Si stringe il cerchio sull’aggressore del cuoco bengalese morto

PISA – Sembra stringersi il cerchio intorno all’aggressore del cameriere bengalese morto ieri nel centro di Pisa, dopo oltre 24 ore di agonia, per il pugno ricevuto all’improvviso e senza apparenti motivi da un giovane.

E’ quanto si apprende da ambienti investigativi. Sull’omicidio indaga la polizia. La squadra mobile ha già sentito numerosi testimoni che hanno aiutato a ricostruire la dinamica dei fatti, probabilmente, al di là delle immagini riprese dalla telecamera di video sorveglianza urbana che si trova proprio di fronte al luogo dove è stato colpito Zakir Hoassin.

Intanto oggi saracinesche abbassate e tanti cartelli di solidarietà appesi alle vetrine delle attività commerciali di via San Bernardo e piazza Gambacorti, a Pisa più conosciuta come piazza della Pera, per testimoniare vicinanza a Zakir Hoassin, che in patria lascia una moglie e tre figli, e a tutta la comunità bengalese. Ieri sera in piazza della Pera, a pochi passi dal luogo dell’aggressione, la comunità bengalese si è riunita per una manifestazione spontanea chiedendo verità e giustizia e annunciando un corteo per venerdì quando a Pisa, dove vivono circa 1.500 bengalesi, è atteso anche l’ambasciatore del Bangladesh. A Comune e Regione Toscana è stato chiesto di farsi carico delle spese per il viaggio in Italia dei familiari di Hoassin, che era a Pisa dal 2009 e che da due anni lavorava presso il ristorante indiano Tandoori dal quale era appena uscito quando è stato aggredito. Nel punto dove ha sbattuto la testa una mano anonima ha lasciato ieri sera una rosa bianca.

Fonte: ANSA

20140416-155441.jpg

You may also like

By