi, le due squadre hanno speso molto e sono stanche. Sono tre i minuti di recupero concessi dall’arbitro.

AREZZO – PISA 2-3

PISA (4-3-1-2): Gori; Birindelli (77′ Liotti), Meroni, Benedetti, Lisi; Gucher, De Vitis, Di Quinzio; Minesso (64′ Izzillo); Masucci (71′ Moscardelli), Marconi (71′ Pesenti). A disp. D’Egidio, Kucich, Brignani, Buschiazzo, Masi, Verna, Gamarra, Fischer. All. Luca D’Angelo

AREZZO (4-3-1-2): Pelagotti; Sala, Pelagatti, Pinto, Luciani; Serrotti, Foglia, Buglio; Belloni; Cutolo (76′ Rolando), Brunori.  A disp. Bertozzi, Zappella, Sereni, Zini, Abdallah, Persano, Benucci, Burzigotti, Butic, Tassi, Borghini. All. Alessandro Dal Canto

ARBITRO: Giacomo Camplone della sezione di Pescara (Ass. Di Giacinto – Macaroni). Quarto uomo: Gariglio

RETI: 11′ e 51′ Marconi (P, rig) , 34′ Cutolo (A), 47′ Brunori (A), 58′ Di Quinzio (P)

NOTE: cielo nuvoloso, temperatura intorno ai 17 gradi, terreno in perfette condizioni. Ammoniti Sala, Meroni, Di Quinzio. Angoli 4-4. Rec pt 0′, st 3′.

By