Serie BKT. Pisa – Spal 3-0. Tris nerazzurro nella notte più difficile. Marsura apre, Mazzitelli sigilla, Siega la chiude

PISA – Il Pisa batte con un rotondo 3-0 la Spal e si porta a soli due punti dalla zona play-off. Vittoria schiacciante. Dopo qualche sofferenza in avvio, il Pisa prende le misure all’avversario e passa sul finire del primo tempo con Marsura. Nella ripresa i ragazzi di mister Luca D’Angelo legittimano il successo con le reti di Mazzitelli e del subentrato Siega in pieno recupero.

di Antonio Tognoli

PRE MATCH. A tre giorni dalla sconfitta contro il Cittadella il Pisa affronta all’Arena la Spal in un altro match delicato. Mister D’Angelo deve fare a meno ancora di molti elementi, tra cui Vido, Soddimo, Meroni, Caracciolo e Mastinu sempre positivi al Covid-19, oltre agli infortunati Varnier, Sibilli e Masucci. Rispetto alla gara del Tombolato il tecnico pescarese cambia alcuni protagonisti. Davanti a Gori ci sono Benedetti e De Vitis con Birindelli e Lisi, padroni delle fasce. Quaini si piazza davanti alla difesa con Marin e Mazzitelli a fungere da mezze ali. In attacco Marsura e Marconi sono le due punte, sostenute da capitan Gucher. La Spal reduce dal pareggio ad occhiali contro l’Entella risponde con un 3-5-2. Davanti a Berisha Vicari è preferito a Ranieri accanto a Okoli e Tomovic. Dickmann e Strefezza sono schierati sull’esterno con Segre, Missiroli e Mora schierati sulla linea mediana. All’ultimo momento la Spal deve fare a meno di Valoti vittima di un infortunio nel riscaldamento che si aggiunge agli indisponibili Paloschi e Di Francesco. Gioca Sala a ridosso dell’unica vera punta, l’ex Raul Asencio.

IL PRIMO TEMPO. Pisa in maglia nerazzurra, Spal in casacca biancazzurra. Inizio veloce. Strefezza commette un brutto fallo a centrocampo su Quaini che rimane a terra per qualche minuto, facendo temere il peggio. Giallo per Strefezza. Quaini alla fine si rialza e rimane in campo. Pisa propositivo proprio con Quaini, filtrante per Marin che allarga per Marsura, il cui cross viene arpionato da Gucher, girata troppo debole facile preda di Berisha. La Spal risponde con un sinistro “ciabattato” di Dickmann. Gli estensi in pochi minuti conquistano due corner, che però non hanno esito. Poco più tardi Mazzitelli prova ad imbeccare Marconi, il quale però non riesce ad impattare la sfera. Nel frattempo la Spal perde anche Tomovic (problema muscolare), al suo posto Marino inserisce Ranieri. Al minuto 35 la prima vera palla gol del match arriva da corner, calciato da Gucher per De Vitis che dal limite calcia di un soffio alto sopra la traversa. Partita che vive attimi di nervosismo dal 38′ al 41′. Si beccano il giallo a stretto giro di posta Gucher, mister D’Angelo e Sala. Ma al minuto 43 arriva il vantaggio nerazzurro. Marconi apre a destra per Birindelli il quale da destra pennella un cross a centro area liberato da Missiroli che rimette però in gioco Marsura, il quale da centro area con il sinistro trova il suo primo gol in nerazzurro alla sua seconda presenza dal primo minuto, scaraventando la sfera alle spalle di Berisha: 1-0. Pisa in vantaggio con l’ex livornese. Sono tre i minuti di recupero. Asencio anticipa Gori, ma il direttore di gara fischia la carica sul colpo di testa dell’ex nerazzurro. Palla alta sopra la traversa. E’ l’ultimo episodio della prima frazione di gara che si chiude con il Pisa in vantaggio per 1-0.

IL SECONDO TEMPO. Mister Pasquale Marino ad inizio ripresa inserisce Tumminello al posto di Sala. La prima occasione però dopo neanche un minuto è del Pisa con un sinistro di Marin con palla che termina di poco alta sopra la traversa. Dopo uno scontro aereo con Mazzitelli, Asencio ha la peggio, rimane per qualche minuto fuori campo, per poi rientrare zoppicante. In questo inizio di ripresa, è il Pisa a farsi preferire. La squadra di mister Luca D’Angelo ha l’occasione del raddoppio con Mazzitelli con Berisha che blocca a terra. Poco dopo ancora Pisa con Gucher che serve Marconi che dai sedici metri lascia partire un destro deviato in angolo da un giocatore della Spal. Anche Quaini finisce sulla lista dei cattivi. L’ex Asencio esce per infortunio al minuto 56 ed ha qualcosa da dire alla panchina nerazzurra. Nel frattempo dal limite per il Pisa ci provano Lisi, palla din un siffio a lato e Birindelli palla alta sopra la traversa. Occasionissima per il raddoppio per il Pisa al 62′: Lisi entra in area da sinistra palla respinta che capita sui piedi di Gucher che da due passi si fa respingere la conclusione da Berisha. Poi Mazzitelli sulla respinta apre il piattone con palla che termina alta. Peccato. Era un ottima occasione per chiudere il match. La Spal soffre, ma rimane in partita grazie al suo portiere che al minuto 69 sbroglia una matassa intricata salvando su una conclusione di Marconi dopo che gli estensi si erano salvati su un colpo di testa di Marsura proprio sulla linea di porta. La risposta della Spal è affidata ad una debole conclusione dell’italo brasiliano Strefezza bloccato a terra da Gori. Nel frattempoi Benedetti finisce sulla lista dei cattivi per un fallo al limite dell’area nerazzurra. Gori sbroglia la matassa uscendo in presa sicura su un traversone da sinistra di Mora. Al minuto 80 però il Pisa trova il raddoppio. Marconi avvia l’azione di rimessa lanciando Marsura che si fa tutta la fascia sinistra, fa partire il traversone proprio per la testa di Mazzitelli che firma il 2-0 ed il quarto centro con la maglia nerazzurra. Nel Pisa c’è spazio anche per altri due cambi: dentro Palombi e Siega, fuori Marsura e capitan Gucher. E al minuto 86 proprio Mazzitelli imbecca il nuovo entrato Palombi che con il piatto destro mette a lato. La Spal però ci prova fino all’ultimo con un destro di Floccari deviato in angolo da Gori. C’è tempo anche per un altra sostituzione in casa Pisa: fuori Quaini, dentro Pisano. Lisi scodella l’ennesima palla in mezzo sventata dalla difesa ferrarese. Sono quattro i minuti di recupero concessi da Giua. E nel recupero c’è tempo per la terza gioia. Marin fa ripartire l’azione, discesa di Pisano che va al traversone da destra deviato da Dickmann che finisce sulla testa di Siega che siglia il 3-0. Finisce qui. Il Pisa dopo cinque pareggi interni batte la Spal in uno scontro diretto che può segnare la svolta del campionato.

PISA – SPAL 3-0

PISA (4-3-1-2) Gori; Birindelli (82′ Belli), De Vitis, Benedetti, Lisi; Marin, Quaini (89′ Pisano), Mazzitelli, Gucher (85′ Siega); Marsura (85′ Palombi), Marconi. A disp. Perilli, Loria, Bechini, Masetti, Beghetto, Romiti, Susso Bamba. All. Luca D’Angelo.

SPAL (3-5-2) Berisha; Okoli, Tomovic (27′ Ranieri), Vicari; Dickmann, Segre, Missiroli, Mora, Strefezza, Sala (46′ Tumminello), Asencio (56′ Floccari). A disp. Thiam, Gomis; Ranieri, Esposito, Murgia, Sernicola, Spaltro, Viviani. All. Pasquale Marino.

ARBITRO: Giua della sezione di Olbia (Ass. Schirru-Berti) Quarto uomo Ghersini)

RETI: 43′ Marsura (P), 80′ Mazzitelli (P), 92′ Siega (P)

NOTE: serata fresca, terreno in buone condizioni. Ammoniti Strefezza (S). Gucher (P), D’Angelo (P), Sala (S), Quaini (P), Benedetti (P). Angoli 5-6. Rec pt 3′; st 4′.

By