Serie BKT. Spezia – Pisa 1-2. Marconi torna Batman. Il Pisa espugna il Picco

PISA – Con un doppio Marconi il Pisa espugna in rimonta (2-1) il Picco di Spezia e si porta a quota 43 punti in classifica. Una grande prova dei nerazzurri dopo le difficoltà nella prima parte del primo tempo dopo il gol di Gyasi. Il pareggio di Marconi a fine primo tempo poi il Pisa affronta una ripresa con la personalità della grande squadra e porta a casa l’intera posta realizzando al minuto 82 sempre con gli stessi interpreti della prima frazione. Assist di Gucher e testa di Marconi e lo Spezia è affondato. Ora il Pisa conquista il nono posto a meno uno dalla Salernitana e può davvero sognare.

di Antonio Tognoli

PRE GARA. Mister Luca D’angelo deve rinunciare a Lisi squalificati ed opta inizialmente per un 4-3-1-2. Davanti a Gori ci sono Caracciolo e Benedetti. Sugli esterni spazio a Pisano e Belli. Centrocampo a tre con Gucher, Pinato e Marin. Soddimo staziona dietro le due punte Vido e Marconi. Lo Spezia risponde con un 4-3-3 offensivo. Davanti a Scuffet ci sono Erlic e Capradossi con Vignali e Vitale esterni difensivi. A centrocampo Bartolomei, Maggiore e Acampora. In attacco il tridente formato da Ragusa, Nzola e l’ex Gyasi.

IL PRIMO TEMPO. Pisa in maglia gialla, Spezia in completo bianconero. Le due squadre sono divise da dieci punti. Pronti via ed è subito fallo da tergo su Vido da parte di Erlic che viene subito sanzionato con il giallo. Gara subito nel vivo e Pisa che parte senza paura. Lo Spezia però va vicino al gol con Nzola che alza sopra la traversa e spaventa ancora il Pisa con un sinistro dal limite dell’area di rigore che in qualche modo la difesa respinge. Sale la pressione degli uomini di Italiano che mantengono più a lungo il possesso palla. D’Angelo si a braccia in panchina e chiede alla sua squadra di alzarsi. Al 25′ lo Spezia passa: Ragusa pesca l’ex Gyasi che di sinistro indovina l’angolo alla sinistra di Gori: 1-0 per gli aquilotti. La risposta dei nerazzurri non si fa attendere e al 26′ Pinato con un sinistro in diagonale fa la barba al palo con Scuffet battuto. Peccato. Dal mancato pareggio al rischio di subire il secondo gol in un attimo. Ragusa non viene contrastato a dovere, la palla perviene a Nzola che però calcia addosso a Caracciolo che si sostituisce a Gori deviando in angolo. È ancora Spezia al minuto 33 ed è ancora Gyasi a chiamare Gori ad una parata strepitosa all’incrocio dei pali. Pisa in difficoltà, lo Spezia cerca di approfittarne, ma il Pisa rimane in partita. Il Pisa ci prova con Marconi dal limite palla altissima. Ma al minuto 39′ traversone perfetto di Gucher per la testa di Marconi che prende l’ascensore e indirizza la palla nell’angolo alla sinistra di Scuffet: 1-1. Torna al gol Marconi. Non segnava dalla doppietta della sfida al Pordenone. Il Pisa dopo il gol si sveglia. Marin dal limite aggancia e con il destro sfiora la traversa. Intanto Pinato si fa male. Pisa in dieci. E l’arbitro assegna un minuto di recupero nella prima frazione che si chiude sul punteggio di 1-1. Un buon Pisa che ha reagito molto bene e nel momento più difficile della prima frazione ha avuto la bravura e la fortuna di rimanere in partita.

IL SECONDO TEMPO. Ad inizio ripresa dentro De Vitis al posto di Pinato. Il Pisa sorprende lo Spezia con una partenza di personalità. Soddimo imbecca Vido che con il sinistro chiama Scuffet alla deviazione in corner. Al minuto 54 è ancora Vido a provarci dalla lunga distanza con Scuffet che devia in angolo. Doppio cambio nello Spezia, dentro Mastinu e Marchizza per Ragusa e Vitale. Il Pisa va alla conclusione dalla distanza con Gucher, palla abbondantemente fuori. Intanto dentro Meroni e Birindelli per la squadra di mister Luca D’Angelo e fuori Pisano e Belli. Al minuto 70 doppio cambio. Nello Spezia dentro Galabinov esce Nzola. Nel Pisa mister D’angelo richiama Soddimo e inserisce Minesso e poco dopo è la volta di Fabbro che prende il posto di Vido. Lo Spezia prova a vincerla. Italiano inserisce Gudjonsen al posto di Acampora rinforzando la contraerea già di per sé temibile con Galabinov e Gyasi. Minuti finali tutti da seguire. Al minuto 82 il Pisa passa. Marin guadagna un corner. Dalla bandierina va Gucher palla pennellata ancora per la testa di Marconi: 2-1. Palla alle spalle di Scuffet. Doppietta per Marconi. Esultanza da bomber alla bandierina. Un grande Marconi. Batman è tornato nella gara più importante della stagione. Galabinov viene ammonito per un brutto fallo. Sono cinque i minuti di recupero assegnati dal Sig. Ghersini. Si soffre. Il Pisa porta in fondo la vittoria. Al triplice fischio esulta la panchina nerazzurra. Un trionfo importante che adesso spalanca la porta dei playoff adesso a solo meno uno dalla Salernitana.

SPEZIA – PISA 1-2

SPEZIA (4-3-3): Scuffet; Vignali, Erlic, Capradossi, Vitale (55′ Marchizza); Bartolomei, Maggiore, Acampora (79′ Gudjonsen); Ragusa (55′ Mastinu), Nzola (69′ Galabinov), Gyasi. A disp. Krapikas, Desjardins, Mora, Terzi, Bastoni, Ferrer. All. Vincenzo Italiano

PISA (4-3-1-2): Gori, Pisano (63′ Meroni), Caracciolo, Benedetti, Belli (63′ Birindelli); Gucher, Pinato (46′ De Vitis), Marin; Soddimo (69′ Minesso); Marconi, Vido (76′ Fabbro). A disp. Perilli, Pompetti, Siega, Moscardelli, Varnier, Masucci, Ingrosso. All. Luca D’Angelo

ARBITRO: Davide Ghersini della sezione di Genova

RETI: 25′ Gyasi (Sp), 39′, 82′ Marconi (Pi)

NOTE: Serata calda, terreno in buone condizioni. Angoli 4-3. Ammonito Erlic, Mastinu, Galabinov. Rec pt 1′, st 5′.

Loading Facebook Comments ...
By