Serie B. Il punto dopo l’ultima giornata del girone di andata

PISA – Il Campionato di serie B va in vacanza (riprenderà il 21 Gennaio) con il Verona che si riprende la vetta solitaria della Classifica e il titolo d’Inverno superando agevolmente il Cesena al “Bentegodi” ed approfittando del contemporaneo scivolone del Frosinone a Vercelli, circostanza quest’ultima che consente a Benevento, vittorioso di misura sul Pisa, Spal, uscita indenne dal “San Nicola” di Bari, e Cittadella di accorciare le distanze rispetto alla seconda piazza che dà diretto accesso alla Promozione in A.

di Giovanni Manenti

Segnano invece il passo sia il Carpi che il Perugia, entrambi sconfitti in trasferta, rispettivamente sui campi di Novara e Salerno, così come la Virtus Entella incapace di far punti al “Tombolato”. In coda, oltre ai citati successi interni di Salernitana e Pro Vercelli, continua il buon momento del Vicenza, che sfiora il colpaccio a Spezia, mentre l’impresa di giornata la mette a segno l’Ascoli violando il “Liberati” di Terni per una battuta d’arresto che complica non poco il cammino della squadra di Benny Carbone.

Come forse è giusto che sia, il Verona taglia in testa alla Classifica il Traguardo di metà Campionato regolando tra le mura amiche con un netto 3-0 un Cesena che non riesce a far punti in trasferta, e nel quale mette la sua firma anche il Capocannoniere Pazzini, giunto con la rete di venerdì a quota 16 in 17 presenze. Perde viceversa terreno il Frosinone, alla seconda sconfitta negli ultimi quattro turni, il quale soccombe al “Silvio Piola” di fronte ad una doppietta di La Mantia e vede ora la sua seconda posizione insidiata, a due sole lunghezze di distanza, dalla coppia di neopromosse formata dal Benevento, il quale fatica non poco ad aver ragione del Pisa, e dalla Spal che conquista un positivo pareggio a Bari in una gara decisa da due calci di rigore alquanto “generosi” concessi dal Direttore di gara per le rispettive trasformazioni di Antenucci e Maniero. Non molla neppure il Cittadella che, superando la Virtus Entella grazie alle reti dei due ex attaccanti nerazzurri Arrighini e Strizzolo, consolida il suo quinto posto scavalcando un Carpi incapace di gestire il vantaggio conquistato in avvio dal “solito” Kevin Lasagna (giunto a quota 9 centri tra i Marcatori), venendo rimontato già nel primo tempo da due “magie” su punizione di Galabinov e Sansone a cavallo della mezz’ora di gioco, così come il Perugia si fa sorprendere all’Arechi dalla coppia-goal formata da Donnarumma e Coda che “confeziona” il 2-1 e regala alla Salernitana un importante successo in chiave salvezza.

Un Pisa “incerottato” non sfigura al “Ciro Vigorito” di Benevento al cospetto della terza della classe ed in cui si affrontavano le due migliori difese del Torneo, pagando a caro prezzo una delle rare incertezze di Ujkani di questa prima parte del Torneo che consegna a Cissé la rete del vantaggio giallorosso poco oltre la metà della prima frazione di gioco. Una ripresa tutta cuore ed orgoglio da parte dei nerazzurri non è sufficiente a riequilibrare le sorti dell’incontro, grazie anche alle prodezze del 22enne estremo difensore campano Alessio Cragno, il quale nega in più occasioni la gioia del pari, dimostrando di essere una delle più belle rivelazioni di questa prima parte della Stagione. E’ mia personale opinione che il Pisa debba ripartire proprio dal secondo tempo di Benevento alla ripresa del Campionato, alla quale ci auguriamo di poterci presentare con il recupero degli infortunati e con una rosa necessariamente rinforzata sul mercato invernale per poter affrontare la seconda parte del Torneo con uno spirito più aggressivo, rischiando anche qualcosa di più in difesa ma con l’obiettivo di vincere più partite possibili, dato che i “crudi” dati statistici impietosamente ricordano come l’attacco nerazzurro sia a secco da cinque turni consecutivi.

Per il resto, sfiora il colpo grosso il Vicenza nell’anticipo del mercoledì sera al “Picco” al cospetto di uno Spezia peraltro rimasto in 10 dopo mezz’ora per l’espulsione di Pulzetti, confermando comunque il suo buon momento che lo ha visto conquistare 10 punti nelle ultime quattro giornate, successo pieno che, al contrario, non sfugge all’Ascoli che, espugnando il “Liberati” di Terni grazie ad una rete del pisano Favilli, conquista la sua quarta vittoria esterna stagionale ed inguaia una Ternana, viceversa alla terza sconfitta consecutiva. Non si ferma l’abbonamento al pareggio da parte del Latina, alla settima divisione della posta consecutiva con lo 0-0 interno contro l’Avellino, e serve a ben poco aver mosso la Classifica per un sempre più desolatamente ultimo Trapani, il quale non va oltre il pari interno a reti bianche contro il Brescia.

By