Simone Dell’Agnello attaccante livornese del Cuneo: “Per me contro il Pisa una gara speciale”

PISA – La vittoria di domenica scorsa all’Arena Anconetani contro una Viterbese in veste di capolista, è stata indubbiamente un toccasana importante per tutto l’ambiente nerazzurro, ma che non si deve affatto distrarre, perché il Pisa è atteso da una gara altrettanto difficile a Cuneo, contro una squadra che ha come obiettivo principale la salvezza, ma che vorrà ben figurare e darà filo da torcere agli uomini di Mister Gautieri. Ed a tal proposito, Pisanews ha voluto sentire come è l’umore in casa piemontese contattando telefonicamente un giocatore importante nello scacchiere della formazione piemontese: si tratta di Simone Dell’Agnello, classe 1992, livornese doc.

di Maurizio Ficeli

D. Grazie Simone, per aver accettato l’invito del nostro portale: sei arrivato a Cuneo quest’anno, che realtà hai trovato?

R. “È una realtà molto tranquilla, nella quale non ci sono le pressioni e le ambizioni come a Pisa e Livorno. Come obiettivo puntiamo alla salvezza, siamo un bel gruppo e stiamo andando bene”.

D. Domenica prossima a Cuneo affronterete il Pisa e tu sei un livornese doc:;cosa proverai ad avere di fronte la squadra nerazzurra, eterna rivale degli amaranto?

R. “Sicuramente, come livornese, per me quella con il Pisa sarà una gara speciale, vista la rivalità che c’è calcisticamente, ma a parte questo elemento di colore, sarà una gara importante che però vivrò come le altre, poi dopo i fatti dell’alluvione, da parte dei pisani c’è stata molta solidarietà e questo è stato bellissimo. Da livornese ringrazio di cuore la città di Pisa”.

D. Tra l’altro domenica scorsa con la Viterbese, la Curva Nord di Pisa ha esposto uno striscione che recitava “Vicini a Livorno ed al suo dolore” e tutto il pubblico dell’Arena ha osservato in piedi un minuto di raccoglimento concluso con applausi scroscianti…

R. “Sì, e ti ripeto è bellissimo tutto questo, anche se è normale che ci sia una rivalità che è storica, ma vedo anche che a differenza di anni fa fra le due tifoserie c’è un grande rispetto e questo non può fare altro che piacere”.

D. Parliamo un pò di questo Cuneo. Che squadra è?

R. “Siamo una squadra nuova, composta da giocatori giovani, con qualche giocatore esperto a far da chioccia. Inoltre abbiamo iniziato con il piede giusto e con Piacenza, Giana Erminio e Prato abbiamo disputato della buone gare, anche soffrendo ma rimanendo compatti. In 4 gare giocate abbiamo subito solo due reti. Come modulo di gioco fino ad ora abbiamo giocato con un 4-3-3”

D . Invece le tue caratteristiche di attaccante quali sono?

R. “Sono un attaccante da area di rigore, diciamo la classica punta di peso, quindi giocando con continuità, come quest’anno ho acquisito una buona condizione fisica, mi piace svariare, cercando di acquisire la forma di un attaccante completo”.

D . Mentre invece, riguardo al Pisa, che informazioni hai?

R. “Diversi giocatori nerazzurri li conosco come avversari per averci giocato contro. Due anni fa giocavo a Savona ed affrontai il Pisa, vincemmo 2 a 0 e c’era Eusepi poi perdemmo al ritorno, fu l’anno nel quale il Pisa andò in B, dopo lo spareggio di Foggia. Poi conosco di vista Peralta che è di Livorno come me. Ho visto che i nerazzurri hanno avuto qualche difficoltà, ma questo può succedere, quando una squadra retrocede dalla serie B.Anche il Livorno il primo anno di C lo scorso anno fece fatica, anche con squadre come Lupa Roma o Pontedera. La vittoria contro la Viterbese è stata sicuramente importante”.

D. Quali sono a tuo avviso le favorite per la vittoria finale del campionato?

R. “Io vedo favorite Pisa, Livorno ed Alessandria, poi vedremo. Ci possono poi essere compagini che si possono inserire come ad esempio, il Siena o l’Arezzo e perché no chissà forse anche il Cuneo, perchè siamo una squadra che gioca tutte le gare per fare risultato pieno, rimanendo al tempo stesso umili”.

D. Quale sarà la vostra arma per cercare di avere la meglio sui nerazzurri pisani?

R. “Da parte nostra visto che giocheremo contro una squadra più forte di noi cercheremo di sfruttare le palle favorevoli ripartendo in contropiede, combattendo e soffrendo tutti ed undici fino alla fine”.

D. Quali sono le tue aspettative a livello personale riguardo a questa stagione calcistica?

R. “A livello personale mi aspetto una stagione di riscatto, dove spero di segnare più goals possibili, per tornare ai livelli di prima. Poi spero di fare un bel campionato con il Cuneo e poi da livornese sotto contratto con la società amaranto, spero che il Livorno vada in serie B “.

D. Se il Pisa in futuro ti chiamasse per vestire la maglia nerazzurra che cosa faresti?

R. “Da livornese doc ti dico senza problemi che Pisa è una grande piazza. Venni a giocare all’Arena quando vestivo la maglia del Savona e vidi uno stadio ed una curva spettacolare. Sei verrei a giocare nel Pisa? Mai dire mai bisognerebbe vedere se mi accetterebbero i tifosi pisani. Si sono livornese doc abito a Tirrenia e per lavoro non si dice mai di no a nessuno e se dovessi giocare nel Pisa darei il massimo anche per quella maglia con grande professionalità, e poi come ho detto prima, non c’è più l’astio di prima e la solidarietà di questi giorni fra pisani e livornesi lo ha ampiamente dimostrato”.

By