Serie BKT. Spal – Pisa 4-0. I nerazzurri affondano al “Mazza”

PISA – Il Pisa cade al “Paolo Mazza” di Ferrara. Con due gol per tempo la Spal liquida i nerazzurri. Uno-due di Paloschi, poi nella ripresa ancora un uno due fulmineo firmato Tomovic e Di Francesco. Per la Spal sesto successo consecutivo, per il Pisa altri quattro gol subiti dopo il poker rimediato contro il Cittadella. Martedì 8 dicembre è atteso il pronto riscatto nel recupero contro l’Ascoli all’Arena.

di Antonio Tognoli

GLI SCHIERAMENTI. Situazione di emergenza in casa Pisa con le defezioni di Benedetti squalificato, con mister D’Angelo ancora alle prese con l’emergenza difesa e costretto a schierare al centro del pacchetto arretrato De Vitis e Caracciolo davanti a Perilli, con Lisi e Birindelli a fungere da esterni alti nel centrocampo a cinque. A centrocampo torna Marius Marin con Gucher e Mazzitelli. Davanti spazio a Vido e Masucci con Marconi che inizialmente parte dalla panchina. Marino deve rinunciare al portiere Berisha e schiera tra i pali Thiam. Out per i ragazzi di Marino anche DickmannRanieri e Okoli. Nel 3-4-1-2 l’ex tecnico dell’Empoli schiera Tomovic, Salamon e Sernicola. A centrocampo Sala e D’Alessandro agiscono da esterni. Castro schierato alle spalle delle due punte Paloschi e Di Francesco.

IL PRIMO TEMPO . Pisa in maglia nerazzurra, Spal in completo biancoceleste. La formazione di mister Luca D’Angelo parte forte Lisi imbecca Vido che in diagonale fa la barba al palo, Poco dopo Marin sfiora con un destro dal limite l’incrocio dei pali. Viene fuori anche la Spal: Paloschi serve Di Francesco con Perilli che devia in angolo. Al minuto 14 la Spal passa con Paloschi che sul secondo palo raccoglie il traversone da sinistra di Sala: 1-0. Un colpo durissimo per il Pisa che era partito benissimo. I nerazzurri accusano il colpo e al minuto 16 subiscono il raddoppio sull’asse Castro-Paloschi. Troppo facile per l’attaccante ex Milan che di piatto fa 2-0. Spal che in due minuti si porta ul 2-0. Pisa troppo penalizzato dopo il buon avvio. I nerazzurri accusano il colpo. La Spal prova ad affiondare i nerzzurri, che tuttavia resistono. Vido ci prova dal limite palla deviata in angolo. La Spal è devastante in contropiede. Marin stende D’Alessandro e si prende il giallo. La punizione di D’Alessandro però viene respinto dalla barriera. Al minuto 44 cross di Birindelli da sinistra per la testa di Masucci: palla alta sopra la traversa.

IL SECONDO TEMPO . Nella ripresa parte ancora forte il Pisa, con Mazzitelli che va alla concluasione smorzata da un difensore e bloccata da Thiam. Ma è la Spal che triplica al 54′ con unn destro al volo di Tomovic che finisce nell’angolo alla sinistra di Perilli: 3-0. E’ notte fonda per il Pisa che in contropiede subisce il poker da parte della formazione di mister Pasquale Marino con Di Francesco che a tu per tu con Perilli sigla la quarta rete. Mister D’Angelo cambia: dentro Marconi e Palombi per Masucci e Vido. In difesa il giovane Masetti rileva De Vitis. Lisi viene fermato in uscita da Thiam in angolo. Sugli sviluppi del corner colpo di testa di Pisano con palla alta sopra la traversa. Al minuto 68 Siega rileva Gucher e dieci minuti dopo dentro Belli al posto di Birindelli compito alla nuca dopo un contrasto di gioco.

IL TABELLINO: SPAL – PISA 4-0

SPAL(3-4-1-2) Thiam; Tomovic, Salamon, Sernicola; Sala. Esposito S. (74′ Murgia), Valoti (65′ Missiroli), D’Alessandro; Castro (81′ S. Esposito); Di Francesco (74′ Strefezza), Paloschi (65′ Floccari). A disp. Galeotti; Rigoni, Tunjov, Vicari, Spaltro, Jankovic, Brignola. All. Pasquale Marino

PISA (3-5-2) Perilli; Pisano, De Vitis (60′ Masetti), Caracciolo; Birindelli (78′ Belli), Gucher (68′ Siega), Marin, Mazzitelli, Lisi; Masucci (60′ Marconi), Vido (60′ Palombi). A disp. Kucich, Loria, Soddimo, Sibilli, Alberti, Giani. All. Luca D’Angelo

ARBITRO: Ros di Pordenone (Ass. Miele e Della Croce). Quarto uomo Meraviglia

RETI: 14′ e 16′ Paloschi (S), 53′ Tomovic (S), 58′ Di Francesco

NOTE: giornata fresca, terreno in buone condizioni. Ammoniti Marin, Di Francesco. Rec pt 1′, st 3′

By