Serie BKT. Un super Fiorillo frena gli attacchi nerazzurri. Pisa fermato sullo 0-0 all’Arena dal Pescara

PISA – Finisce a reti bianche la sfida dell’Arena Garibaldi fra Pisa e Pescara. Uno 0-0 che va stretto alla formazione di mister Luca D’Angelo che colleziona il suo terzo risultato utile consecutivo in casa in altrettante sfide. Un grande Fiorillo ha negato per ben due volte la gioia del gol a Mazzitelli, una ciascuno a Birindelli, Caracciolo e Marconi. Dopo le difficoltà in avvio seconda sfida stagionale in cui il Pisa chiude con la porta inviolata. Per Psrilli un altra prova di sicurezza con almeno due interventi importanti.

di Antonio Tognoli

PRE- GARA– “Pisa entra in campo e risplendi in questa notte“. E’ il messaggio dei tifosi della Curva Nord Maurizio Alberti in uno striscione che campeggia all’ingresso della tribuna coperta un’ora prima del match contro il Pescara, il terzo consecutivo davanti al suo pubblico per la squadra di mister Luca D’Angelo. Il tecnico nerazzurro deve rinunciare a Marius Marin per squalifica a centrocampo. De Vitis torna a disposizione, ma parte dalla panchina. In attacco il mister opposto alla sua città natia lancia dal primo minuto la coppia d’attacco inedita formata da Marconi e Sibilli. Quest’ultimo attraversa un momento di grande forma ed è risultato già decisivo nelle sfide di Reggio Calabria ed in quelle con Ascoli e Pordenone. Con il successo sui giuliani i nerazzurri sabato scorso hanno raggiunto quota tredici punti agganciando proprio la squadra di mister Tesser. Dietro alle due punte confermato Luca Vido altro elemento importantissimo in questo inizio di stagione. Il Pescara scende all’Arena terz’ultimo in classifica. con sette punti. Mister Breda subentrato ad Oddo schiera un 3-5-2 ed una squadra di qualità. Davanti a Fiorillo, scuola Samp ci sono Guth, Bocchetti e Scognamiglio. Bellanova e Jaroszynsky sono gli esterni. Maistro, Valdifiori e Memushaj sono schierati a centrocampo. In attacco spazio alla coppia formata da Galano e Capone. Serata fresca, Arena ancora deserta. Arbitra Paterna della sezione di Teramo. Nei secondi che precedono l’inizio della partita fuochi d’artificio dietro la Curva Nord. Altro gesto di estrema vicinanza della tifoseria nerazzurra verso la squadra.

IL PRIMO TEMPO. I nerazzurri partono come al solito imponendo il proprio gioco, Pescara arroccato all’indietro. Al minuto 6 Bocchetti in ritardo stende Marconi spalle alla porta. Dai sedici metri ci prova proprio Marconi, ma Fiorillo compie un miracolo andando a togliere la sfera all’angolo alla sua destra. Insiste il Pisa con Lisi che però non riesce ad arpionare il cross da sinistra di Vido. Sul versante opposto Jaroszynsky tenta un improbabile tiro cross deviato fortuitamente in corner che non ha esito. Anzi Valdifiori stende Sibilli che era partito in azione di contropiede. Il Pescara si fa pericoloso con Maistro che scappa via a Benedetti, poi Caracciolo rimedia respingendo con il corpo il sinistro di Galano a botta sicura. Maistro è il secondo giocatore del Pescara a finire sulla lista dei cattivi per un fallo inutile su Mazzitelli. Il Pisa però insiste ed è ancora Fiorillo a compiere gli straordinari su una conclusione di Mazzitelli che con il sinistro aveva raccolto la sponda di Benedetti su traversone dalla trequarti di Gucher. Il Pescara subisce l’iniziativa del Pisa. Per i nerazzurri ci provano Gucher, che calcia una punizione sulla barriera. La palla termina in angolo. Sugli sviluppi del corner Vido aggancia la sfera, ma il suo sinistro termina a lato. Mazzitelli al minuto 33 si becca il giallo ed in diffida salterà la sfida con il Lecce di sabato prossimo al Via del Mare. Dalla distanza ci prova anche Birindelli, ma il suo sinistro è da dimenticare. In campo c’è una sola squadra: il Pisa. Il Pescara sta molto sulla difensiva. L’ultima occasione però è degli abruzzesi con un sinistro di Bellanova dal limite, respinto con un grande intervento di Perilli, che poi salva anche su Maistro da due passi, quando però il guardalinee aveva già fermato il gioco per offside del numero 37 di mister Breda. Il primo tempo finisce a reti bianche e senza alcun recupero.

IL SECONDO TEMPO. Ad inizio ripresa nessun cambio nei due schieramenti. La prima conclusione della ripresa porta la firma di Birindelli che servito da Marconi vince un contrasto ed impegna Fiorillo che blocca in due tempi. Mister Breda richiama in panchina Memushaj e Capone e fa fare il suo ingresso a Crecco e Omeonga.Sibilli sguscia via sulla sinistra come con il Pordenone, ma Gucher alza troppo la mira, palla alta sopra la traversa. Il Pisa a testa bassa alla ricerca del gol. Ci prova al volo anche Marconi, palla respinta dalla schiena di Bocchetti. Primi cambi anche per D’Angelo; dentro Soddimo e Palombi, al posto di Vido e Sibilli. Breda risponde inserendo Fernandes e Ceter per Valdifiori e Maistro. Al minuto 67 ci prova Marconi al volo dal limite, palla che termina alta sopra la traversa. Con coraggio ci ha provato Batman che ha nelle corde questo tipo di conclusioni. Fiorillo si supera ancora al minuto 69: ennesima punizione di Gucher dalla trequarti, colpo di testa di Caracciolo respinto dal portiere scuola Sampdoria. Pescara pericoloso con una bella iniziativa di Ceter, con Lisi che preferisce rifugiarsi in angolo. Nel Pisa dentro anche Belli e Masucci, al posto di Birindelli e Marconi. Al minuto 77 fuori Gucher per infortunio, dentro De Vitis per la squadra di D’Angelo. Fase molto spezzettata del match. Molti falli a centrocampo e molti errori di imprecisione da entrambe le parti. Al minuto 81 Soddimo servito da Lisi crossa al centro dell’area per la girata di Palombi palla alta sopra la traversa. E’ ancora Pisa nei minuti finali. Mazzitelli controlla e fa esplodere ancora il suo sinistro rasoterra dai sedici metri. Fiorillo si distende ancora e devia in calcio d’angolo. Al minuto 85 anche Benedetti si becca il giallo per il fallontattico su Ceter. Ultimi minuti con il Pisa che tenta in tutti i modi di far sua l’intera posta. Fiorillo anticipa in uscita Palombi. Sono quattro i minuti di recupero. Anche il Pescara ci prova con il destro dai 25 metri di Bellanova; palla alta sopra la traversa. Finisce 0-0 un risultato che sta stretto al Pisa per le molte occasioni create.

PISA – PESCARA 0-0

PISA SC (4-3-1-2) Perilli; Birindelli (72′ Belli), Benedetti, Caracciolo, Lisi; Gucher (77′ De Vitis), Mazzitelli, Siega; Vido (64′ Soddimo); Sibilli (64′ Palombi), Marconi (71′ Masucci). A disp. Loria, Kucich; Pisano, Meroni, Bechini, Quaini, Masetti. All. Luca D’Angelo.

PESCARA (3-5-2) Fiorillo; Bocchetti, Scognamiglio, Guth; Bellanova, Maistro (64′ Ceter), Valdifiori (64′ Fernandes), Memushaj (54′ Crecco), Jaroszynski; Galano, Capone (54′ Omeonga). A disp. Alastra, Bocic, Antei, Blanuta, Ventola. Riccardi, Nzita, Vokic. All. Roberto Breda

ARBITRO: Paterna della sezione di Teramo (Ass. Vecchi-Schirru). Quarto uomo Marinelli)

NOTE: serata fredda, temperatura intorno ai cinque gradi, terreno in ottime condizioni. Ammoniti Valdifiori, Maistro, Mazzitelli, Guth, Benedetti. Angoli 9-3. Rec pt 0′: st 4′.

By