Sguardo di Vicinato, un progetto di aiuto sulla sicurezza che prende sempre più forma

PISA – Che la sicurezza sia un bisogno a cui tende ogni persona è oramai di dominio pubblico, e Pisa non fa eccezione in tal senso, al punto che una tale problematica è stata affrontata in maniera seria e costruttiva da un gruppo che ha ritenuto avviare un progetto teso alla ricerca di attenuarne, di comune accordo con le autorità prefettizie e le Forze dell’ordine, le relative ricadute sui nostri concittadine. In tale ottica, gli stessi si sono costituiti, il 25 ottobre scorso, in un’Associazione denominata “Sguardo di vicinato“, di cui è stata nominata quale Presidente la Sig.ra Alessandra Orlanza, con il principale scopo di vigilare, prevenire e, soprattutto, raccogliere le indicazioni dei singoli cittadini dei vari quartieri e zone di Pisa per poter fungere da trait d’union con le autorità preposte in materia.

di Giovanni Manenti 
Non un servizio di ronde di quartiere, pertanto, bensì singoli comitati zonali a cui ci si può iscrivere come desiderosi di fornire il proprio contributo per una città più sicura, restando bene inteso che i nomi di coloro che ne faranno domanda saranno riferiti alla Questura di Pisa al fine di effettuare i relativi controlli presso il Casellario Giudiziale onde verificare che non vi siano precedenti penali a loro carico …
Si tratta di un progetto – spiega Alessandra Orlanza – che era già partito nell’ottobre 2015 da parte del Quartiere di Putignano sulla base di un’idea fornita dall’allora Questore di Pisa Dr. Francini, ed il cui fine era la prevenzione dei furti attraverso la costituzione di una rete di cittadini che non solo fossero uniti tra di loro per scambiarsi informazioni su personaggi, auto dubbie o quant’altro di strano ci potesse essere in un quartiere, ma anche poter avere un filo diretto con le forze dell’ordine. Il progetto è andato avanti, prosegue la Presidente – ed è stato sposato sia dal nuovo Questore Dr. Rossi, insediatosi a gennaio del corrente anno, che dal Prefetto Dr.ssa Pagliuca e viste le continue adesioni ed il fatto che lo stesso ha preso piede anche in altri quartieri in quanto contribuisce a dare ai cittadini un senso di sicurezza così come nel contempo ha ricreato quel senso di comunità oramai perduto, oltre ad essere un valido supporto per le forze dell’ordine poiché comunque i molti occhi delle persone in un singolo quartiere non possono che aiutare i pochi occhi degli agenti che sono disponibili sul territorio, ci ha posti nella convinzione della necessità di costituirci in Associazione a seguito della diffusione del progetto in altri quartieri ed altresì, visto che i Gruppi di “Sguardo di vicinato” crescono di giorno in giorno, di come occorresse darsi delle regole nonché far sì che il nostro operato sia in qualche modo ufficializzatoAllo scopo di favorire i cittadini che volessero mettersi in contatto con noi – precisa Alessandra Orlanza, “abbiamo creato un indirizzo di posta elettronica – sguardodivicinatopisa@gmail.com – al quale coloro che appartengono ad uno dei quattro quartieri dove già siamo attivi, ovvero Putignano-Riglione, Santa Maria, Porta a Mare ed i Passi, possono inviare le loro segnalazioni tramite e-mail, precisando come stiano per nascere altri gruppi nei quartieri di Porta Fiorentina-La Cella, Porta a Lucca e Cisanello-Via Bargagna, peraltro ancora in via di formazione, mentre chi invece volesse creare un Gruppo ex novo in uno dei Quartieri attualmente non coperti ci può contattare sempre allo stesso indirizzo di posta elettronica e sarà nostra cura guidarli in questo percorso, naturalmente sempre previo assenso da parte della Questura circa l’inesistenza di precedenti penali a carico ed in attesa di verificare come si esprimerà in merito anche il Prefetto, avendo richiesto un incontro proprio per spiegare le finalità e le modalità operative del progetto“.
E mai, come in questo caso, riteniamo possa valere il detto che “l’unione fa la forza” e se tutti insieme ci diamo una mano senza svolgere solo un ruolo passivo nei confronti della microcriminalità, vedrete che i risultati non tarderanno a giungere.
By