Serie BKT. Pescara – Pisa 3-1. L’Adriatico rimane tabù per i nerazzurri

PISA – Continua ad essere ostico l’Adriatico. Il Pisa esce ancora sconfitto (3-1) contro il Pescara che invece torna al successo dopo otto turni. Nel primo tempo rete di Galano per gli abruzzesi, nella ripresa raddoppio al 90′ di Machin, accorcia Marconi che dà speranza al Pisa, ma in contropiede Busellato chiude i conti al minuto 96. I nerazzurri torneranno in campo a Pasquetta all’Arena contro il Lecce (ore 15).

di Antonio Tognoli

PRE MATCH. Allo stadio Adriatico mister Luca D’Angelo ritrova la coppia d’attacco formata da Marconi e Palombi. Il tecnico che torna nella sua Pescara, recupera quasi tutti gli effettivi, ma complice l’impegno di Pasquetta contro il Lecce all’Arena opera un pò di turn over. Davanti a Gori difesa a tre con Belli, Benedetti e Beghetto. Centrocampo di sostanza con Quaini schermo davanti alla difesa e De Vitis in mediana insieme a Mazzitelli con Marsuranel ruolo di tornante destro. Gucher è ancora il tre quartista con Marconi e Palombi appunto coppia d’attacco. Il Pescara di Grassadonia risponde con un 4-3-3. Davanti all’ex Samp Fiorillo ci sono l’ex Scognamiglio e Sorensen con Bellanova e Masciangelo sugli esterni di difesa. Dessena, Busellato e Maistro sono schierati sulla linea mediana. Galano, Odgaard e Capone formano il tridente d’attacco.

IL PRIMO TEMPO. Pisa in maglia verde, Pescara in casacca biancazzurra. Il primo pericolo lo porta la squadra di Luca D’Angelo con Marsura che calcia appena dentro l’area con il sinsitro, palla alta sopra la traversa con un fallo però dell’ex Scognamiglio su Marsura non rilevato dal direttore di gara. E’ il Pescara però a tenere il possesso della sfera, il Pisa però quando si affaccia dalle parti di Fiorillo (15′) si rende sempre pericoloso. Dall’angolo di Gucher palla nei pressi del primo palo con Mazzitelli che la gira verso la porta costringendo l’estremo difensore del Pescara alla deviazione in corner. Primo ammonito del match al minuto 22 il nerazzurro De Vitis. Il Pescara si rende pericoloso poco dopo con un diagonale di Odgaard, palla di un soffio sul fondo. Pericolo scampato per la formazione di Luca D’Angelo. Ancora abruzzesi pericolosi al minuto 39 con un destro di Busellato terminato alto. La squadra di Grassadonia però passa in vantaggio al minuto 39: Odgaard vince il duello fisico con Benedetti entra in area dalla sinistra e serve in mezzo Galano e l’ex Foggia con il sinistro mette alle spalle di Gori: 1-0. La risposta del Pisa non si fa attendere e arriva un minuto dopo con un destro al volo di Palombi che però termina sul fondo. il Pisa non ci sta. Sono due minuti di recupero. Si va al riposo però con il Pescara in vantaggio sui nerazurri.

IL SECONDO TEMPO. Mister D’Angelo inserisce subito Caracciolo al posto di De Vitis. Nerazzurri subito pericolosi con Marsura. Pescara che però non sta a guardare. Cross di Masciangelo dalla sinistra sul secondo palo dove non arriva Odgaard. Gori comunque fa buona guardia. D’Angelo però ridisegna la squadra dentro Birindelli per Belli e Vido per Palombi. Ci sono i primi segnali di risveglio. Ed è proprio Birindelli a mettere il primo cross con Fiorillo che anticipa Marconi. All’alba del quarto d’ora nel Pescara si fa male Maistro con Grassadonia costretto al primo cambo forzato del match: dentro Machin. Ed è proprio il nuovo entrato Machin al minuto 64 ad avere la palla del 2-0, ma il suo sinistro a giro al termine di un contropiede di Capone, termina sul fondo. Per i nerazzurri ci provano con un calcio di punizione di Marconi (palla alta sopra la traversa), mentre Gori dice no con una grande parata al destro a giro di Capone. Torna in campo dopo una lunga assenza anche Sibilli che rileva Quaini per un Pisa veramemnte a trazione anteriore. Al minuto 76 Birindelli viene messo giù in area, l’abitro però lascia correre. Cambia anche il Pescara: dentro Ceter e Volta rispettivamente al posto di Galano e Capone. Il Pisa in attacco a testa bassa, ma è Gori a tenere a galla i nerazzurri con una grande parata sul sinistro di Busellato. Il raddoppio del Pescara però arriva al 90′ con un destro che si infila sotto la traversa e questa volta Gori nulla può. A rimettere in corsa il Pisa ci pensa Batman Marconi che sottomisura fa 2-1. Ci sono ancora cinque minuti da giocare, ma è il Pescara a calare il tris al minuto 96 al termine di un contropiede avviato dal nuovo entrato Giannetti e concluso da Busellato che fa secco Gori. Finisce 3-1 per il Pescara.

PESCARA – PISA 3-1

PESCARA (4-3-3): Fiorillo; Bellanova, Scognamiglio, Sorensen, Masciangelo; Dessena, Busellato, Maistro; Galano (77′ Ceter), Odgaard (95′ Giannetti), Capone (77′ Volta). A disp. Radaelli, Alastra, Valdiofiori, Riccardi, Fernandes, Omeonica, Nzita, Vokic. All. Gianluca Grassadonia

PISA (3-4-1-2): Gori; Belli (55′ Birindelli), Benedetti, Beghetto; Marsura, Quaini (74′ Sibilli), De Vitis, Mazzitelli: Gucher (83′ Pisano); Marconi, Palombi (55′ Vido). A disp. Perilli, Loria, Meroni, Marin, Lisi, Masetti, Andreano. All. Luca D’Angelo.

ARBITRO: Pasqua della sezione di Tivoli (Ass. Muto – Avalos). Quarto uomo: Amabile di Vicenza

RETI: 40′ Galano (Pe), 90′ Machin (Pe), 91′ Marconi (Pi), 96′ Busellato (Pe)

NOTE: giornata di sole, terreno in perfette condizioni. Ammoniti De Vitis (Pi), Masciangelo (Pe), Benedetti (Pi), Sibilli (Pi), Ceter (Pe). Angoli 3-8. Rec pt 2′; st 6′.

Loading Facebook Comments ...
By