Serie BKT . Lecce – Pisa 0-3. Il Pisa scrive la storia. Tris spettacolo al “Via del Mare”

PISA – Il Pisa vince per la prima volta nella sua storia al “Via del Mare” con un secco 3-0 firmato Soddimo, Gucher e Sibilli. Una partita da grande squadra che testimonia la crescita del gruppo dopo un inizio stentato. Quarto risultato utile consecutivo, terza partita senza subire gol per Perilli. Il Pisa vola a quota 17 punti in classifica.

di Antonio Tognoli

PRE GARA. Mister Luca D’Angelo deve fare a meno di Varnier squalificato e Mazzitelli infortunato, mentre il Lecce oltre a rinunciare a mister Eugenio Corini positivo al Covid-19 (in panchina c’è Lanna deve fare a meno di Dermaku. D’Angelo in vista dell’impegno contro il Chievo schiera un 4-3-1-2 con Perilli fra i pali. Davanti alla difesa confermati Benedetti e Caracciolo con Belli e Pisano sulle corsie esterne. Gucher, De Vitis e Marin sono schierati a centrocampo con Soddimo dietro alle due punte l’ex Simone Palombi e Luca Vido. Il Lecce risponde con lo stesso modulo dei nerazzurri con Gabriel fra i pali, Lucioni e Meccariello sono i centrali con Adjapong e Calderoni a fungere da esterni bassi. Centrocampo consegnato a Paganini Tachsidis e Handerson con Listkowski alle spalle di Falco e Stepinski, Arbitra il match Luca Sacchi di Macerata.

IL PRIMO TEMPO. Lecce in completo giallorosso, Pisa che scende in campo al Via del mare in tenuta verde. I nerazzurri passano alla prima azione: Soddimo solo davanti a Gabriel lo batte con un piatto destro che termina la sua corsa nell’angolino alla sinistra del portiere giallorosso: 1-0. Inizia bene per il Pisa la sfida del Via del Mare. La squadra di Luca D’Angelo gioca bene ed ha un altra grande occasione con un contropiede di Vido che però non è preciso nel passaggio finale a Palombi. Al 7′ Marin è il primo ammonito del match. Ma poco dopo è ancora il Pisa a farsi pericoloso. Vido soffia un altra palla a Calderoni, filtrante per Palombi che in diagonale impegna Gabriel che è attento sul suo palo e si rifugia in angolo. Lecce ancora con il fiato grosso al minuto 11. Filtrante al limite dell’area di Marin per Vido che crossa dal fondo. Questa volta Calderoni spazza una palla che sarebbe termianta a Palombi. Si salva ancora la formazione di mister Corini. E’ solo però il preludio al raddoppio. Vido recupera l’ennesima palla sulla tre quarti. Gucher dal limite dribbla un avversario e trova con un tiro a giro l’incrocio dei pali; palla che sbatte sul palo e termina in porta: 2-0. Giocata di grande qualità del centrocampista austriaco. Tutta la pacnhina in piedi ad esultare. Il Lecce colpito nell’orgoglio va vicina al gol dell’1-2: da un cross in area la sponda di Stepinski per Paganini che con il sinistro va ad una spanna dal gol con De Vitis che vigila sul palo che la palla esca. Buon momento per i salentini che ci provano ancora con un pallonetto di Listkowski che termina ancora di poco alto sopra la traversa. Al minuto 22 sponda di Stephinski per Handerson, il suo destro è deviato in angolo da Perilli molto attento. Poco dopo la mezzora si alzano dalla panchina giallorossa Mancosu e Coda. Il Lecce costantemente nella tre quarti nerazzurra che sembra però molto attenta. Il Pisa opera un pressing che non fa respirare i portatori di palla di Corini. Dalla distanza ci prova Falco servito da Tachtsidis, palla alta sopra la traversa. Al “Via del Mare” si va al riposo senza nessun recupero. Robert Gucher, il grande protagonista del primo tempo che ha siglato il 2-0 commenta così a DAZN: “Compatti e abbiamo sfruttato le occasioni in contropiede. Primo passo importante, ma la partita è ancora lunga. Loro hanno una squadra fortissima, noi dobbiamo andare avanti con il nostro obiettivo che è lo spirito di gruppo“.

IL SECONDO TEMPO. Mister Corini inserisce subito i due bomber Coda e Mancosu. Coda ha subito la palla dell’1-2. Vido grazia Gabriel però poco più tardi che con i piedi risponde all’attaccante di mister D’Angelo. E’ il Pisa a pressare quando tutti si attendono la reazione del Lecce. La conclusione di Mancosu termina di un soffio sul fondo. D’Angelo cambia: dentro Siega fuori uno stanchissimo Gucher, fuori Soddimo e dentro Sibilli. Poco dopo è proprio Sibilli che con un destro di controbalzo trova il 3-0 e chiude di fatto la partita: 3-0. Nel Lecce dentro anche Pettinari al posto di Stephinski, Ma per la squadra giallorossa è notte fonda con Mancosu vittima di un guaio muscolare, ma che rimane in campo. Coda nelm frattempo sfiora il punto della bandiera con un colpo di testa che termina di poco sul fondo. Mister D’Angelo a questo punto inserisce Masucci al posto di un grandissimo Luca Vido che con i suoi recuperi, le sue percussioni e suoi assist è stato di gran lunga il misliore in campo. A cinque minuti dalla fine doppio cambio nel Pisa: Quaini rileva De Vitis, mentre Meroni subentra a Palombi. D’Angelo passa di fatto alla difesa a tre negli ultimi scampoli di match. Al triplice fischio finale rimane il tempo solo per la festa per la squadra di D’Angelo. Una gara perfetta, in una giornata perfetta. Il Pisa esce dal campo fra abbracci e applausi.

LECCE – PISA 0-3

LECCE (4-3-1-2): Gabriel; Adjapong, Lucioni, Meccariello, Calderoni; Paganini (73′ Majer), Tachtsidis (45′ Coda), Henderson (73′ Maselli); Listkowski (45′ Mancosu); Falco, Stepinski (64′ Pettinari). A disp. Bleve, Vigorito; Rossettini, Monterisi, Zuta, Pierno, Björkengren. All. Salvatore Lanna

PISA (4-3-1-2) – Perilli; Belli, Caracciolo, Benedetti, Pisano; Gucher (64′ Siega) , De Vitis (85′ Quaini), Marin; Soddimo (64′ Sibilli); Vido (81′ Masucci), Palombi (84′ Meroni). A disp. Loria, Kucich; Birindelli, Masetti, Bechini, Lisi, Marconi. All. Luca D’Angelo.

ARBITRO: Juan Luca Sacchi della sezione di Macerata (Ass. Mastrodonato-Di Monte). Quarto uomo: Ivan Robilotta

RETI: 1′ Soddimo (P), 17′ Gucher (P), 67′ Sibilli (P)

NOTE. giornata nuvolosa, terreno in buone condizioni. Ammoniti Marin, Listkowski. Angoli 7-6. Rec pt 0′, st 3′.

By