Sicurezza. Ancora furti a Pisa e sul Litorale

PISA – Non c’è tregua per le attività commerciali di Pisa e del litorale pisano.

La denuncia dell’ennesimo atto predatorio viene direttamente da Massimo Rutinelli, titolare a Calambrone della spaghetteria Il Tegame e presidente del centro storico di Confcommercio Pisa: “Stanotte hanno sfondato la porta del locale e hanno portato via il fondo cassa, e per fortuna non ho lasciato altro. Ancora un episodio, dopo quello della scorsa settimana, quando nel locale di Pisa hanno rubato un tablet, una bici, e i soldi in cassa”.

Nel racconto dell’imprenditore, gli episodi si succedono uno dietro l’altro: “Ancora stanotte i furti hanno riguardato la Vineria di Piazza, in Vettovaglie, mentre almeno un altro episodio simile è accaduto recentemente in piazza della Berlina. E’ un continuo, ma siamo stanchi di gridare ogni volta a lupo al lupo senza vedere nessun risultato. La realtà è che siamo impotenti e in balia di questi delinquenti, come se non bastassero tutte le difficoltà che dobbiamo affrontare ogni giorno. Abbiamo fatto mille denunce ma la situazione non cambia. A queste condizioni lavorare diventa impossibile”.

L’allarme sicurezza è nelle preoccupazioni del direttore di Confcommercio Provincia di Pisa Federico Pieragnoli: “E’ uno stillicidio continuo di furti e danneggiamenti, un bollettino che non si arresta davanti a niente e che vede le attività commerciali e gli imprenditori vittime predestinate. Riceviamo continuamente segnalazioni, con questo andazzo si rischia di far chiudere negozi e attività per troppa insicurezza, con commercianti e dipendenti sottoposti ad uno stato di tensione continua, all’insegna della paura e della preoccupazione. Dobbiamo far rinascere il commercio a Pisa, e la sicurezza non può che essere una priorità assoluta. Qualche giorno fa abbiamo raccolto la disponibilità del prefetto e del questore, adesso dobbiamo passare dalle parole ai fatti, Pisa deve diventare una città sicura”.

By