Serie B. Top e flop della seconda giornata: Cittadella sugli scudi, Perugia dietro la lavagna

PISA – E’ sicuramente Il Cittadella la squadra della settimana che è uscita vincitrice e capolista dopo la seconda giornata del campionato di serie B. Dopo il pari a Cesena invece il Perugia di mister Bucchi patisce il primo ko stagionale per mano del Bari di Stellone.

di Giovanni Manenti

Nella squadra veneta militano gli ex nerazzurri Alfonso (in B nella seconda stagione con Ventura), Andrea Arrighini e Manuel Iori (ex dal passato molto recente) e Luca Strizzolo che nella vittoria per 2-0 contro la Ternana è subentrato nei minuti finali ed ha sfiorato anche il gol.

CITTADELLA BELLO E PRIMO. Sfido chiunque ad aver pronosticato la matricola CITTADELLA solitaria Capoclassifica dopo due giornate, ed invece la squadra di Venturato ha dimostrato – pur contro una tutt’altro che insuperabile Ternana – che la vittoria esterna al “San Nicola” di Bari era tutto fuorché un episodio, ed anche se il Tecnico, giustamente, getta acqua sul fuoco, riteniamo che la squadra veneta possa rappresentare una lieta sorpresa nel corso della Stagione. Molta curiosità, desta tra l’altro, per gli sportivi pisani, verificare il rendimento degli ex nerazzurri che ricoprono tre “ruoli chiave” nello “Scacchiere” dei granata, vale a dire l’estremo difensore Alfonso, il regista Iori e l’attaccante Arrighini, oltretutto pisano di nascita. Per il momento, son partiti con il piede giusto, il resto lo valuteremo “cammin facendo”.

IL FLOP DELLA SETTIMANA. Il Campionato di B è lungo, con ben 42 giornate in programma, e tempo per rimediare ad una “partenza falsa” ve ne è in abbondanza, ma comunque iniziare con il “piede sbagliato” non è mai una cosa positiva, specie se si nutrono speranze ambiziose, ed è questo il caso del PERUGIA che, dopo il positivo esordio coinciso con un confortante pareggio sul campo del Cesena, si fa sorprendere in casa dal Bari, altra pretendente alla Promozione. Certo, il Calendario dei Grifoni non era certo dei più agevoli, così come la sconfitta interna, maturata al 5′ minuto di recupero su calcio di rigore trasformato da Maniero, lascia più che un amaro in bocca a Bucchi ed ai suoi ragazzi, ma occorrerà ora provvedere ad una pronta reazione a partire da sabato prossimo nell’incontro contro il lanciato Brescia di Brocchi, che potrà dare delle ulteriori indicazioni su quale potrà essere il futuro della squadra umbra.

By