Si chiude “in giallo” l’edizione 2012 del Pisa Book Festival

PISA – Il Pisa Book Festival chiude con una sorpresa: un romanzo giallo ambientato durante la kermesse libraria all’ombra della Torre pendente.

E intanto un primo bilancio finale di tre giorni intensi dedicati all’editoria indipendente con tantissimi ospiti, autori, editori, presentazioni, convegni, incontri: 4.000 mq di libri, oltre 200 eventi, 150 editori, tutto a ingresso libero. Dopo l’Olanda, la manifestazione, promossa dal Comune e dalla Provincia di Pisa e che ha come sponsor principale la Fondazione Pisa, tornerà il prossimo anno con un nuovo Paese ospite.

“Cinquantasei editori alla prima edizione e centocinquanta a questa – ha dichiarato Lucia Della Porta, direttrice del Pisa Book Festival – Dopo dieci anni di esperienza, da ‘dilettanti’ siamo orami diventati ‘professionisti’. Abbiamo confermato il successo di visitatori dello scorso anno. Il caffè letterario de “La Repubblica” è stato fondamentale per il successo di questa edizione sarà ripetuto e incrementato il prossimo anno”.

Tra le tante novità di quest’anno il Pisa Book Festival è diventato protagonista di un giallo pubblicato in formato e-book. Per festeggiare la decima edizione della fiera dell’editoria indipendente, la casa editrice digitale Siska Editore e l’autrice Stella Robi hanno realizzato “L’enigma di Agata. Giallo al Pisa Book Festival“. L’e-book ha per protagonisti tre diciottenni pisani, appassionati lettori e matematici provetti, che, districandosi tra indizi, enigmi e inganni, cercheranno di ritrovare una famosa scrittrice scomparsa e una pietra preziosa rubata.

You may also like

By