Serie BKT. Pisa-Chievo 1-1 Lisi risponde a Meggiorini

PISA – Finisce in parità (1-1) la sfida fra Pisa e Chievo. Vantaggio di Meggiorini viziato da un fuorigioco di Giaccherini autore del traversone. Nella ripresa assedio Pisa che trova il pareggio con un gran gol di Lisi. Poi Soddimo viene espulso per doppia ammonizione. Pisa in dieci che rischia nel finale con Gucher che salva sulla linea. Apprensione per Gori che dopo la partita abbandona il campo in barella per lo scontro di gioco con Djordjevic accompagnato in ospedale per accertamenti alla ferita lacerocontusa alla testa.

di Antonio Tognoli

PRE MATCH. Mister Luca D’Angelo deve fare a meno di Ingrosso, Meroni e Varnier ormai assenti da parecchie domeniche. Davanrti a Gori ci sono Benedetti e il nuovo acquisto Antonio Caracciolo. Sugli esterni spazio a Birindelli e Lisi. Centrocampo affidato alle geometrie di Gucher e alla grinta di Marin e alla gioventù e alla corsa di Pinato, con Siega rifinitore dietro alle due punte Luca Vido e Gaetano Masucci. Sia Soddimo che Marconi dunque partono inizialmente dalla panchina. Il Chievo che deve fare a meno dello squalificato Obi e a Cotali che mister Marcolini lascia a casa per scelta tecnica. Ne consegue che i gialloblù scendono in campo con un 4-3-1-2. Davanti a Semper ci sono Leverbe e Cesar con Dickmann e il nuovo acquisto Renzetti impiegato sugli esterni. Marcolini si affida ad un centrocampo di qualità schierando Segre, Esposito Jr. e Garritano con Giaccherini che staziona dietro alle due punte Meggiorini e Ceter, quest’ultimo preferito a Djordjevic. All’Arena giornata di sole, circa ottomila i presenti sugli spalti per una partita tutta da vivere anche ricordando a ventuno anni di distanza ormai il grande tifoso nerazzurro Maurizio Alberti che la Curva Nord che porta il suo nome gli regala una splendida coreografia e Masucci va a depositare sotto la Nord un mazzo di fiori prima del match.

IL PRIMO TEMPO. Pisa in maglia nerazzurra, Chievo con la maglia da trasferta. Il Pisa parte forte Siega conquista una punizione dal limite. Si incarica della battuta Gucher con Semper costretto subito alla deviazione in angolo. Sul susseguente corner Birindelli gira di testa verso l’esterno della rete. Ma alla prima occasione il Chievo passa. Cross da sinistra di Giaccherini per la bellissima mezza rovesciata di Meggiorini che termina la sua corsa sotto la traversa dove Gori nulla può. Chievo in vantaggio praticamente alla prima azione viziata però da un fuorigioco di Giaccherini che al momento del lancio era al di là della linea dei difensori del Pisa. I nerazzurri però rispondono subito. Da una punizione di Siega e un batti e ribatti in area Benedetti ha la possibilità di calciare da pochi passi con la palla che però termina alta. al minuto 18 il Chievo perde Meggiorini per infortunio, al suo posto Djordjevic. Intanto dal limite Giaccherini impegna a terra Gori. Sul taccuino dell’arbitro Dionisi finisce Renzetti per un fallo da dietro su Pinato. Birindelli tenta la rovesciata palla che però viene respinta in out. Il Chievo però sfiora il raddoppio al minuto 25. Renzetti da sinistra fa partire un cross per la testa di Segre a colpo sicuro, Gori respinge da campione, ma sulla ribattuta Ceter a porta sguarnita manda alto. Sospiro di sollievo, anche perchè due gol di diffrenza saerebbero stati davvero troppi per quello che si è visto in campo. La squadra di Marcolini sfrutta ancora l’arma del contropiede. Ceter, ancora in sospetta posizione di offside scappa via supera Gori in uscita, ma Caracciolo salva sulla linea spazzando inn angolo. Il Pisa spinge alla ricerca del pareggio, il Chievo addormenta un match molto spezzettato. Si beccano il giallo nel Chievo Garritano e il nuovo entrato Djordjevic. Masucci ci prova al minuto 43 con un sinsitro che termina sul fondo senza che nessun nerazzurro intervenga sul secondo palo. Sono tre i minuti di recupero concessi dall’arbitro. Pinato è anticipato al momento della conclusione a rete dopo un bello scambio con Lisi sulla sinistra. Anche Benedetti finisce sulla lista dei cattivi del Sig. Dionisi. Nel finale del recupero il Chievo fallisce ancora la palla del 2-0 con Djordjevic che spara sulò fondo.

Al momento del lancio di Renzetti Giaccherini è in fuorigioco nell’azione che ha scaturito l’1-0 (fermo immagine tratto da DAZN)

IL SECONDO TEMPO. Medesimi schieramenti della prima frazione tornano in campo dopo l’intervallo. Il Chevo conquista subito un corner con un colpo di testa di Segre che però termina ampiamente a lato. Al 3′ Masucci va giù in area di rigore ma l’arbitro concede solo il corner. Ed è ancora il numero 26 nerazzurro ad impegnare Semper con un colpo di testa su traversone di Lisi. Marin spezza in scivolata un contropiede scaligero e Masucci poco dopo ci prova ancora in rovesciata con palla che però termina alta. al minuto 53 è il momento di Marconi che rileva Vido. Il Pisa attacca a testa bassa. Lisi sulla sinistra mette sovente in difficoltà il Chievo. E proprio il numero 23 nerazzurro che al minuto 53 si inventa un supergol dalla sinistra rientra verso il centro e lascia partire un destro a giro che tocca il palo e si infila in porta: 1-1. Esplode l’Arena Garibaldi per un pareggio più che meritato. Mister Luca D’Angelo richiama in panchina Pinato ammonito pochi secondi prima e inserisce Danilo Soddimo. Attacco tutto nuovo con Soddimo che si sistema dietro alle due punte Masucci-Marconi. Pisa ancora pericoloso al minuto 65: cross da destra di Gucher per Masucci che stoppa con il petto e con il destro non imprime quella forza necessaria che sarebbe servita. Semper blocca, il Chievo è salvo. La formazione scaligera risponde subito con un traversone da sinistra di Renzetti che attraversa tutta l’area nerazzurra con un niente di fatto. Al minuto 71′ con un colpo di testa di Benedetti su traversone di Marin il Pisa sfiora il vantaggio. Palla che sfiora il montante alla sinistra di Semper. Chievo in difficoltà. Fuori Dickmann e dentro Frey. Anche Soddimo sio becca il giallo per proteste. Marcolini corre ancora ai ripari: dentro anche Vignato per Giaccherini. Il Pisa intanto guadagna un calcio di punizione purtroppo non sfruttato a dovere. Intanto mister D’Angelo manda in campo anche l’ex Davide Moscardelli richiamando in panchina Gaetano Masucci. Ma al minuto 85 Pisa in dieci per il rosso a Soddimo (secondo giallo) parso un pò severo. Chievo che però ha la palla del vantaggio con Djordjevic , ma Gori devia in angolo, ma nell’occasione si fa male. Servono per entrambi le cure dei sanitari. Alla ripresa del gioco però l’arbitro decide di ripartire da una punizione a due per fuorigioco. Sono sei intanto i minuti di recupero assegnati in questa ripresa. all’ultima azione Gucher salva sulla linea un destro a botta sicura di Vignato.

PISA – CHIEVO 1-1

PISA (4-3-1-2): Gori, Birindelli, Caracciolo, Benedetti, Lisi, Gucher, Marin, Pinato (60′ Soddimo), Siega, Masucci (81′ Moscardelli), Vido (53′ Marconi). A disp. Perilli, Dekic, Pisano, Belli, Pompetti, Minesso, De Vitis, Fabbro, Perazzolo. All. Luca D’Angelo.

CHIEVO VERONA (4-3-1-2): Semper, Dickmann (72′ Frey), Leverbe, Cesar, Renzetti, Segre, Esposito, Garritano, Giaccherini (75′ Vignato), Meggiorini (18′ Djordjevic), Ceter. A disp. Pavoni, Nardi, Ongenda, Karamoko, Morsay, Rigione, Grubac, Zuelli. All. Michele Marcolini.

ARBITRO: Dionisi della sezione de L’Aquila (Ass. Pagnotta – Vono). Quarto uomo: Luigi Carella della sezione di Bari.

RETI: 8′ Meggiorini (CV), 53′ Lisi (P)

NOTE: giornata di sole, terreno in perfette condizioni. Ammoniti Renzetti, Garritano, Djordjevic, Benedetti, Pinato, Siega, Soddimo, Marcolini. Espulso (85′) Soddimo per doppia ammonizione. Angoli 9-5. Rec pt 3′, st 6′. Spettatori 8.001 per un incasso 88.086 euro

By