Serie BKT Chievo – Pisa 2-2. Un grande Marconi non basta, il Chievo rimonta il Pisa

VERONA – Finisce 2-2 fra Chievo e Pisa al “Bentegodi” con il Pisa in vantaggio per 2-0 che si è fatto riprendere sul 2-2 da un Chievo mai domo. Non sono bastate due reti di Marconi ma va bene così perché la squadra di D’Angelo sale a quota 8 in compagnia di Perugia ed Empoli che martedì farà visita ai nerazzurri all’Arena. 

di Antonio Tognoli 

PRE GARA. Mister Luca D’Angelo sceglie Siega dal primo minuto dando un po’ di fiato a Marin anche in vista della sfida di martedì contro l’Empoli. Davanti a Gori ci sono Aya, De Vitis e Benedetti che torna dalla squalifica. Sugli esterni spazio a Belli a destra e Lisi a sinistra. Sulla linea mediana operano Gucher, Verna e Siega. In attacco confermata la coppia Masucci – Marconi. Anche Moscardelli e Liotti al seguito della squadra a Verona nonostante l’indisponibilità e a bordo campo per caricare la squadra nelle operazioni di riscaldamento.

Il Chievo Verona dal canto suo dopo il successo contro il Venezia deve fare a meno dell’infortunio Giaccherini. In attacco Marcolini sceglie la coppia Meggiorini – Djordjevic. Oltre mille i pisani al seguito della squadra sistemati nell’ultimo anello dello stadio “Bentegodi”.

IL PRIMO TEMPO. Pisa in maglia nerazzurra, Chievo in maglia gialloblú. Primi minuti di studio per le due formazioni. Il Pisa si fa pericoloso con un traversone di Lisi da sinistra smorzato da Rigione tra le braccia di Semper. Il Chievo non spaventa Gori. Ci prova invece Siega al minuto 11 ma il suo destro termina alto sopra la traversa. Gli oltre mille tifosi giunti da Pisa si fanno sentire con il loro tifo. Sembra quasi di giocare all’Arena. Il Chievo fa girare molto la palla, ma di una conclusione nello specchio della porta neanche l’ombra. Al 18′ al primo vero affondo i nerazzurri passano. Affondo di Belli cgje che va via sulla destra mette in mezzo laddove Marconi è il più lesto ad infilare un incerto Semper lento a leggere la traiettoria della sfera: 1-0. In Curva ospiti si fa festa. Il Pisa galvanizzato dal gol si fa vedere ancora dalle parti di Semper con una conclusione di Masucci che però termina alta sopra la traversa. La risposta del Chievo è affidata al sinistro di Meggiorini. Gori blocca a terra. Ma sono i nerazzurri a recuperare spesso palla e tentare il contropiede. Masucci al minuto 24 scarica per Siega al limite mail numero sette nerazzurro si fa anticipare. Al minuto 27 però ci vuole un grande Gori per mantenere il Pisa in vantaggio. Il numero uno nerazzurro si distende in tutta la sua lunghezza per deviare in angolo un sinistro di Meggiorini dopo una leggerezza della difesa del Pisa. Marconi ci riprova al minuto 37 su una riconquista di Siega dopo un pressing dettato da Gucher. Il destro del numero 31 nerazzurro è alto. Prima del riposo Lisi (terza ammonizione in stagione) finiva sul taccuino del Sig. Amabile in una prima frazione sostanzialmente corretta e con pochi falli. La prima frazione si chiude sull’1-0 a favore del Pisa.

IL SECONDO TEMPO. Subito un cambio nel Chievo. Dentro Rodriguez per i clivensi con Meggiorini che rimane negli spogliatoi. I padroni di casa partono forte ed il Pisa rischia di subire la rete del pareggio. Djordjevic scappa via sul versante sinistro commettendo fallo su De Vitis mette in mezzo dove Segre a botta sicura con il piattone chiama Gori alla respinta con i piedi. Miracolo ancora una volta del portierone nerazzurro. Il Chievo spinge. De Vitis spazza via un’altra situazione pericolosa nei pressi della linea di porta. Doppio cambio nel Pisa dentro Pinato e Marin, fuori Siega e Lisi. Primo affondo nerazzurro e raddoppio (10′) sull’asse Belli – Marconi colpo di testa che si insacca alla sinistra di Semper che stavolta nulla può: 2-0. Tifosi nerazzurri in delirio al cospetto di un Pisa quasi perfetto. I nerazzurri galvanizzati dal raddoppio si affacciano dalle parti di Semper con una sberla di Gucher che termina sul fondo. Il Chievo si riaffaccia in avanti con un destro di Segre alto sopra la traversa. Nel Chievo fuori Esposito e dentro Garritano. I padroni di casa accorciano con Segre (23′) che trova l’angolo alla sinistra di Gori con una conclusione dal limite. Questa volta il portierone nerazzurro nulla può: 1-2. Galvanizzato dalla rete il Chievo si getta in avanti e al minuto 72 un diagonale di Garritano non trova la deviazione di nessun gialloblú. Ci prova ancora Vignato dal limite per il Chievo, ma la palla sfila alta sopra la trasversale di Gori. Il Chievo trova però il pari con un sinistro rasoterra di Dickmann che termina ancora la sua corsa alla sinistra di Gori: 2-2. È un Pisa un po’ in sofferenza. D’Angelo a dieci dalla fine toglie De Vitis ed inserisce Ingrosso che fa il suo esordio con i nerazzurri in B. Verna spaventa Semper che blocca il destro del numero 5 nerazzurro. Gori blocca una punizione di Garritano. Il Pisa però risponde al Chievo con un colpo di testa di Masucci che termina sul fondo. Una bella partita fatta di tante occasioni e continui capovolgimenti di fronte. Al minuto 42 sbaglio in disimpegno del Chievo, Marin intercetta al limite ma con il destro calcia sul fondo. Peccato. Ultimi minuti di sofferenza. Rodriguez per il Chievo sbaglia da due passi forse in fuorigioco. Sono cinque i minuti di recupero.

CHIEVO VERONA – PISA SC 2-2

CHIEVO (4-3-1-2): Semper; Brivio, Cesar, Rigione, Dickmann; Obi (88′ Pina Bynes) Esposito (64′ Garritano), Segre; Vignato; Meggiorini (46′ Rodriguez), Djordjevic. A disp. Pavoni, Nardi, Cotali, Pucciarelli, Leverbe, Frey, Bertagnoli, Grubac, Colley. All. Michele Marcolini

PISA SC (3-5-2): Gori; Aya, De Vitis (80′ Ingrosso), Benedetti; Belli, Gucher, Verna, Siega (53′ Marin), Lisi (53′ Pinato); Marconi, Masucci. A disp. D’Egidio, Minesso, Meroni, Di Quinzio, Fabbro, Birindelli, Izzillo, Varnier, Asencio. All. Luca D’Angelo.

ARBITRO: Amabile della sezione di Vicenza (Ass. Soricano – Grossi). Quarto Ufficiale Lorenzo Illuzzi di Molfetta

RETI: 18′ e 55′ Marconi (P) , 68′ Segre (CV), 77′ Dickmann (CV)

NOTE: giornata soleggiata, terreno in ottime condizioni. Ammoniti Lisi. Angoli 4-1. Rec pt 1′, st 5′.

By