Serie BKT. Pisa – Pordenone 1-0. Palombi-gol, altri tre punti pesanti all’Arena per i nerazzurri

PISA – Secondo successo consecutivo per il Pisa, che con un gol di Simone Palombi batte il Pordenone (1-0) e lo raggiunge in classifica a quota tredici punti. Un successo meritato per la squadra di mister Luca D’Angelo che per la prima volta in questa stagione non subisce gol e porta a casa un successo pesantissimo per la classifica e importante per il morale anche in vista del terzo impegno ravvicinato in programma amrtedì prossimo contro il Pescara.

di Antonio Tognoli

PRE GARA. Mister Luca D’angelo deve ancora rinunciare a Varnier e De Vitis. Contro il Pordenone il tecnico nerazzurro fa esordire dal primo minuto Sibilli già autore del gol del successo a Reggio Calabria e decisivo dopo il suo ingresso martedì scorso nel recupero contro l’Ascoli. Una grande occasione al fianco di Palombi confermato dopo la titolarità dall’inizio con i bianconeri marchigiani. Alle spalle delle punte torna Luca Vido protagonista in positivo di questo avvio di stagione in nerazzurro. Davanti a Perilli confermato il duo formato da Benedetti e Caracciolo. Belli e Lisi sono gli esterni bassi, A centrocampo torna Gucher dal primo minuto con le conferme di Marin e Mazzitelli. Il Pordenone di mister Tesser si schiera “a specchio” con il medesimo modulo dei nerazzurri, Davanti a Perisan ci sono Barison e il marinese Camporese. Centrocampo formato da Magnino, Calò, ex Juve Stabia e recordman di assist in B (quattordici) e Pasa. Alle spalle di Diaw e Musiolik c’è un altro ex stabiese, Mallamo conTesser che rinuncia inizialmente all’esperto Ciurria nel ruolo di tre quartista. Pordenone è decimo in classifica a quota tredici, il Pisa è al quattordicesimo posto e ha raggiunto quota dieci punti dopo il successo nel recupero di martedì contro l’Ascoli raggiungendo in classfica Reggina e Brescia. Arbitra l’incontro in un Arena ancora una volta deserta il Sig. Serra della sezione di Torino. Prima del fischio d’avvio un minuto di silenzio per ricordare l’attaccante della Juve ed eroe del Mundial 82 Pablito Rossi scomparso nei giorni scorsi all’età di 64 anni per un male incurabile.

IL PRIMO TEMPO. Pisa in maglia nerazzurra, Pordenone che scende sul terreno dell’Arena con un completo bianco e una striscia verticale rossa. Avvio veemente del Pisa che guadagna tre corner nei primi dieci minuti di gara. La formazione di mister D’Angelo si fa pericolosa in avanti con una rovesciata di Mazzitelli dal limite e una conclusione dai venti metri di Lisi, Perisan blocca a terra. Dalla parte opposta Caracciolo si rifugia in angolo su traversone rasoterra di Musiolik e sucessivamente su azione d’angolo ancora Caracciolo respinge il colpo di testa di Magnino. Partita che vive di sussulti. I ritmi non sono altissimi, come gli spunti di cronaca non sono molti. Perisan blocca una punizione da destra di Gucher. Il Pordenone risponde con un azione di Diaw che però spalle alla porta viene fermato da Caracciolo. Al minuto 27 però la prima vera palla gol è del Pisa. Sibilli ruba palla sulla destra a Chrzanowski vede in mezzo liberissimo con il piatto Palombi che però all’altezza del dischetto del rigore manda sul fondo. Peccato. Poco dopo fallo sulla tre quarti nerazzurra su Sibilli. Si ferma il gioco per qualche minuto. Sibilli esce e rientra in campo con una vistosa fasciatura. Pisa ancora pericoloso con Mazzitelli, ma la sua conclusione viene respinta. Sulla lista dei cattivi finisce per il Pisa Benedetti. E’ una fase confusa e nervosa del match. Perilli compie una parata importante sun una punizione dai sedici metri di Calò, poi Caracciolo spazza in fallo laterale. A stretto giro di posta finiscono sul taccuino dei cattivi prima Musiolik e poi Marin. Sono due i minuti di recupero assegnati da Serra. Si va al riposo sullo 0-0.

IL SECONDO TEMPO. Nessun cambio nei due schieramenti ad inizio ripresa. Il Pisa parte forte come al solito e alla prima occasione colpisce il Pordenone. Pressione di Mazzitelli, palla che perviene a Sibilli che accellera, entra in area dalla sinistra e serve una palla al bacio a Palombi, che questa volta non sbaglia e devia nell’angolo alla sinistra di Perisan: 1-0. Pisa in vantaggio e primo gol in campionato per Simone Palombi, secondo stagionale dopo quello segnato a Chiavari in Coppa Italia contro l’Entella. E’ l’undicesimo gol subito dal Pordenone in questo campionato. Tesser corre ai ripari. Dentro Bassoli, Scavone e Ciurria per cambiare l’inerzia del match cghe però rimane in mano al Pisa. E’ Camporese, anzi, a salvare su azione personale di Vido. Sibilli fa letteralmente impazzire Vogliacco, anche se l’arbitro Serra fischia punizione contro il Pisa. Intanto il tecnico del Pordenone inserisce l’ex Zammarini e Butic per Magnino e Musiolik ed esaurisce i cambi a 25 minuti dalla fine del match. Il Pisa però insiste alla ricerca del raddoppio. Vogliacco si salva in angolo su traversone dalla destra di Vido. Dalla bandierina prima Vido con un tiro cross potente e poi Sibilli fanno gridare al raddoppio, ma la squadra di Tesser si salva. Primi cambi anche per D’Angelo: dentro Siega e Marconi per Vido e Palombi. Al minuto 75 Marconi dopo aver controllato con il petto, va giù in area di rigore, ma l’arbitro lascia correre. Il Sig. Serra ammonisce invece per la seconda volta Marin che viene così espulso. Pisa in dieci negli ultimi dieci minuti del match. D’Angelo richiama subito Sibilli ed inserisce Meroni. Al minuto 80 anche il Pordenone chiede il rigore per un fallo su Scavone. L’arbitro fischia punizione in area nerazzurra. Il Pisa soffre in inferiorità numerica. Perilli salva ancora il risultato su Ciurria. La palla termina in angolo. E’ un mini assedio dei friulani. Il tecnico D’Angelo si affida negli utrlimi cinque minuti alla freschezza di Birindelli e richiama uno stremato Belli. Il Pordenone ci prova conn Scavone dal limite (86′) palla che sciviola a fondo campo con Perilli in pieno controllo, protagonista di un uscita in due tempiu che ferma il tentativo di colpo di testa di Diaw. Mazzitelli finisce sulla lista dei cattivi. Sono quattro i minuti di recupero. Perilli con i pugni sventa l’ennesimo cross dalla tre quarti dei friulani. Finisce con il successo del Pisa all’Arena. Un successo sofferto negli ultimi minuti quando il Pisa è rimasto in dieci per l’espulsione di Marius Marin.

PISA – PORDENONE 1-0

PISA SC (4-3-1-2): Perilli; Belli (84′ Birindelli), Caracciolo, Benedetti, Lisi; Gucher, Mazzitelli, Marin; Vido (71′ Siega); Sibilli (79′ Meroni), Palombi (71′ Marconi). A disp. Kucich, Loria, Pisano, Soddimo, Bechini, Masetti, Masucci, Alberti. All. Luca D’Angelo.

PORDENONE (4-3-1-2): Perisan; Vogliacco, Barison, Camporese, Chrzanowski (53′ Bassoli); Magnino (62′ Zammarini), Calò, Pasa (53′ Scavone); Mallamo (53′ Ciurria); Diaw, Musiolik (62′ Butic). A disp. Bindi, Passador, Stefani, Misuraca, Foschiani, Rossetti. All. Attilio Tesser

ARBITRO: Serra della sezione di Torino (Ass. Tardino-Massara). Quarto uomo Meraviglia

RETI: 47′ Palombi (Pi)

NOTE: giornata piovosa, terreno in buone condizioni. Ammoniti Benedetti, Musiolik, Marin, Mazzitelli. Espulso Marin (79′) per doppia ammonizione. Angoli 5-7. Rec pt 2′., st 4′.

By