Serie BKT. Cosenza – Pisa 2-1 Asencio punisce i nerazzurri ancora in zona Cesarini

PISARaul Asencio punisce in zona Cesarini il Pisa. Il Cosenza batte (2-1) il Pisa in una gara rocambolesca. Vantaggio calabrese conm Carretta su disattenzione della difesa nerazzurro. Pari di De Vitis al termine di una splendida azione orchestrata da Birindelli con un tacco di Moscardelli. Nel finale come descritto Asencio vendica i sei mesi non positivi nella città della Torre con il gol “al veleno” che condanna i nerazzurri. Con la sconfitta maturata questa sera i nerazzurri scivolano al decimo posto a quota 50 e quindi sono fuori dai play off per un punto. Il Cosenza con questo successo sfrutta le sconfitte di Juve Stabia e Pescara e si porta a quota 40 ad un solo punto dai campani e a due dagli abruzzesi.

di Antonio Tognoli

PRE GARA. Il tecnico nerazzurro oltre a Vido deve fare a meno di Belli e Pinato. I nerazzurri si schierano con il 3-5-2. Davanti a Gori ci sono Caracciolo, Benedetti ed Ingrosso. Pisano e Lisi sono gli esterni. A centrocampo spazio a Marin, Gucher e Siega. Davanti appunto la coppia formata da Marconi e Fabbro. Il Cosenza si schiera con il 3-4-1-2. La formazione di mister Occhiuzzi schiera Casasola e Bittante esterni. Baez staziona alle spalle di Riviere e Carretta. Dalle ore 21 aggiornamenti sul nostro portale sul match del Marulla che vale un posto nei play off per il Pisa e la salvezza per i calabresi che vogliono evitare di sprofondare in serie C.

Una fase del match (Foto Francesco Donato)

IL PRIMO TEMPO. Pisa in maglia gialla, Cosenza nella classica casacca rossoblù. Fasi iniziali di studio. Ingrosso e Benedetti liberano l’area su un paio di cross dalla destra dei calabresi. Pisa comunque ben messo in campo nei primi minuti di un match che non offre sussulti. Riviere imbeccato da Baez viene anticipato dall’uscita di Gori, che blocca a terra. La prima grande occasione è del Cosenza con il colpo di testa da due passi di Casasola, bloccato in due tempi da Gori nei pressi della linea di porta. Il Pisa conquista una punizione al limite dell’area con Siega fermato da Bruccini. Si incarica della battuta Gucher, ma il suo destro deviato dalla barriera e toccato da un difensore termina sul fondo. L’arbitro non concede neanche l’angolo. Il Cosenza però passa al minuto 29: Casasola imbecca Carretta tutto solo al centro dell’area di sinistro mette alle spelle di Gori. Calabresi in vantaggio un pò a sorpresa. Il Pisa risponde subito guadagnando un angolo senza però creare pericolo alla retroguardia dei calabresi. L’azione più pericolosa la crea Marin. che su invito di Gucher dal limite calcia altissimo. Poteva fare molto meglio nell’occasioneMarin. Peccato. Non ci sta il Pisa che continua a giocare palla a terra. Gucher (40′) dal limite calcia al volo dal limite dell’area: palla alta non di molto sopra la trasversale di Saracco. La prima frazione senza alcun recupero si chiude sull’1-0 per i calabresi. A decidere la rete di Carretta.

IL SECONDO TEMPO. Ad inizio ripresa Benedetti rimane negli spogliatoi per il Pisa: dentro De Vitis. Pisa subito in avanti, ma è del Cosenza la prima occasione ancora con Carretta che da posizione non facile calcia sull’esterno della rete, dopo aver “bruciato” sullo scatto Ingrosso. Il Pisa risponde con un contropiede firmato Marconi che cerca a centro area Fabbro che però è in ritardo e non trova la sfera. Doppio cambio nel Pisa, dentro Soddimo e Birindelli per Marin e Pisano. Buon impatto con il match da parte di Birindelli che va subito al cross con Saracco che blocca a terra. Ci prova anche Danilo Soddimo dalla distanza, ma il suo destro a giro termina alto. Al minuto 70 c’è spazio anche per Moscardelli che rileva un esausto Fabbro. Pisa in costante possesso della sfera, Cosenza attende e riparte in contropiede. Ingrosso si becca il giallo per un fallo su Riviere, poi è la volta di Sciaudone che finisce sulla lista dei cattivi. Ma il Pisa trova il pari al minuto 77: cross da destra di Birindelli, tacco di Moscagol e piatto al volo di De Vitis che trova l’angolino: 1-1. Gran gol del Pisa. D’Angelo esulta, Tutti sommergono di abbracci De Vitis. Pareggio strameritato per i nerazzurri. De Vitis ci prova ancora dalla distanza, Saracco blocca a terra. Contatto in area Lisi-Riviere, l’arbitro lascia correre. Al minuto 89 punizione di D’Orazio, colpo di testa di Sciaudone, traversa piena. Sono cinque i minuti di recupero. Il Pisa rischia e subisce il gol ancora in zona Cesarini con Raul Asencio che anticipa Lisi e deposita in rete il cross di D’Orazio: 2-1. Il Cosenza torna in corsa per la salvezza, il Pisa subisce la sua seconda sconfitta dopo il lockdown.

COSENZA – PISA 2-1

COSENZA (3-4-1-2): Saracco; Capela, Idda, Legittimo; Casasola, Sciaudone, Bruccini, Bittante (81′ Asencio); Baez (72′ Bahlouli); Riviere, Carretta (81′ D’Orazio). A disp. Quintiero, Perina, Corsi, Lazaar, Broh, Schiavi, Monaco, Kone, Prezioso. All. Occhiuzzi

PISA (3-5-2): Gori; Caracciolo, Benedetti (46′ De Vitis), Ingrosso; Pisano (62′ Birindelli), Gucher (74′ Pompetti), Marin (62′ Soddimo), Siega, Lisi; Marconi, Fabbro (70′ Moscardelli). A disp. Perilli, Dekic, Minesso, Meroni. Varnier, Masucci. All. Luca D’Angelo

ARBITRO: Rapuano della sezione di Rimini

RETI: 29′ Carretta (C). 77′ De Vitis (P). 94′ Asencio (C)

NOTE: serata calda, terrenon in perfette condizioni. Ammoniti Marin, Ingrosso, Sciaudone. Angoli 4-2. Rec pt 0′, st 5′.

By