Serie BKT. Venezia – Pisa 1-1 Marconi e Perilli non bastano. Al Penzo è comunque un bel pari. Palo di Palombi nel finale

PISA – Pari e patta al “Penzo”. Finisce 1-1 fra Venezia e Pisa. Divisione della posta alla fine positiva anche se nonostante il forcing dei lagunari, il Pisa si trovava in vantaggio dal 38′ del primo tempo con la quinta rete di Batman Marconi che ritrovava la sua ex squadra. Solo nel finale il Venezia è riuscito a trovare il gol del pareggio con il difensore austriaco Svoboda che è saltato più in alto di tutti battendo un Perilli insuperabile. Almeno cinque le parate dell’estremo difensore nerazzurro. A Venezia continua conunque la striscia positiva del Pisa che si porta a quota 20 punti in classifica.

di Antonio Tognoli

PRE GARA. Mister Luca D’Angelo schiera il Pisa al “Penzo” con un 4-3-1-2 rispolverando Danilo Soddimo tre quartista alle spalle di Vido e Marconi. Quest’ultimo ha trovato l’accordo per la firma del contratto che lo legherà al sodalizio nerazzurro fino al 2023. Davanti a Perilli ci sono Benedetti e Caracciolo con Belli e Lisi scelti per le scorribande sulle corsie esterne. A centrocampo Marin ha vinto il ballotaggio con De Vitis e stazionerà sulla linea mediana insieme a Gucher e Mazzitelli. Torna dalla squalifica Siega, ma siede inziailmente in panchina. Il Venezia vera sorpresa di questa,serie BKT schiera invece un 4-4-2 puro. Davanti a Lazzerini ci sono Svoboda e Ceccaroni con Mazzocchi e Felicioli confermati esterni bassi. Sulla linea mediana mister Zanetti sceglie Vacca (ex Foggia e avversario del Pisa allo Zaccheria nella finalissima play-off 2016) e Di Mariano con Fiordilino e Aramu a svariare sugli esterni. In attacco l’ex Francesco Forte e Johnsen.

IL PRIMO TEMPO. Il Pisa affronta in maglia bianca la sfida del “Penzo”, classica maglia arancioneroverde per il Venezia. Dopo neanche un minuto Di Mariano viene fermato fallosamente al limite da Marin. Aramu (2′) calcia e scavalca la barriera, ma Perilli è super e con una gran parata sin getta sulla propria sinistra e la toglie dal “sette” e si rifugia in angolo. Grande parata di Perilli che si conferma in un grande momento. Gara equilibrato con leggero predominio lagunare, La squadra di Zanetti fa girare bene il pallone in ampiezza, il Pisa attende e risponde con un bel duetto fra Soddimo e Vido fermato all’ultimo momento da Ceccaroni. Venezia più reattivo nel primo quarto d’ora di gioco. Al minuto 19 è ancora Aramu che rinnova la sfida con Perilli. Sinistro a giro del dieci di Zanetti, ancora respinto dal numero uno nerazzurro. Sulla ribattuta Fiordilino cerca il tap in ma sulla linea di porta c’è Caracciolo che ricaccia via la minaccia. Il Pisa si salva e risponde al minuto 20 con un destro di Mazzitelli di poco alto sopra la traversa. Ma è ancora il Venezia a rendersi pericoloso con una conclusione dal limite dell’olandese Johnsen, Perilli ancora salva il Pisa con una deviazione in angolo. Sulla battuta del corner ci prova dai sedici metri anche Vacca, ma è ancora Perilli che salva la porta nerazzurra. E’ un Venezia che spinge forte. Pisa sulla difensiva che guadagna il primo corner del match al minuto 28, ma sugli sviluppi Robilotta fischia un fallo in attacco a Caracciolo. Il primo ammonito del match è Aramu per il Venezia. I lagunari ci provano ancora al minuto 34 con Di Mariano che prima centra gli stinchi di Caracciolo e poi saggia i guantoni di Perilli che dicono di no ancora alla conclusione del centrcampista di Paolo Zanetti. Al minuto 38 però è il Pisa ad andare in vantaggio. Grande azione di rimessa con Gucher che pesca Lisi che nel frattempo si era spostato sulla fascia destra, cross rasoterra al centro con Marconi che gira con il destro nell’angolo opposto: 1-0. Pisa in vantaggio con Marconi che ritrova il gol dopo sette turni di campionato. E che gol per Batman Marconi. Il Venezia si trova sotto dopo aver fatto la partita, ma non si dà per vinto. Fiordilino va giù in area di rigore, l’arbitro lo ammonisce per simulazione. Il primo tempo si chiude con il Pisa in vantaggio per 1-o e senza nessun recupero.

IL SECONDO TEMPO. La ripresa inizia senza cambi per Venezia e Pisa. C’è un risultato da difendere per la squadra di D’Angelo che ha trovato la rete del vantaggio a fine primo tempo con Michele Marconi che ha bucato Lazzerini ritrovando confidenza con la via del gol. Ed è proprio Batman che ci riprova al minjuto 48. Questa volta il cross con il destro è di Belli, colpo di testa di Marconi e questa volta Lazzerini blocca nei pressi della linea di porta. Peccato. Al 9′ Lisi si becca il giallo per simulazione. Ammonizione pesante che manda il 23 nerazzurro in diffida assieme a Caracciolo. Nel frattempo i due tecnici effettuano i primi cambi. Per il Venezia dentro Bocalon per Johnsen, D’Angelo risponde con l’inserimento di Palombi in luogo di Soddimo. E’ il Venezia però ad essere pericoloso con il sinistro alto di Aramu dopo una bella spnda operata da Forte. Grande occasione per il Pisa al minuto 64. Scambio Lisi Gucher apertura per Marconi che però non trova il guizzo giusto facendosi anticipare dall’uscita di Lazzerini. D’Angelo cambia ancora: dentro Siega e Birindelli con il Venezia che risponde con gli inserimenti di Taugordeau e Ferrarini. Arriva però anche l’ammonizione per Antonio Caracciolo che era in diffida e salterà la prossima gara contro il Brescia sabato 16 gennaio dopo la sosta. Intanto il Pisa ci prova in contropiede con Palombi che riceve da Vido e costringe Lazzerini a bloccare a terra. Ancora Pisa pochi istanti dopo e sempre dalla corsia mancina con Birindelli che va sul fondo mette in mezzo non trovando nessun compagno però sul secondo palo. Peccato per la squadra di mister Luca D’Angelo. Le due squadre sono stanche. Il match è vibrante. Al minuto 79 è ancora super Perilli che respinge con i piedi il colpo di testa in tuffo di Forte. Sulla respinta ci prova Svoboda ma c’è Caracciolo sulla linea che aiuta Perilli a bloccare. Ma poco dopo su azione d’angolo è proprio l’austriaco Svoboda che di testa svetta più alto di tutti e segna il gol del pareggio: 1-1. D’Angelo inserisce Sibilli per Vido e De Vitis per Gucher. Il Pisa ha la grande occasione per portarsi in vantaggio. Marconi (88′) trova la testa di Palombi che supera Lazzerini ma colpisce ancora il palo. Il terzo legno per il Pisa dopo i due colpiti nella trasferta a Cosenza. Peccato. Sono quattro i minuti di recupero. De Vitis viene ammonito in un finale tiratissimo. Palombi scappa via sulla tre quarti, ma si allunga troppo il pallone favorendo il recupero di Svoboda. Finisce 1-1 al Penzo, le due squadre si dividono la posta.

VENEZIA – PISA 1-1

VENEZIA (4-4-2): Lazzerini; Mazzocchi, Svoboda, Ceccaroni, Felicioli (68′ Ferrarini); Fiordilino, Di Mariano, Vacca (68′ Taugordeau), Aramu (90′
Crnigoj); Johnsen (58′ Bocalon), Forte (90′ Capello). A disp. Pomini, Molinaro, Rossi, Bjarkason, Harvey, Karlsson, Poha, All, Paolo Zanetti

PISA SC (4-3-1-2): Perilli; Belli, Caracciolo, Benedetti, Lisi (68′ Birindelli); Gucher (83′ De Vitis), Marin (68′ Siega), Mazzitelli; Soddimo (59′ Palombi); Vido (83′ Sibilli), Marconi. A disp. Kucich, Loria, Pisano, Meroni, Bechini, Quaini. All. Luca D’Angelo

ARBITRO: Ivan Robilotta della sezione di Sala Consilina (Ass. Mondin – Mokthar). Quarto uomo Ayroldi di Molfetta

RETI: 38′ Marconi (P), 82′ Svoboda (V)

NOTE: giornata fresca, terreno in buone condizioni. Ammonito Aramu, Fiordilino, Marin, Lisi, Caracciolo, De Vitis. Angoli 11-2. Rec pt 0′, st 4′.

By