Sicurezza pea stazione di Pisa. Alta l’attenzione

PISA,- Ancora controlli in attesa della grande riqualificazione. Nel primo mese decine di sequestri e controlli. Zona stazione: «Mentre procede l’iter che porterà alla riqualificazione profonda della zona, sono in corso una serie di interventi del Comune di Pisa, in collaborazione con le forze dell’ordine e le altre istituzioni, che vanno dall’aumento dei controlli a operazioni antidegrado» spiega il sindaco di Pisa Marco Filippeschi. Per quanto riguarda i controlli da un mese la Polizia Municipale ha istituito la figura di un agente responsabile della zona, che nei primi 30 giorni ha già riportato alcuni risultati. Infine nei prossimi giorni sarà emanata un’ordinanza specifica per vietare condotte costituenti degrado o contro il decoro. Da ricordare inoltre che in autunno partiranno i lavori cofinanziati dalla Regione per la nuova illuminazione e la nuova videosorveglianza rispettivamente in viale Bonaini e viale Gramsci. Oltre a ciò, sono in corso Interventi antidegrado.

Verde pubblico: recinzione bassa spazi verdi antistanti la Stazione Centrale, sfrondatura alberi viale Gramsci per garantire maggiore illuminazione, impianto inaffiamento. Panchine: collocazione di divisori atti ad evitare l’utilizzo improprio delle panchine come giaciglio. Altri interventi per il decoro: cancellazione delle scritte su segnaletica e elementi di arredo urbano (fontana, panchine, ecc.), pulizia e manutenzione dei camminamenti coperti, richiesta ai privati di ripristino e manutenzione di elementi di arredo ed insegne, collocamento di ulteriori cestini per i rifiuti in viale Gramsci.

L’ispettore di questo reparto deve diventare il punto di riferimento del quartiere e delle varie zone. Attraverso un lavoro di gruppo deve leggere comprendere analizzare studiare e processare le varie dinamiche del quartiere processando il tutto in decisioni. Il compito, che si avvale del personale dedicato alla stazione, al duomo, tutto quello del centro storico, e se necessario del corpo, è quindi di monitorare e controllare le aree suddette, in particolare la stazione contrastando il degrado in ogni e qualsiasi forma. Deve al contempo valutare e proporre tutte le attività che possono essere di stimolo ed incentivo ad una maggiore presenza della cittadinanza nel quartiere

 

Controlli – Individuare, mappare e monitorare le attività commerciali ed effettuare controlli mirati e rigorosi su tutta la filiera del processo commerciale. Procedere ad un monitoraggio strada per strada. Fare un programma di controlli settimanali diretti o indiretti (polizia amministrativa) e di tutte il sistema di regole che sovrintende il quartiere.

 

Contatti (stakeholder) – Individuare tra le attività commerciali quelle che si rendono disponibili ad una collaborazione per attività positive e propositive, che contribuiscono al benessere della città. Individuare cittadini residenti disponibili ad una collaborazione per ricevere proposte e suggerimenti. Periodicamente   contattare questi interlocutori in loco per assumere informazioni rilevanti per il quartiere e per dare il giusto supporto a ciò che necessita. Rendicontare mensilmente sulla situazione e capire le dinamiche in atto. Redigere mensilmente un report. Riempire gli spazi con attività positive che attraggano presenza di cittadini che aumentino il controllo sociale informale.

 

By