Simone Masini a Pisanews.net: “Quanto mi manca Pisa”

PISA – Nelle file del Catanzaro, prossimo avversario del Pisa, milita il nostro concittadino Simone Masini. Abbiamo voluto intervistarlo prima del match contro i nerazzurri.

La scheda. Simone Masini è nato a Pisa il 23 ottobre 1984.  E” alto cm.1,82 e pesa 71 kg.e non ha mai militato nel Pisa ma ha cominciato professionalmente con la Lucchese in C/1 dove e’ stato dal 2005 al 2008, poi ha militato nell’ Ascoli in serie B nel 2008/09, a Lanciano in C/1 nel 2000, poi la nuova avventura nel 09/10 ad Ascoli in C/1 nel 2010/11 a Monza in C/1 dal gennaio 2011 a Catanzaro dove tuttora milita.

Simone Masini, attaccante pisano in forza al Catanzaro

Che emozoni proverai e che partita sara’?

“Per me sicuramente è una partita speciale, Pisa e’ la citta’ dove sono nato, li’ ho molti amici e li’ tornero’ a vivere appena smettero’ di giocare. Sara’ una partita difficile per tutte e due le squadre, in quanto il Pisa viene da un periodo difficile e vorra’ riscattarsi e noi veniamo da risultati positivi ed abbiamo intenzione di raggiungere la salvezza prima possibile”.

Ma non aspirate a qualcosa di piu?

“Siccome qualche anno fa, quando parlammo di playoff cominciammo a perdere qualche partita ed allora preferiamo tenere un profilo basso, ora abbiamo da affrontare Pisa, Perugia, Frosinone e solo dopo queste gare trarremo le conclusioni”.

Per voi quali possono essere le insidie in questo match col Pisa?

“Il Pisa ha giocatori importanti ed avra’ voglia di riscattarsi e questa per loro sara’ una spinta a far bene, oltre alla bravura dei giocatori”

Che idea ti sei fatto sulla squadra del Pisa?

“Mi ha impressionato il collettivo,con giocatori di qualita’ ad esempio a centrocampo come Favasuli, Mingazzini, Busce’ e Benedetti”:

E del Catanzaro che ci dici?

“Ad inizio campionato giocavamo col 3-4-3, facevamo molti gol ma ne prendevamo altrettanti, poi dopo 10 giornate abbiamo cambiato modulo ed ora adottiamo il 3-5-1-1 e le cose vanno meglio”.

E tu come attaccante che modulo preferisci?

“Nel corso degli anni ho giocato in diversi modi e mi son sempre adattato e per me non importa in quale ruolo,mi basta giocare”.

Da pisano avrai seguito il Pisa da tifoso?

“Certo, ho visto diverse partite del Pisa, specialmente negli anni 90, quelli della serie A e della serie B con Romeo, mi ci portava mio nonno”.

Ti manca un po’ Pisa?

“Si, mi manca la focaccina con la cecìna e poi Pisa per me e’ bellissima,  inoltre mi mancano gli affetti,i genitori e gli amici”.

C’e’ stato un momento che sei stato vicino a vestire la casacca nerazzurra?

“Ci sono stati dei “rumors” in passato quando ero a Lucca e ad Ascoli ma non c’è mai stato nulla di concreto, speriamo,chissa’, in futuro”. Verrei a piedi”.

Soddisfatto della tua carriera calcistica?

“Io penso che alla fine ognuno ha cio’ che si merita, il sogno sarebbe stato di giocare in serie A ma non mi lamento, va bene cosi”.

Come andra’ a finire questo girone B di Lega Pro?

“Per il primo posto vedo una lotta a due fra Latina ed Avellino, per i playoff vedo Perugia e Nocerina e l’ultimo posto per i playoff lo vedo un incognita’, ma da pisano auguro al Pisa che ce la faccia ad entrarvi”.

By